Graphic

 photo wendy_zps018366a5.png

 

The ones who are friending me on facebook probably knows one of my biggest passions that actually I’ve never showed you here on the blog. What is that? Graphic, of course! Some years ago, I get really fashinated watching a random video that was actually a Photoshop tutorial. After that I decided to follow a graphic correspondence course, and I learned a lot of ‘secrets’ on how to use Photoshop, Paint Shop Pro, Gimp and so on. I cannot say I’m a graphic master, but I can say that sometimes I do some nice works. While I’m studying for my next exam, I decided to show you some of them today. I’m not constantly doing graphic, it’s just something that I do when I’m inspired, so I’m not gonna post regularly my works, just when I create something I think it’s beautiful. Enjoy 😉

P.S. Follow me on Bloglovin, Instagram and Twitter, if you’ll tell me I’ll be happy to follow you back.

Quelli di voi che mi hanno chiesto l’amicizia su facebook probabilmente conoscono una delle mie passioni più grandi di cui non ho mai parlato sul blog. Cos’è? La grafica! Alcuni anni fa, sono rimasta affascinata vedendo per caso un video tutorial per photoshop. Dopodichè ho deciso di seguire un corso di grafica per corrispondenza, e ho imparato un sacco di ‘segreti’ per usare Photoshop, Paint Shop Pro, Gimp e compagnia. Non posso definirmi una maestra nella grafica, ma posso dire di aver fatto alcuni lavori carini. Mentre studio per il mio prossimo esame, ho deciso di condividerne qualcuno con voi. Non faccio grafica tutti i giorni, solo quando sono ispirata, quindi non posterò regolarmente i miei lavori, solo quando creerò qualcosa che varrà la pena condividere. Intanto spero vi piacciano questi miei lavori passati 😉

P.S. Seguitemi su Bloglvin, Instagram e Twitter, se me lo farete sapere sarò felice di ricambiare.

Continua a leggere

Bucatini with puntarelle and mussels

 photo DSCN0007_zpsc44ece0a.jpg

 

After ages I’m back with a new recipe! I actually cook a lot as much as through the years I discovered that cookery is a big weapon against anxiety, and also improves my energy while I study. Both thanks to my mum that had a very good education about food and (but I would be happy without them!) to my health problems, I try to have an healthy life as much as possible. I eat really green and clean everyday and I try to do physical activity 6/7. For beginners it’s always hard and it’s really easy to find excuses like work, tiredness and so on. I was the first on this when I had to stop sport on competitive level. But after a year of ‘I’m too busy – I’m too tired’ I went for routine blood tests and I discovered values that could come from a person who’s 90 not 19. Since then I made everything possible to get my youth back, and believe me when I say I can really see the difference! We actually discovered that there’s genetic behind my blood and physical problems, so I will never have completely clean blood tests, but I’ve also understand that living a healthy life would let me do almost everything the others girls of my age do, bad habits won’t. Anyway I have to admit that I’m a very good eater so I allow myself a couple of tastelicious meals to let me cook a lot and satisfy my palate. The recipe I’m gonna explain today is definitely one of this two meals, it’s a little longer from the ones I showed before, but definitely worth it. Obviously is inspired by the genius Sergio Barzetti. Let’s get started!

For 4 people:

400 g of bucatini pasta

1 kg of mussels

1 head of puntarelle

parsley to taste

basil to taste

1 chili pepper

1 glass of dry white wine

1 big potato

2 bay leaves

extra virgin olive oil to taste

salt to taste

pepper to taste

The recipe is pretty simple, but to explain it better I divided it in three parts. So let’s start it from the first one: prepare mussels.

Dopo secoli sono tornata con una nuova ricetta! Io cucino veramente tanto sia perchè negli anni ho scoperto che è una grande arma contro l’ansia, sia perchè aumenta anche le mie energie per studiare. Sia grazie a mia mamma che ha avuto un’ottima educazione riguardo al cibo sia (anche se farei volentieri a meno!) ai miei problemi di salute, cerco di avere una vita sana il più possibile. Mangio molta verdura e frutta di stagione ogni giorno e cerco di fare attività fisica 6 giorni su 7. Per chi inizia questo stile di vita è sempre dura, ed è facile trovare scuse per non farcela come il lavoro, la stanchezza e così via. Io ero la prima a trovarle dopo che ho smesso l’attività agonistica. Ma dopo un anno di ‘sono troppo stanca – sono troppo impegnata’ sono andata a fare il solito controllo del sangue e ho scoperto valori che sarebbero andati bene per una donna di 90 anni non di 19. Da quel giorno ho fatto tutto il possibile per riprendermi la mia giovinezza, e credetemi se vi dico che si vede la differenza! Abbiamo poi scoperto che in realtà dietro quei valori così sballati ci sono anche problemi genetici e che quindi non avrò mai esami del sangue completamente puliti, ma ho capito che vivere una vita sana mi permetterà di fare quasi tutto quello che le ragazze della mia età fanno, le cattive abitudini invece no. Tuttavia devo ammettere che sono una buonissima forchetta, per questo mi concedo un paio di pasti più goduriosi a settimana per dare un po’ di gioia anche al mio palato. La ricetta che vi presento oggi è decisamente da far rientrare in questi extra ed è un po’ più lunga di quelle che vi presento normalmente, ma ne vale veramente la pena. E’ ovviamente ispirata a quella del genio Sergio Barzetti. Iniziamo!

Per 4 persone:

400 g di bucatini

1 kg di cozze

1 ciospo di puntarelle

prezzemolo q. b.

basilico q. b.

1 peperoncino

1 bicchiere di vino bianco secco

1 grossa patata

2 foglie di alloro

olio extravergine di oliva q.b.

sale q. b.

pepe q. b.

In se la ricetta è abbastanza semplice, ma per spiegarvela meglio ho deciso di dividerla in tre parti. Iniziamo con la prima: preparare le cozze.

Continua a leggere

Parole in circolo

 photo DSCN0009_zps6bf0d9c0.jpg

Anyone who has a favorite singer can’t wait for something new to came out whether it’s a single, an album, a concert or a project. It’s with this last world that my favorite singer calls Parole In Circolo, his brand new album that came out on January 13th. I’m not gonna tell you how many times I’ve listened to it, it’s on heavy rotation since I got it in my hands and if I’m not listening to it it’s because a) I’m sleeping or b) I’m following him in his tour de force of interviews from a radio to another. And if you think that it’s 1one/of2two so in months the second part will come out, my neighbours would kill me. Or kill him, the important that it stops playing from now to forever. Samantha stay focus on the subject, please tell me this now and then. Or better don’t or I’ll be thinking I’m back to high school.

We were saying, Marco Mengoni. I remember like it was yesterday when I was sitten in front of a different computer, in a different studio, just shy of two years ago, and I was talking to you about #Prontoacorrere, the album before Parole In Circolo and The Queen Of Dreaming was just little poppet of some months old. Well, how could I forget that moment as much as was the day after I met him. I was only able to say a few words, a thank almost whispered, DAMN SHYNESS! Well actually I’m shy only in important situations, when I should open myself more to people, I have to learn how to fight this feelings. Samantha stay focus on the theme. Thanks we were saying. You probably think thanks for the autograph, thanks for the amazing concerts (next one 21st of may yay!), thanks for that amazing voice and talent you have. But actually there’s a secret challenge between the two of us, so secret that he doesn’t know it, if I wasn’t that shy probably I’d have been able to tell him that, but everytime I act like he knows. Tell us about this challenge. Ok. Everyone of us sooner or later heard a song and thought that represent us in some ways, that maybe we share these emotions we are feeling with the singer. With Marco this happens everytime. And when I say everytime I mean everytime. But it’s not like ‘same emotions’ felling. The words and the way how they are sung that tell about me, my life, about what I’m living in a specific moment, like no singer have done before. It’s seems like that when Marco Mengoni writes and sing is possessed by Samantha Campanini without me and him knowing it. To make it clearer: if I had a millionth of his talent I would write very similar things, which I’ll never be able to do because for this I’ve zero talent. Therefore every time I have a brand new Marco CD in my hands, since the first one, I look at it and I’m like ‘let’s if you made it again this time’.  And guys he does it every time. Every time I see my story in his songs, I see the moment I’m living. It’s like we are growing up together, it’s like our emotions meet every time unconsciously. The CD starts with Guerriero, the first single who had already cleverly passed this phase.

Then it comes Esseri Umani, hell seriously? I was actually crying since the beginning of the day, hoping to stop listening to the project and he hit me in the face with a

Credo negli esseri umani                              (I believe in human beings
che hanno coraggio,                                     who have the courage,
coraggio di essere umani.                           Courage of being human being.)

Tell me Marco, were you hidden at the tattooist when I let him write courage on my skin indelibly, telling him why? And were you there when I was proposing myself that from that exact moment till the end of days I’ll only need to look at myself in the mirror to realize how brave I am? And you saw that I forgot about that promise and you decide to sing it to me? This is just the refrain, but actually the entire lyrics talks about the brave Samantha that seemed to be lost and immediately came back listening this song.

To follow Invincibile

Guardo le finestre illuminate                     (I look to illuminated windows

Ognuna che racchiude tante storie           everyone of them holds many stories

Chissà se si fa guerra o si fa pace             who knows if there’s war or peace

Intanto io continuo a camminare            in the meantime I keep walking)

And again. The song talks again about my bad days and these exact words I wrote remind me when it’s twilight and to get over I jump in the car and zip through the streets looking at houses and people. It’s in these exact moments when I realize that I’m not the only one having pain and if people get over it why can’t I? And Io Ti Aspetto starts palying

Io ti aspetto e nel frattempo vivo           (I wait for you and in the meantime I live

Finché il cuore abita da solo                   till the heart lives alone

Questo cielo non è poi leggero               this sky is not so light

Affiderò                                                       I’ll entrust

Queste parole ad un libro già scritto  this words to an already written book

Che poi rileggerò                                    which I’ll read again

Vivo così                                                   I live like that

Coi sogni piegati in valigia                with dreams bended in my bags)

Really Marco you have to stop. Or at least tell me if you keep peeking at me. Again this song talks about these moments when I decide I can do this, that I actually love my life, and if something go wrong today can actually go right tomorrow. If someone can’t see that, can’t see who I am or just wants mess things up, who cares, I wait for him to open his eyes, but in the meantime I keep living

Pugni chiusi che                      (closed fist that

Questo cuore ha                       this heart has

È vulnerabile, lo sai,              it’s vulnerable, you know that,

Anche se il duro fa                 even if it plays the hardass)

In the songs before I didn’t talk about love sentences, but actually they were true for me too. I never talk about that because, exactly like La Neve Prima Che Cada says, my heart love playing the hardass, it always has closed fist and only who really knows me knows how much it’s actually vulnerable. And after the nth song I’m asking: Are you one of these rare people that knows me so well, Marco? How?

io non ho mai smesso di crederci                 (I’ve never stopped believing

tutto adesso cambierà                                     everything will change now

il nostro tempo, l’amore vissuto                   our times, the past love

tu lo riabbraccerai                                          you’ll embrace it again

è come un attimo fa, come un attimo fa   like a moment ago, like a moment ago)

Like the song before, Come Un Attimo Fa slips into the bowels of my feelings and put in mouth words I’m able to say only with big efforts, but that are exactly what I think when I’m on the limbo deciding in which side I have to throw myself.

E invece io volevo te,                                   (And in reality I wanted just you,

Sempre cercato solo te                                 I’ve always looked for you

Ed è per questo che continuerò                 And that’s way I’ll keep

A cercarti ancora                                         looking for you again)

My relationship status comes again on general public with Ed è Per Questo. Even If I never talk about this side of me, I surely think about it. Listening to this lyrics I found myself: I don’t know who I want, but I definitely know what I want in a person and even if the meantime I live, like I said before, I know what I’m looking for and I’m gonna stop doing it.

Dentro la mia testa                                       (Inside my head

Vivono le ombre di qualcosa                       live the shadows of something

Che non mi fa bene,                                       that don’t allow me to do well

Non mi fa stare bene                                     don’t allow me to do well

Ho bisogno di cambiare                               I need to change

Per non essere costretto                              To not be forced

Ad ammettere che                                        To admit that

Il meglio di me                                              The best of me

Nessuno lo ha mai chiesto                          Has never been asked by anyone)

Who knows me or follow me, or simply as read this post since the beginning doesn’t need a comment about this words from Se Sei Come Sei.

Soundtrack of my life since 19th of september 1993.

Si lo so è una pazzia                   (Yes I know it’s something crazy

Ma di credere sai                         But believing

A questa favola mia                    To this fairytale of mine

Io non smetterò mai                   I’ll never stop)

Words in Se Io Fossi Te. As if he wanted to mark again my ideas, my way of living, with words so perfect, so ‘Sam-style’ that I’m closet o be scared to see them coming out o fan head that is not mine. And the final song, Mai E Per Sempre, is surely the best way to conclude leaving me completely speechless.

Se vivi la vita                                      (If you live the life

In punta di piedi,                                On tiptoe,

D’accordo, non corri,                        Okay, you don’t run,

Però quasi voli.                                  But you almost fly.)

And like you can clearly understand, even this time the challenge is completely passed. The richness is completely new, avant-garde, refined and pretty different from the Mengoni of early times. And again unbelievably this richness are really close to a music that I’ve started to listen not so long ago and that I was loving everyday more. Now we don’t have many possibilities: or me and Marco had very similar experience in our lives, or everything is a huge coincidence, or clearly he is peeling me.  The fact is that this songs added themself strongly in the soundtrack of my life and tha only thing I can do is love them, be moved and invite you to buy this album and listen to it.

Chiunque abbia un cantante preferito aspetta con ansia che esca qualcosa di nuovo, che sia un singolo, che sia un album, che sia un concerto o che sia un progetto. E’ così che il mio, di cantanti preferiti, definisce Parole In Circolo, nuovo album uscito il 13 gennaio. Non sto a dirvi ormai quante volte l’ho ascoltato, è in rotazione continua da giorni e se non lo ascolto è perchè a) dormo o b) lo sto seguendo in questa suo tour de force di interviste da una radio all’altra. Se poi pensate che è un 1uno/di2due e che a mesi ne uscirà una seconda parte, i miei vicini potrebbero venire a uccidermi. O uccidere lui, basta che smetta di suonare 24 ore al giorno da qui a per sempre. Samantha resta nel tema, ditemelo ogni tanto vi prego. Anzi no se no mi sembra di essere tornata a scuola. 

Dicevamo, Marco Mengoni. Ricordo come ieri mentre mi sedevo davanti a un computer diverso, in uno studio diverso, poco meno di due anni fa e vi raccontavo di #Prontoacorrere, l’album di inediti di Marco prima di Parole In Circolo, quando The Queen Of Dreaming era ancora un cucciolotto di qualche mese. Anche perchè sinceramente come posso dimenticare quel momento dato che era esattamente un giorno dopo in cui avevo incontrato lui. E ero riuscita a dirgli due parole in croce, un grazie con un filo di voce quasi, DANNATA TIMIDEZZA! Che poi alla fine sono timida solo quando dovrei aprirmi di più, nelle occasioni importanti, devo imparare a combattere questi momenti. Samantha resta nel tema. Grazie dicevamo. Dite certo grazie per l’autografo, grazie per i bellissimi concerti (il prossimo il 21 maggio yeah!), grazie per avere quella gran bella voce e stile che ti ritrovi. Ma in realtà c’è una sfida silenziosa tra noi due, ovvio lui non lo sa, magari se non fossi così timida gliel’avrei anche detto, ma ogni volta mi sento come se lui in realtà lo sapesse. Qual’è questa sfida? Ora vi spiego. A tutti noi è capitato di ascoltare una canzone e pensare che ci rappresentasse in qualche modo, che raccontasse qualcosa che avevamo in comune con chi l’ha scritta. Marco lo fa sempre. E quando dico sempre intendo sempre. Ma non è come quel sentirsi rappresentati a livello di ‘stessa emozione’. Sono le parole e il modo in cui sono cantate che insieme raccontano di me, della mia vita, di quello che sto vivendo in un determinato momento, come nessun altro cantante è riuscito a fare prima d’ora. E’ come se Marco Mengoni quando scrive e canta fosse posseduto da Samantha Campanini senza che in realtà ne io ne lui lo sappiamo. Per rendervela più chiara, se avessi anche un milionesimo del suo talento, probabilmente butterei giù parole se non uguali, ma molto simili, ma questo non lo posso fare, perchè non sono capace. Quindi ogni volta che ho in mano un suo cd nuovo, sin dal primo, lo guardo e penso ‘vediamo se ce l’hai fatta anche stavolta’. E ragazzi ce la fa. Ogni volta vedo la mia storia nelle sue canzoni, vedo il momento che sto passando. E’ come se crescessimo insieme, è come se le nostre emozioni si incontrassero ogni volta inconsapevolmente. Il CD parte con Guerriero, il primo singolo, per cui tutta questa fase era già stata vissuta e brillantemente superata dall’esaminato. Poi arriva Esseri Umani, diamine seriamente? Stavo passando la giornata a piangere sperando di risollevarmi con l’ascolto del progetto e mi colpisce in faccia un bel

Credo negli esseri umani
che hanno coraggio,
coraggio di essere umani.

Dimmi Marco, eri nascosto nella stanza del tatuatore quando imprimeva per sempre courage sulla mia pelle e gli raccontavo perchè? E eri lì quando mi ripromettevo che nei miei momenti bui d’ora in poi mi sarei guardata allo specchio per ricordarmi che ce l’avrei fatta? E hai visto che mi ero dimenticata della mia promessa e hai ben pensato di cantarmela? Questo è solo il ritornello, ma tutto il testo racchiude la Samantha coraggiosa che sembrava essere andata via per sempre e invece con che prepotenza è tornata indietro con queste parole. Segue Invincibile

Guardo le finestre illuminate

Ognuna che racchiude tante storie

Chissà se si fa guerra o si fa pace

Intanto io continuo a camminare

E ancora. La canzone continua a raccontare dei miei giorni bui e queste parole che vi riporto, mi ricordano esattamente quando per riprendermi mi infilo nella macchina e sfreccio per le strade durante il tramonto, guardando, palazzi e persone e pensando cosa stia passando per la loro testa e realizzo pian piano che devo continuare a perseverare perchè tutti hanno problemi e che se chi ce l’ha fatta, perchè non posso farcela anche io con i miei quintali di determinazione? E parte Io Ti Aspetto

Io ti aspetto e nel frattempo vivo

Finché il cuore abita da solo

Questo cielo non è poi leggero

Affiderò

Queste parole ad un libro già scritto

Che poi rileggerò

Vivo così

Coi sogni piegati in valigia

Davvero Marco basta. Almeno dimmelo se continui a spiarmi. Di nuovo, questa canzone sembra raccontare tutto quello che mi passa per la testa in quei momenti in cui mi ricordo che in realtà sono forte tra le lacrime, in cui decido che devo viverla questa vita, e che se stavolta non è andata intanto si va avanti e se c’è qualcuno o qualcosa che si mette in mezzo, cavolacci suoi, io aspetto che si svegli, ma intanto vivo.

Pugni chiusi che

Questo cuore ha

È vulnerabile, lo sai,

Anche se il duro fa

Nelle canzoni citate e descritte prima ho un po’ snobbato quelle che erano le strofe più d’amore, ma in realtà erano vere per me anche quelle, non ne parlo mai, semplicemente perchè come racconta magistralmente La Neve Prima Che Cada, al mio cuore piace tanto fare il duro, quello che non è interessato ai sentimenti, come dice esattamente la canzone sta sempre coi pugni chiusi, ma solo chi mi conosce bene sa esattamente quanto sia vulnerabile. E dopo l’ennesima canzone mi viene da chiedermi: ma non è Marco che anche tu mi conosci così bene? Come fai?

io non ho mai smesso di crederci

tutto adesso cambierà

il nostro tempo, l’amore vissuto

tu lo riabbraccerai

è come un attimo fa, come un attimo fa

Esattamente come la canzone prima, Come Un Attimo Fa si infila nelle viscere dei miei sentimenti e riesce a mettere in bocca quelle parole che non riesco mai a dire, che escono fuori solo dopo immani fatiche, ma sono esattamente quello che penso in quei momenti dove sono sul limbo, a decidere della mia vita, a decidere da che parte buttarmi.

E invece io volevo te,

Sempre cercato solo te

Ed è per questo che continuerò

A cercarti ancora

Ancora la mia situazione sentimentale sulla piazza arriva con Ed è per questo. Anche se non parlo mai di questo lato di me, sicuramente ci penso, e ascoltando questo testo ritrovo perfettamente me stessa. Non so chi voglio, ma sono benissimo cosa voglio in una persona e anche se nel frattempo vivo, come si diceva prima, so bene cosa sto cercando e anche se a volte rischio di illudermi, la meta è chiara, e continuerò a cercarla.

Dentro la mia testa

Vivono le ombre di qualcosa

Che non mi fa bene,

Non mi fa stare bene

Ho bisogno di cambiare

Per non essere costretto

Ad ammettere che

Il meglio di me

Nessuno lo ha mai chiesto

Chi mi segue e mi conosce, o semplicemente ha letto questo post dall’inizio non ha bisogno di un commento al pezzo che ho riportato di Se Sei Come Sei. Giratela al femminile, avete la colonna sonora della mia vita di tutti i giorni dal 19 settembre 1993.

Si lo so è una pazzia

Ma di credere sai

A questa favola mia

Io non smetterò mai

E ancora Se Io Fossi Te. Quasi a continuare a rimarcare costantemente la mie idee, il mio stile di vita, con delle parole così perfette, così ‘samanthose’ che quasi mi spavento a vederle uscire da una testa che non è la mia. E non c’era modo migliore di concludere lasciandomi il più possibile sbalordita che con Mai E Per Sempre

Se vivi la vita

In punta di piedi,

D’accordo, non corri,

Però quasi voli.

E come potete ben capire, anche stavolta la prova è stata superata. Le sonorità sono nuove, sperimentali, ricercate e molto diverse dal Mengoni degli inizi. Ancora una volta questi effetti vocali si avvicinano assurdamente a una musica che ho scoperto da poco e che ogni giorno amavo sempre di più. Ora le possibilità sono poche: o io e Marco abbiamo avuto esperienze così simili nella nostra vita, o è tutta un’enorme coincidenza, o chiaramente mi sta spiando. Sta di fatto che queste canzoni si sono aggiunte con prepotenza nella colonna sonora della mia esistenza e l’unica cosa che posso fare è amarle, commuovermi e invitare anche voi a comprare l’album e ascoltarle.

 photo DSCN0010_zps21a3b779.jpg

Style crush: Aly Michalka

 photo 00011_zpsbceed9a6.jpg

 

For all the fashion-icon-column fans here we are with a kind of… spin-off? This new column structure is really similar the fashion icon one, but much more irregular in posting. If the women or girls I showed you before are my everyday inspiration when it comes to get dressed, the ones I’m gonna show you now are a ‘style crushes’ or better my temporary inspiration. This first girl I introduce to you is definitely one of my favourite singers of all time, and now and then I go crazy for her style. Now is definitely one of those moments. So here’s a gallery of my favorite looks from Aly Michalka!

P.S. Follow me on Bloglovin, Instagram and Twitter, if you’ll tell me, I’ll be happy to follow you back!

Per tutti gli appassionati della mia rubrica sulle fashion icon eccoci con una specie di… spin-off? La struttura di questa nuova rubrica è molto simile a quella delle fashion icon, ma molto meno regolare nella pubblicazione. Se le donne o ragazze che vi ho presentato prima sono senza dubbio la mia ispirazione di ogni giorno quando si parla di vestirsi, quelle che vi mostro ora sono degli ‘style crush’ o meglio delle ispirazioni temporanee. La ragazza che vi presento oggi è sicuramente una delle mie cantanti preferite di tutti i tempi e ogni tanto impazzisco anche per il suo stile. Ora sono decisamente in uno di quei momenti. Eccovi quindi una gallery dei miei look preferiti di Aly Michalka!

P.S. Seguitemi su Bloglovin, Instagram e Twitter, se me lo farete sapere sarò felice di ricambiare!

Continua a leggere

We got high one night

 photo DSCN0003_zps8c1eefbc.jpg

 

Finally, I allowed myself a couple of hours out this morning. I needed to breathe a air that is not the one from my studio or my bedroom. I was also able to shoot a couple of photos of my pretty casual outfit. The more I wear this parka, the more I love it, and with the wool inside of it, it keeps really warm. You’ve already seen my H&M bordeaux shirt, which I love for its not conventional shape. And the end a pair of black Levi’s jeans, something everyone of us should have in his wardrobe. Now I’m back in my studio, exams are everyday closer!

P.S. Follow me on Bloglovin, Instagram and Twitter, if you’ll tell me I’ll be happy to follow you back!

Finalmente mi sono concessa un paio di ore fuori stamattina. Avevo bisogno di respirare un’aria che non fosse quella della mia camera o del mio studio. Ho avuto anche un po’ di tempo per scattare un paio di foto del mio outfit abbastanza casual. Più indosso questo parka, più me ne innamoro, e con la lana che ha dentro tiene davvero caldo. La camicetta di H&M me l’avete già vista altre volte, mi piace molto portarla per la sua forma un po’ particolare. E infine un paio di semplici jeans Levi’s neri, che secondo me un classico capo che tutti noi dovremmo avere nel nostro guardaroba. Ora sono di nuovo nel mio studio, gli esami sono sempre più vicini!

P.S. Seguitemi su Bloglovin, Instagram e Twitter, se me lo farete sapere sarò felice di ricambiare!

Continua a leggere

Everyday uniform

 photo 60258097_zpsf97fcbf0.jpg

 

First inspiration post of the year, with new ideas and new feelings. You do know how I love changing hairstyle and often I change my mind about it. Now it’s curly blonde hair time. Look at this girl! Look at her hair!! Oh God why you made my hair straight? If I carry this picture at the saloon my hairdresser would laugh in my face. But don’t stop believing right?

Primo inspiration post dell’anno, con nuove idee e nuovi sentimenti. Sapete ormai come mi piace cambiare hairstyle e quanto spesso cambio idea a riguardo. Adesso è il momento dei capelli biondi e ricci. Insomma guardate questa ragazza! Guardate i suoi capelli!! Perchè sono nata liscia? Se portassi questa foto alla mia parrucchiera probabilmente mi riderebbe in faccia. Ma l’importante è crederci no?

Continua a leggere

The Fault in Our Stars

 photo DSCN0005_zpsb19c629c.jpg

 

First of all I want to say that this is not a review of The Fault In Our Stars. It’s a reflection. I’m not a book blogger and I don’t wanna become it. For just a simple, clear motivation: I’m not gonna be good at it. I was born with a scientific mind, I eat bread and chemistry every morning. I make a big effort to write down what I think in a decent way. However I read. I read a lot, like a cursed actually. Now I’ve moderated myself, my university books moderated me. When I was a little girl I used to read that much that my eyes watered and my family was kinda forced to take books away from me. But I’m wandering off. ‘Stay focused on the theme Samantha’, tipical sentence of every professor who tried to make me write. When I discovered the stream of consciousness I felt understood and not so lonely in the world. STAY FOCUSED ON THE THEME SAMANTHA!’Ok, ok. Just a little warning: at a certain point of the post there will be spoilers, but I’ll warn you again, since then, if you want it, read relaxed.

The fault in our stars, we were saying. Don’t look at me like that, I didn’t enter with a jackknife in the crowd of lemmings that follows all the trends like there’s no tomorrow. On the contrary. You do know by yourself how far I stay from what’s in and how I almost loathe it. But Heaven wanted me to have a best friend who always knows what I want, way before I know I want it, that knows what I need before I need it. And what I needed in these days was just something that could give me the strenght. And how the hell a book about cancer can give you strenght? Now I explain.

My friends and who’s following since a long time knows what I study and what I want to do in my life. For sporadic readers who are wondering: 1. Pharmaceutical Chemistry and Tecnology 2. Cure cancer and rare genetic disorders. Don’t look at me like all the people that ear this from me with the same tone I use to say that I’ve drank coffee for breakfast. Is not as easy as I say it, on the contrary. Holy mackerel if it’s hard. And every day is even worse. But do you remember when they say that everyone of us has an assignment in this world? That we’ve been created for a reason? I’m sure at 1000×1000 that this is mine. And the more I go on the more I’m certain. I know it since I was 6 and I used to ask for encyclopedias and not for Barbies. I know it since not so many years later I saw cancer closely for the first time. I’m not in the mood here and now to talk about the experiences that united me indissolubly to that infamous monster, just because I’ve never been able to talk about it with anyone. But since I saw what it does and I understood that at ‘science’ I was the best I thought I could do something. And I searched and I get informed. I saw that there wasn’t a definite cure, but the world was working to find it. I discovered how much was enterprising and immaginative the figure of the researcher compared to the one of the doctor. And this God, this was my way. Destiny wanted that I discover such things at the beginning of high school, when there was three years between me and university. And these free years have been of total reprobation. I got away from ‘my way’ that seemed like already written. I’ve thrown myself into sport, friends, fashion, always going good at school, but hating it. Why? Because it was clearly said to me that in Italy there was no extra-fat for researchers, that government seemed to go against scientifical progress instead of finance it. Then it’s senior year and I have to decide where I’ll go to college and what to study. I’m good at every subject and also I do a lot of extracurricular activities but the only thing I see in front of me is darkness. I sign up for some random test, I reject some faculties without thinking too much about it and bye bye who cares, where I’ll get in I’ll go, in Italy there’s no employment anyway. Then is summer, I’m in the mountains enjoying a deserved holiday after a year spent more in hospitals that at school with obviously double effort to pass my final exam. I remember it precisely: I was sunbathing. And it that exact moment the old ‘sacred fire’ of research fell on me like a meteorite. Don’t ask me why or how, I don’t know, I just know that it happened. It was like a clear voice in my head: ‘you speak four languages, who cares if there’s no employment in Italy, go, get your degree, and follow your destiny’. Thank God I’ve signed me up for Pharmaceutical Chemistry and Tecnology. Thanks. When I came back home after studying a lot since that moment, I’ve done all the tests I’ve signed up without caring too much. Until the last day, when Pharmaceutical Chemistry and Tecnology test takes place. Anxiety reaches the stars, but like a robot I go inside the classroom, I answer all the questions in a quarter of hour and with disarming self-confidence I deliver it. I go out with a big smile on my face, I’m pretty sure I get in, it was too easy to make mistakes! The days after, while I was waiting for the results, were are all about glee and rest. It’s the day of my 19th birthday and I’m on the train back home with some friends after a day of shopping in Milan. One of them says ‘Results are out’. I’ve got a little anxiety, but I’m pretty sure I get in. Come on, there are 100 students admitted and I answered good. 129. 129. 129. With a loto f mistakes that are not mine, because I do remember my answers and these are not mine. 129. It can’t be real. I don’t even remember how I get home, I locked myself in my room and I’ve cried. My birthday evening and night crying. And even the day after. If I was born for this why I can’t do it? Who changed my answers? And if it’s real that you discover real friends when you’re in the time for need well this was my time for need. My friends succeeded on getting me out of my bedroom and kitchen and in making me believe that I old fight again for what I believe in. Effectively I was admitted to Chemistry. Ok, good, I throw off some exams and next year I’ll try again Pharmaceutical Chemistry and Tecnology . I was philosophical about it. First day of college: I meet some people and I think I can do it. And the meteorite that fell in the summer comes back again. A friend call me on the phone: ‘you get in Pharmaceutical Chemistry and Tecnology, they re-proposed you, you’re in!’. And again tears, but of joy this time. This time I’m getting serious. Second day of college. New building, new people (that will become new friends!) and new professors. This was definitely my place, I liked it and it’s what I want to do. Ah, first term happiness! From now then black-hole. Not for the people, I’ve found amazing travel buddies. But hell all the rest. Unacceptable schedules: from sunrise to twilight. And some professors who… let it fly, for pity’s sake. Struggles to pass exams that not even the Everest, because it’s not that they make differences, they spit you up in the face that they prefer one from another. The anxiety. My damned fucking anxiety. It takes me, it overworks me, it ipnotize me, it kills me eating me from the inside. And insomnia. When you come back home at night if you can move a muscle you use it to copy your notes, if not you stare at nothing for a while. You go to your bedroom and the two sister Anxiety and Insomnia are waiting for you seated on your bed. They harass you till late night. You have no time to close your eyes that the damned alarm clock rings. You have to do errands, take out the dog, feed the cat and the dog, eat, prepare you launch, dress up, put make up on or your friends will believe they are on set of The Walking Dead and pass through the huge traffic that’s between you and university. Class, class, class, gym, home. Repeat. There’s no time for nothing. You cannot go out every night like every college students, like your friends. There’s no time for social life. The only thing I can try to put in this middle of things is my blog, which actually is my only satisfaction. It’s finally weekend and you don’t have the slightest desire of going out another time, but you go, also because if you don’t your parents will cast you out. You reach a point where going out the evening = going to bad later, going to bad later = stay awake thanks to the two above mentioned damned sisters till later night and so going out in the evening = torture. Now, I challenge everyone of you to choose this life at 21 years old. Well, not to sound boastful, but I did. And the only thing that makes me keep going are does meteorites that keeps falling. Sometimes are good news: a new drug was discovered, there are new funds for research and so on. Some other times are big, heavy bowling balls I don’t want even wright: cancer, cancer, cancer. That damned monster that keeps eating people, destroy famiglie, just and only it. And everytime it’s like God or on his behalf is saying to me ‘Samantha, there’s need for you’ and so I found again the longing of believing, of studying and of having the nerve to go to exams and pass them in spite of everyone.

I was in a black moment then I opened a gift and inside there was The Fault In Our Stars. And I devoured it. And I cried, because I wanted to have already discovered the drug to cure every shitty cancer, (SPOILEEEEERRRRRRRRRRRR!!!!!!!), to save Gus, because he deserved it, because everyone in that book deserved it. Because everyone in this world deserves a fucking cure. But I still have three years of university in front of me. So it’s necessary to study till you drop and to go to the exam and to pass them. Stars keep saying this to me, and I keep listening to them.

P.S. Follow me on Bloglovin, Instagram and Twitter, if you’ll tell me I’ll be happy to follow you back!

Prima di tutto ci tengo a dirlo questa non è una recensione di Colpa delle Stelle. E’ una riflessione. Io non sono una book blogger e non voglio esserla. Per un solo, chiaro e semplice motivo: non sarei brava. Sono nata con una mente scientifica, mangio pane e chimica tutte le mattine, per scrivere quello che penso decentemente mi ci vuole un grande sforzo. Tuttavia leggo. Leggo tanto, come una dannata in realtà. Ora mi sono data una regolata, i libri dell’università mi hanno dato una regolata. Da piccola leggevo così tanto che mi dovevano togliere i libri perchè mi lacrimavano gli occhi. Ma sto divagando. ‘Resta nel tema Samantha’, frase tipica di qualunque professore abbia cercato di farmi scrivere. Quando ho scoperto lo stream of consciousness mi sono sentita capita e non così sola al mondo. RESTA NEL TEMA SAMANTHA! Ok, ok. Solo un altro piccolo avvertimento: ad un certo punto del post ci saranno spoiler, ma vi avvertirò io quando, fino ad allora, se lo desidererete potete leggere tranquilli.

Colpa delle stelle, dicevamo. Non guardatemi così, non sono entrata di carpiato nella massa dei pecoroni che segue le mode come se non ci fosse un domani. Anzi. Sapete da soli che io sto sempre lontana da tutto quello che ‘va’ e quasi lo schifo. Ma il Cielo ha voluto che avessi una migliore amica che sa sempre quello che voglio, ancora prima che io lo voglia, sa quello di cui ho bisogno ancora prima che io abbia bisogno. E quello di cui avevo bisogno in questi giorni era semplicemente qualcosa che mi desse la forza. E come c***o fa un libro sul cancro a darti la forza? Ora ve lo spiego.

I miei amici e chi mi segue da tanto sa cosa studio e cosa voglio fare nella vita. Per i lettori sporadici che invece se lo stanno chiedendo: 1. Chimica e Tecnologia Farmaceutiche 2. Curare il cancro e le patologie genetiche rare. Non guardatemi così, come fanno tutti quando se lo sentono dire in faccia con la stessa naturalezza con cui dico che oggi mi sono bevuta un caffè per colazione. Non è che sia così facile come la butto lì, anzi. Cavolo se è dura. E ogni giorno è sempre schifosamente peggio. Ma sapete quando dicono che ognuno di noi ha un compito su questa terra? Che siamo stati creati per qualcosa? Io sono certa al 1000×1000 che questo è il mio. E più vado avanti è più ne ho la più assoluta certezza. Lo so da quando ero una bambina che a sei anni si faceva regalare le enciclopedie invece delle Barbie. Lo so da quando non molti anni dopo ho visto da vicino il cancro per la prima volta. Non ho voglia di parlare qui e ora delle esperienze strette che mi hanno legata indissolubilmente a questo mostro infame, semplicemente perchè non ho mai avuto il coraggio di parlarne con nessuno. Ma da quando ho visto cosa fa e ho capito che a ‘scienze’ ero brava più di qualsiasi altra materia ho pensato che potevo fare qualcosa. E allora ho cercato e mi sono informata. Ho visto che non esisteva una cura certa, ma che molto si stava cercando per svilupparne. E ho visto come era molto più intraprendente e fantasiosa la figura del ricercatore rispetto a quella del medico e che quella cavolo, quella era la mia strada. Il destino ha voluto però che tutte queste cose io le scoprissi ai primi anni del liceo, e a separarmi dall’università c’erano ancora tre anni. E in quei tre anni c’è stata la più totale perdizione. Mi sono allontanata dalla ‘mia strada’ che sembrava un cammino certo, mi sono buttata nello sport, negli amici, nella moda, sempre andando bene a scuola, ma odiandola. Perchè? Perchè mi era stato detto chiaramente in faccia che in Italia non c’è trippa per ricercatori, che il governo sembrava remare contro la ricerca invece che finanziarla. Poi arrivo all’ultimo anno e devo scegliere dove andare all’università e cosa studiare. Sono brava in tutte le materie e ho un sacco di passioni extracurricolari e vedo solo il vuoto davanti a me. Mi iscrivo a qualche test a caso, scarto senza pensarci troppo alcune facoltà e via ciao, dove si entra si va, tanto in Italia non c’è lavoro in ogni caso. Poi è estate, sono in montagna a godermi una meritata vacanza dopo il mio quinto anno passato più tra gli ospedali che a scuola e la conseguente doppia fatica per passare la maturità. Precisamente sto prendendo il sole, me lo ricordo bene. Ed è lì,che come un meteorite, mi ripiomba dentro tutto quel ‘fuoco sacro’ della ricerca che mi aveva guidata gli anni prima. Non chiedetemi come e perchè, non so rispondervi, so solo che è arrivato. Era una voce chiara nella mia testa che mi diceva ‘parli quattro lingue, chissene frega se in Italia non c’è lavoro, vai, laureati, e fai quello per cui sei destinata’. Dio grazie, avevo scelto di fare il test di CTF. Grazie. Finite le mie vacanze, più a studiare da quel momento che a riposarmi, torno e faccio i vari test a cui mi ero iscritta senza preoccuparmene molto, finchè arriva l’ultimo giorno di test, dove provo CTF. L’ansia è alle stelle, ma come un’automa entro in aula, rispondo a tutte le domande in un quarto d’ora con una sicurezza disarmante e consegno. Esco col sorriso, dai cavolo sono entrata, era troppo facile per sbagliare! I giorni a seguire sono gioia e riposo in attesa che arrivino i risultati e che sia confermato che sono veramente una studentessa di CTF. E’ il giorno del mio 19esimo compleanno e sono sul treno di ritorno da una giornata di shopping a Milano con le amiche. ‘Sono usciti i risultati’ mi dice una di loro. L’ansia c’è ma sono sicura di essere entrata. Dai, 100 posti, io ho risposto bene. 129. 129. 129. Con errori segnati che non sono i miei, perchè ricordo bene che quelle risposte non sono le mie. 129. Non è possibile. Non ricordo nemmeno come sono arrivata a casa, mi sono chiusa un camera e ho pianto. La sera e la notte del mio compleanno sul letto a piangere. E anche il giorno dopo. Se sono nata per questo perchè non posso farlo? Chi mi ha cambiato la scheda? E se è vero che gli amici si vedono nel momento del bisogno, io più che mai l’ho scoperto lì. Le amiche sono riuscite a tirarmi fuori dalla mia camera e dalla mia cucina e a farmi rivedere il mondo come un posto dove posso ancora lottare per avere quello che voglio. Infatti c’è posto per me a chimica. Bene, mi tolgo qualche esame e l’anno prossimo si riprova a CTF. L’ho presa con filosofia. Vado al mio primo giorno di università, conosco un po’ di gente e ma si dai si può fare. E poi di nuovo lo stesso meteorite che mi ha colpito in montagna torna. Mi chiama un’amica al telefono ‘sei entrata a CTF, ti hanno ripescata, sei entrata!’. E di nuovo lacrime, ma stavolta di gioia. Stavolta si fa sul serio. Secondo giorno di università. Nuovo edificio, nuove persone (che diventeranno nuovi amici!) e nuovi professori. E’ il mio ambiente, mi piace, è quello che voglio fare. Ah, la gioia del primo semestre! Da lì in poi un buco nero. Non per le persone, ho trovato dei compagni di viaggio che sono fantastici. Ma diavolo tutto il resto. Orari improponibili dalla mattina all’alba alla sera dopo il tramonto, alcuni professori che lasciamo perdere, per carità. Fatiche per passare gli esami che neanche l’Everest, perchè non è che fanno le differenze, è che proprio te lo sputano in faccia che preferiscono uno invece che l’altro. L’ansia. La mia maledetta fottutissima ansia. Che mi prende, mi strapazza, mi ipnotizza, mi uccide mangiandomi da dentro. E l’insonnia. Arrivi a casa la sera, se riesci a muovere un muscolo, lo usi per copiare gli appunti, altrimenti rimani a sguardo fisso nel vuoto. Vai in camera e le due sorelline, ansia e insonnia, sono lì, che ti aspettano sedute sul letto. Ti tormentano fino a notte inoltrata. Non fai in tempo a chiudere gli occhi che suona la stramaledetta sveglia. Devi mettere a posto casa, portare fuori il cane, dare da mangiare al cane e al gatto, mangiare, prepararti il pranzo, vestirti, truccarti per far in modo che i tuoi compagni non si sentano sul set di The Walking Dead e attraversare il traffico immane che ti separa dall’università. Lezioni, lezioni, lezioni, palestra, casa. Repeat. Non c’è spazio per niente. Non puoi uscire tutte le sere come tutti gli universitari, tra cui i tuoi amici, non c’è spazio per una vita sociale, per niente. Solo per questo piccolo blog-sfogo, che riesce a darti le uniche soddisfazioni. Arrivi al weekend con la voglia di uscire ancora di casa sotto i piedi, ma esci, anche perchè se no i tuoi ti buttano fuori a calci. Ma arrivi al punto che uscire la sera = andare a letto più tardi, andare a letto più tardi = stare fino ad ancora più tardi in compagnia delle sorelline malefiche sopra citate e quindi uscire la sera = tortura. Ora, sfido chiunque di voi a 21 anni a scegliere di fare questa vita. Beh, non per vantarmi, ma io l’ho fatto. E l’unica cosa che mi spinge a farlo sono quei meteoriti là che continuano a cadermi addosso. A volte sono belle notizie: è stato scoperto un nuovo farmaco, ci sono nuovi fondi per la ricerca e così via. Altre volte sono grossi, pesanti macigni, non riportabili su internet: cancro, cancro e cancro. Quel fottuto mostro del cancro, che continua a mangiarsi le persone, a distruggere le famiglie, sempre e solo lui. E ogni volta è come se Dio o chi per lui mi stesse dicendo ‘Samantha, c’è bisogno di te’ e allora io ritrovo la voglia di crederci, di studiare, di avere la faccia tosta di presentarmi a un esame e di passarlo in barba a tutti. Ero in un momento nero, e poi ho aperto un pacchetto che conteneva Colpa delle Stelle. E l’ho divorato. E ho pianto, perchè volevo aver già scoperto il farmaco giusto per ogni merdoso cancro (SPOILEEEEERRRRRRRRRRRR!!!!!!!), per salvare Gus, perchè lui se lo meritava, perchè tutti in quel libro meritano una cura. Perchè tutti a questo mondo meritano una cazzo di cura. E invece ho ancora tre anni di università davanti. E allora è il caso di studiare finchè non crolli e presentarti agli esami di gennaio, e passarli. Le stelle continuano a dirmelo, e io continuo ad ascoltarle.

P.S. Seguitemi su Bloglovin, Instagram e Twitter, se me lo farete sapere sarò felice di ricambiare!

 photo DSCN0004_zps330173c2.jpg

12 touristic and not-so-touristic tips to visit Rome

 photo DSCN0158_zpsfad69511.jpg

 

As I promised I’m here, talking about Rome. This post is not an ‘itinerary’ of the city, because there’s much much more to see. These are just little tips for things to do or see in the eternal city. To say the truth I’d like to do some other posts like this one adding more advices. You can find a lot of itineraries on blogs, 90% or more written by people who just visited Rome. I use the eyes of someone who can say ‘I live there’ and can tell you everything from a different point of view. So let’s get started!

Come promesso eccomi qui a parlarvi di Roma. Questo post non vuole essere un ‘itinerario’ della città, perchè c’è molto molto di più da vedere. Sono solo piccoli consigli con cose da vedere o fare nella città eterna. Per dire la verità mi piacerebbe fare altri post come questo aggiungendo altri spunti per i vostri viaggi. Potete trovare un sacco di itinerari girando tra i blog, 90% o più scritti da persone che hanno solo visitato Roma. Io uso invece gli occhi di chi può dire ‘ci vivo’ e che può spiegarvi le cose da un punto di vista diverso. Quindi cominciamo!

Continua a leggere

Happy Birthday The Queen Of Dreaming!

 photo DSCN1537_zps93163f08.jpg

 

And I’m happy to say The Queen Of Dreaming today turns two! Everyone of us does an analysis of the past year when I new one starts and every blogger does it also in his or hers blog birthday. Lucky me this two things are combined so I can do it once ahah!

This year everything happened, really, I have sooo many things in my mind and I’ll probably forget to write a half or even more of them. Let’s start from a very important thing, friends. I didn’t choose a portrait of myself for the first picture, but me plus friends for a reason. Since the beginning of the year I met a lot of new people and so I made new friends. But when you are surrounded by people everyday, in those rare moment you are alone, you reflect a lot. And so I did. And I realize how important is growing strong friendships with people that actually deserve it and leave behind you people who don’t. Don’t have bad thinking, I actually never argued with anyone or better I use to argue with the people I care the most, but just because I think it’s important to always trying to understand each other. What I did is just realize which people can make me grow and can understand me and which not. And I deleted everyone in the last category. It doesn’t matter how many friends you have, but how many good friends you have.

Another subject: trips. Oh gosh. I hit a nerve. You do know how much I love travelling, but in 2014 my trips were really a few and too short. But this year no one’s gonna stop me, I swear! This was my first year since ages I didn’t take a plane. Crazy. Said by me is really crazy! Well if you consider travelling moving from Colorno to Parma and back almost everyday I actually travelled a lot! My out-and-out travels this year have been: trhee times in Valdaora, Salerno and Giffoni Valle Piana (where I was honored to meet two of my favourite actors: Lea Michele and Matt Bomer), Gardaland and Milan.

I have to admit that this wasn’t a easy year for the relationship between me and my anxiety. On the contrary. Since the beginning of the year she came into my life, and I didn’t realize it, so she took the upper hand on my life for almost the 8 months after. Then I recognized her, I fighted her and she went away. I’m better now, even if she sometimes comes back, when I don’t expect her, when I’m alone, but now I know what I have to hang on to to make her go away. From this fight my first tattoo was born.

But let’s not forget whom birthday is today. Yes, this little blog of mine that grow up a lot in this last year. Probably because I put a lot of efforts in it, but surely also thanks to you. Yes because you, my dearest readers, had an exponential growth and I couldn’t be happier! I have both regular readers, some of them also write me off the blog, and occasional readers. And I love all of them. Because when you put heart and soul in something every positive feedback is something magical. You are with no doubt my biggest satisfaction. And it’s again you that I have to thank for the collaboration I get like the ones with Sheinside, Persunmall, Choies and Hairtrade, that will continue in 2015 with also some surprises for you! At last but not least a big thank to the two people that make it all possible: the woman who teach me everything, my mum, and my right-hand girl in everything I do and which never wants to be photographed, my dearest friend Ilaria.

P.S. Follow me on Bloglovin, Instagram and Twitter, if you’ll tell me I’ll be happy to follow you back!

E sono felice di dirvi che oggi The Queen Of Dreaming compie due anni! Tutti noi facciamo un bilancio dell’anno passato quando ne inizia uno nuovo e ogni blogger lo fa anche al compleanno del proprio blog, fortunamente per me le due cose coincidono così ho il piacere di farlo una volta sola ahah!

Quest’anno sono successe tantissime cose, davvero, ho così tanti pensieri nella mia testa che probabilmente dimenticherò di scriverne metà o forse di più. Partiamo da una cosa importantissima, gli amici. Non ho scelto la prima foto come un ritratto solo di me stessa, ma con delle amiche per una ragione. Sin dall’inizio di quest’anno ho incontrato un sacco di persone e perciò fatto nuovi amici. Ma quando sei circondato da persone tutto il giorno, tutti i giorni, in quei rari momenti in cui sei da solo rifletti e tanto. E così faccio anche io. E ho capito quanto sia importante creare amicizie forti con le persone che se lo meritano, e lasciarsi dietro chi invece no. Non pensate male, non ci sono stati litigi. Certo a volte discuto, ma solo con le persone a cui tengo e con cui voglio che tutto sia sempre chiaro. Tutto quello che ho fatto è capire quali persone possono capirmi e assecondarmi e quali no. E tutti quelli che appartenevano alla seconda categoria sono stati cancellati. Non è importante quanti amici avete, ma quanti buoni amici avete.

Cambiamo argomento: viaggi. Oddio. Tasto dolentissimo. Sapete quanto ami viaggiare, ma i miei viaggi nel 2014 sono stati troppo pochi e troppo corti. Ma quest’anno nessuno potrà fermarmi, lo giuro! E’ stato il primo anno dopo secoli in cui non ho preso un aereo. Pazzesco. Detto da me è davvero pazzesco! Beh se considerate spostarmi tra Parma e Colorno quasi ogni giorno ho effettivamente viaggiato molto! I miei viaggi veri e propri d quest anno sono stati Valdaora per tre volte, Salerno e Giffoni Valle Piana (dove ho avuto il piacere di incontrare due dei miei attori preferiti: Lea Michele e Matt Bomer), Gardaland e Milano.

Devo ammettere che non è stato un anno facile per il rapporto tra me e la mia ansia. Anzi. Sin dall’inizio dell’anno è entrata dentro di me, senza che me ne accorgessi e ha preso il sopravvento sulla mia vita per almeno gli 8 mesi a venire. Poi mi sono accorta di lei, l’ho combattuta fin che se ne è andata. Ora sto meglio, anche se ogni tanto torna a farmi visita, quando meno me lo aspetto, quando sono da sola, ma ora so a cosa aggrapparmi perchè se ne vada. Da questa mia lotta è nato il mio primo tatuaggio.

Ma non scordiamoci chi compie gli anni oggi. Sì questo bloggino qui che nell’ultimo anno è cresciuto tantissimo. Probabilmente perchè io ci ho messo tantissimo impegno, ma sicuramente anche grazie a voi. Si perchè voi miei cari lettori siete cresciuti in maniera esponenziale e non potrei esserne più felice! Ho lettori fissi che commmentano ogni mio post, mi scrivono anche al di fuori di questo contesto così come lettori occasionali, a tutti voi, vi voglio bene sappiatelo. Perchè quando metti anima e corpo in qualcosa e ti viene riconosciuto il merito la gioia è infinita. Voi siete senza dubbio la mia più grande soddisfazione. Ed è anche grazie a voi se sono arrivate importanti collaborazioni come Sheinside, Persunmall, Choies e Hairtrade e che continueranno nel 2015, con tante novità anche per voi di cui non potrei essere più entusiasta! E devo ringraziare due persone che rendono possibile tutto questo: la donna che mi ha insegnato tutto, mia mamma e la mia spalla in tutto quello che faccio e sempre schiva dal farsi fotografare, cosa che sa farei con piacere, la mia amica Ilaria.

P.S. Seguitemi su Bloglovin, Instagram e Twitter, se me lo farete sapere sarò felice di ricambiare!

Continua a leggere

And when I’ll see you again

 photo DSCN0149_zps2305402b.jpg

 

The ones who know me better know how much I love travelling. Maybe I took this abitude from my dad, whom, as a manager, every week travels a lot for work. Or maybe it’s just because I’m inquiring, inquiring of knowing new places, new cultures, new food and new people. This way of life of mine allowed me to unload a lot of these curiosities, and believe me, a lot are still on my list. If I have just a few free days all I do is find a destination and go. I also include myself in those rare people who love packing bags. If you follow my blog or just come here now and then you probably notice how often I change location in my shootings. The most pernickety of you asked me also why I travel so much. I’m happy to answer publicly, but follow me because my brain is really difficult to understand! My official residence is in Colorno, a small town in the provence of Parma, where I live with my grandma, my dog and my cat. But I have to say that is in Parma where I spend the most my days because I study there since I was 13 and also it’s the place where I use to go out with my friends. Also my parents live in Rome (my favourite city in the entire world), and how I can’t consider my home where my parents live? Impossible. Also I like to say that I have two home away from home. Which ones? First of all Valdaora and all Val Pusteria in general, which is my summer shelter and safe haven since I was a fetus. And then there’s Paris, which I discovered when I was little girl, following my dad in his work-trip and of which I’ve fallen deeply in love. I know the city very well and everytime I go there I feel much more fascinated than the time before. Now you probably understand that if my brain use to consider all this places my home, all I can do is travel!

You see very often Colorno’s city centre as much as some glimpse of Parma, also on my instagram. I’ve also showed to you Paris and Valdaora’s woods, but I’ve never show you anything about Rome, apart from Hunger Games’ red carpet premiere. This is the reason why I took some photos there in the past days, to give you some advice which I’ll post very soon!

For now I leave you here photos of sunrises I’ve collected on my trips on the road and I wish you a very happy New Year!!!

P.S. Follow me on Bloglovin, Instagram and Twitter, if you’ll tell me I’ll be happy to follow you back!

Chi mi conosce sa quanto io ami essere sempre in viaggio. Forse ho, volente o nolente, preso questa abitudine da mio padre, che, da manager quale è, ogni settimana si sposta tantissimo per lavoro. O forse è semplicemente dovuto al fatto che sono curiosa, curiosa di scoprire nuovi posti, nuove culture, nuovi cibi e nuove persone. Questo mio modo di vivere e pensare mi ha dato la possibilità di sfogare molte di queste mie ‘curiosità’ e credetemi, ce ne sono ancora molte altre nella mia lista. Se ho anche solo qualche giorno libero, quello che mi piace fare è cercare una meta e partire. Sono anche una di quelle rare persone che amano follemente fare la valigia. Se seguite il mio blog o anche solo passate di qui ogni tanto vi sarete accorti di quanto spesso cambiano le location in cui scatto e i più attenti di voi mi chiedono come mai viaggio così tanto. Mi fa piacere quindi rispondere pubblicamente a tutti, ma seguitemi bene perchè non è facile addentrarsi nel mio cervello! La mia residenza ufficiale è Colorno, paese in provincia di Parma, dove vivo con mia nonna, il mio cane e il mio gatto. C’è da dire però che è proprio a Parma che passo la maggior parte dei miei giorni e del mio tempo, perchè, sin da quando ancora non avevo soffiato sulle mie 14 candeline, studio lì e lì mi frequento con i miei amici. A tutto questo va aggiunto che i miei genitori vivono a Roma, al momento top one nella mia lista delle città più belle del mondo, e posso forse non considerare casa il posto dove vivono i miei genitori? Direi proprio di no! Tuttavia mi piace dire che ho anche due home away from home, o seconde case, come volete, diciamo che in inglese suona più poetico. Quali? La prima è sicuramente Valdaora, o la Val Pusteria in generale, che è il mio rifugio estivo e porto sicuro da quando ancora stavo nel pancione di mia mamma. La seconda è invece Parigi, città scoperta da piccina quando seguivo mio papà nei suoi viaggi e di cui mi sono follemente innamorata e che apprezzo ogni volta di più. Ormai la conosco così bene che potrei girarla bendata. Capite quindi che devo essere amante dei viaggi quando la mia testa mi dice che tutti questi posti sono casa mia!

Vedete spesso il centro di Colorno nei miei scatti, così come scorci di Parma, spesso anche sul mio instagram. Vi ho anche mostrato Parigi e i boschi di Valdaora, ma di Roma non vi ho mai postato niente al di fuori del red carpet di Hunger Games. Proprio per questo, negli ultimi giorni in cui sono stata lì, ho scattato alcune foto per voi con qualche consiglio anche e che spero di postarvi già domani!

Per ora vi lascio con queste foto di albe raccolte da diversi dei miei viaggi on the road e vi faccio i miei migliori auguri di buon anno, che il vostro 2015 sia l’anno più bello di sempre!

P.S. Seguitemi su Bloglovin, Instagram e Twitter, se me lo farete sapere sarò felice di ricambiare!

Continua a leggere