The Fault in Our Stars

 photo DSCN0005_zpsb19c629c.jpg

 

First of all I want to say that this is not a review of The Fault In Our Stars. It’s a reflection. I’m not a book blogger and I don’t wanna become it. For just a simple, clear motivation: I’m not gonna be good at it. I was born with a scientific mind, I eat bread and chemistry every morning. I make a big effort to write down what I think in a decent way. However I read. I read a lot, like a cursed actually. Now I’ve moderated myself, my university books moderated me. When I was a little girl I used to read that much that my eyes watered and my family was kinda forced to take books away from me. But I’m wandering off. ‘Stay focused on the theme Samantha’, tipical sentence of every professor who tried to make me write. When I discovered the stream of consciousness I felt understood and not so lonely in the world. STAY FOCUSED ON THE THEME SAMANTHA!’Ok, ok. Just a little warning: at a certain point of the post there will be spoilers, but I’ll warn you again, since then, if you want it, read relaxed.

The fault in our stars, we were saying. Don’t look at me like that, I didn’t enter with a jackknife in the crowd of lemmings that follows all the trends like there’s no tomorrow. On the contrary. You do know by yourself how far I stay from what’s in and how I almost loathe it. But Heaven wanted me to have a best friend who always knows what I want, way before I know I want it, that knows what I need before I need it. And what I needed in these days was just something that could give me the strenght. And how the hell a book about cancer can give you strenght? Now I explain.

My friends and who’s following since a long time knows what I study and what I want to do in my life. For sporadic readers who are wondering: 1. Pharmaceutical Chemistry and Tecnology 2. Cure cancer and rare genetic disorders. Don’t look at me like all the people that ear this from me with the same tone I use to say that I’ve drank coffee for breakfast. Is not as easy as I say it, on the contrary. Holy mackerel if it’s hard. And every day is even worse. But do you remember when they say that everyone of us has an assignment in this world? That we’ve been created for a reason? I’m sure at 1000×1000 that this is mine. And the more I go on the more I’m certain. I know it since I was 6 and I used to ask for encyclopedias and not for Barbies. I know it since not so many years later I saw cancer closely for the first time. I’m not in the mood here and now to talk about the experiences that united me indissolubly to that infamous monster, just because I’ve never been able to talk about it with anyone. But since I saw what it does and I understood that at ‘science’ I was the best I thought I could do something. And I searched and I get informed. I saw that there wasn’t a definite cure, but the world was working to find it. I discovered how much was enterprising and immaginative the figure of the researcher compared to the one of the doctor. And this God, this was my way. Destiny wanted that I discover such things at the beginning of high school, when there was three years between me and university. And these free years have been of total reprobation. I got away from ‘my way’ that seemed like already written. I’ve thrown myself into sport, friends, fashion, always going good at school, but hating it. Why? Because it was clearly said to me that in Italy there was no extra-fat for researchers, that government seemed to go against scientifical progress instead of finance it. Then it’s senior year and I have to decide where I’ll go to college and what to study. I’m good at every subject and also I do a lot of extracurricular activities but the only thing I see in front of me is darkness. I sign up for some random test, I reject some faculties without thinking too much about it and bye bye who cares, where I’ll get in I’ll go, in Italy there’s no employment anyway. Then is summer, I’m in the mountains enjoying a deserved holiday after a year spent more in hospitals that at school with obviously double effort to pass my final exam. I remember it precisely: I was sunbathing. And it that exact moment the old ‘sacred fire’ of research fell on me like a meteorite. Don’t ask me why or how, I don’t know, I just know that it happened. It was like a clear voice in my head: ‘you speak four languages, who cares if there’s no employment in Italy, go, get your degree, and follow your destiny’. Thank God I’ve signed me up for Pharmaceutical Chemistry and Tecnology. Thanks. When I came back home after studying a lot since that moment, I’ve done all the tests I’ve signed up without caring too much. Until the last day, when Pharmaceutical Chemistry and Tecnology test takes place. Anxiety reaches the stars, but like a robot I go inside the classroom, I answer all the questions in a quarter of hour and with disarming self-confidence I deliver it. I go out with a big smile on my face, I’m pretty sure I get in, it was too easy to make mistakes! The days after, while I was waiting for the results, were are all about glee and rest. It’s the day of my 19th birthday and I’m on the train back home with some friends after a day of shopping in Milan. One of them says ‘Results are out’. I’ve got a little anxiety, but I’m pretty sure I get in. Come on, there are 100 students admitted and I answered good. 129. 129. 129. With a loto f mistakes that are not mine, because I do remember my answers and these are not mine. 129. It can’t be real. I don’t even remember how I get home, I locked myself in my room and I’ve cried. My birthday evening and night crying. And even the day after. If I was born for this why I can’t do it? Who changed my answers? And if it’s real that you discover real friends when you’re in the time for need well this was my time for need. My friends succeeded on getting me out of my bedroom and kitchen and in making me believe that I old fight again for what I believe in. Effectively I was admitted to Chemistry. Ok, good, I throw off some exams and next year I’ll try again Pharmaceutical Chemistry and Tecnology . I was philosophical about it. First day of college: I meet some people and I think I can do it. And the meteorite that fell in the summer comes back again. A friend call me on the phone: ‘you get in Pharmaceutical Chemistry and Tecnology, they re-proposed you, you’re in!’. And again tears, but of joy this time. This time I’m getting serious. Second day of college. New building, new people (that will become new friends!) and new professors. This was definitely my place, I liked it and it’s what I want to do. Ah, first term happiness! From now then black-hole. Not for the people, I’ve found amazing travel buddies. But hell all the rest. Unacceptable schedules: from sunrise to twilight. And some professors who… let it fly, for pity’s sake. Struggles to pass exams that not even the Everest, because it’s not that they make differences, they spit you up in the face that they prefer one from another. The anxiety. My damned fucking anxiety. It takes me, it overworks me, it ipnotize me, it kills me eating me from the inside. And insomnia. When you come back home at night if you can move a muscle you use it to copy your notes, if not you stare at nothing for a while. You go to your bedroom and the two sister Anxiety and Insomnia are waiting for you seated on your bed. They harass you till late night. You have no time to close your eyes that the damned alarm clock rings. You have to do errands, take out the dog, feed the cat and the dog, eat, prepare you launch, dress up, put make up on or your friends will believe they are on set of The Walking Dead and pass through the huge traffic that’s between you and university. Class, class, class, gym, home. Repeat. There’s no time for nothing. You cannot go out every night like every college students, like your friends. There’s no time for social life. The only thing I can try to put in this middle of things is my blog, which actually is my only satisfaction. It’s finally weekend and you don’t have the slightest desire of going out another time, but you go, also because if you don’t your parents will cast you out. You reach a point where going out the evening = going to bad later, going to bad later = stay awake thanks to the two above mentioned damned sisters till later night and so going out in the evening = torture. Now, I challenge everyone of you to choose this life at 21 years old. Well, not to sound boastful, but I did. And the only thing that makes me keep going are does meteorites that keeps falling. Sometimes are good news: a new drug was discovered, there are new funds for research and so on. Some other times are big, heavy bowling balls I don’t want even wright: cancer, cancer, cancer. That damned monster that keeps eating people, destroy famiglie, just and only it. And everytime it’s like God or on his behalf is saying to me ‘Samantha, there’s need for you’ and so I found again the longing of believing, of studying and of having the nerve to go to exams and pass them in spite of everyone.

I was in a black moment then I opened a gift and inside there was The Fault In Our Stars. And I devoured it. And I cried, because I wanted to have already discovered the drug to cure every shitty cancer, (SPOILEEEEERRRRRRRRRRRR!!!!!!!), to save Gus, because he deserved it, because everyone in that book deserved it. Because everyone in this world deserves a fucking cure. But I still have three years of university in front of me. So it’s necessary to study till you drop and to go to the exam and to pass them. Stars keep saying this to me, and I keep listening to them.

P.S. Follow me on Bloglovin, Instagram and Twitter, if you’ll tell me I’ll be happy to follow you back!

Prima di tutto ci tengo a dirlo questa non è una recensione di Colpa delle Stelle. E’ una riflessione. Io non sono una book blogger e non voglio esserla. Per un solo, chiaro e semplice motivo: non sarei brava. Sono nata con una mente scientifica, mangio pane e chimica tutte le mattine, per scrivere quello che penso decentemente mi ci vuole un grande sforzo. Tuttavia leggo. Leggo tanto, come una dannata in realtà. Ora mi sono data una regolata, i libri dell’università mi hanno dato una regolata. Da piccola leggevo così tanto che mi dovevano togliere i libri perchè mi lacrimavano gli occhi. Ma sto divagando. ‘Resta nel tema Samantha’, frase tipica di qualunque professore abbia cercato di farmi scrivere. Quando ho scoperto lo stream of consciousness mi sono sentita capita e non così sola al mondo. RESTA NEL TEMA SAMANTHA! Ok, ok. Solo un altro piccolo avvertimento: ad un certo punto del post ci saranno spoiler, ma vi avvertirò io quando, fino ad allora, se lo desidererete potete leggere tranquilli.

Colpa delle stelle, dicevamo. Non guardatemi così, non sono entrata di carpiato nella massa dei pecoroni che segue le mode come se non ci fosse un domani. Anzi. Sapete da soli che io sto sempre lontana da tutto quello che ‘va’ e quasi lo schifo. Ma il Cielo ha voluto che avessi una migliore amica che sa sempre quello che voglio, ancora prima che io lo voglia, sa quello di cui ho bisogno ancora prima che io abbia bisogno. E quello di cui avevo bisogno in questi giorni era semplicemente qualcosa che mi desse la forza. E come c***o fa un libro sul cancro a darti la forza? Ora ve lo spiego.

I miei amici e chi mi segue da tanto sa cosa studio e cosa voglio fare nella vita. Per i lettori sporadici che invece se lo stanno chiedendo: 1. Chimica e Tecnologia Farmaceutiche 2. Curare il cancro e le patologie genetiche rare. Non guardatemi così, come fanno tutti quando se lo sentono dire in faccia con la stessa naturalezza con cui dico che oggi mi sono bevuta un caffè per colazione. Non è che sia così facile come la butto lì, anzi. Cavolo se è dura. E ogni giorno è sempre schifosamente peggio. Ma sapete quando dicono che ognuno di noi ha un compito su questa terra? Che siamo stati creati per qualcosa? Io sono certa al 1000×1000 che questo è il mio. E più vado avanti è più ne ho la più assoluta certezza. Lo so da quando ero una bambina che a sei anni si faceva regalare le enciclopedie invece delle Barbie. Lo so da quando non molti anni dopo ho visto da vicino il cancro per la prima volta. Non ho voglia di parlare qui e ora delle esperienze strette che mi hanno legata indissolubilmente a questo mostro infame, semplicemente perchè non ho mai avuto il coraggio di parlarne con nessuno. Ma da quando ho visto cosa fa e ho capito che a ‘scienze’ ero brava più di qualsiasi altra materia ho pensato che potevo fare qualcosa. E allora ho cercato e mi sono informata. Ho visto che non esisteva una cura certa, ma che molto si stava cercando per svilupparne. E ho visto come era molto più intraprendente e fantasiosa la figura del ricercatore rispetto a quella del medico e che quella cavolo, quella era la mia strada. Il destino ha voluto però che tutte queste cose io le scoprissi ai primi anni del liceo, e a separarmi dall’università c’erano ancora tre anni. E in quei tre anni c’è stata la più totale perdizione. Mi sono allontanata dalla ‘mia strada’ che sembrava un cammino certo, mi sono buttata nello sport, negli amici, nella moda, sempre andando bene a scuola, ma odiandola. Perchè? Perchè mi era stato detto chiaramente in faccia che in Italia non c’è trippa per ricercatori, che il governo sembrava remare contro la ricerca invece che finanziarla. Poi arrivo all’ultimo anno e devo scegliere dove andare all’università e cosa studiare. Sono brava in tutte le materie e ho un sacco di passioni extracurricolari e vedo solo il vuoto davanti a me. Mi iscrivo a qualche test a caso, scarto senza pensarci troppo alcune facoltà e via ciao, dove si entra si va, tanto in Italia non c’è lavoro in ogni caso. Poi è estate, sono in montagna a godermi una meritata vacanza dopo il mio quinto anno passato più tra gli ospedali che a scuola e la conseguente doppia fatica per passare la maturità. Precisamente sto prendendo il sole, me lo ricordo bene. Ed è lì,che come un meteorite, mi ripiomba dentro tutto quel ‘fuoco sacro’ della ricerca che mi aveva guidata gli anni prima. Non chiedetemi come e perchè, non so rispondervi, so solo che è arrivato. Era una voce chiara nella mia testa che mi diceva ‘parli quattro lingue, chissene frega se in Italia non c’è lavoro, vai, laureati, e fai quello per cui sei destinata’. Dio grazie, avevo scelto di fare il test di CTF. Grazie. Finite le mie vacanze, più a studiare da quel momento che a riposarmi, torno e faccio i vari test a cui mi ero iscritta senza preoccuparmene molto, finchè arriva l’ultimo giorno di test, dove provo CTF. L’ansia è alle stelle, ma come un’automa entro in aula, rispondo a tutte le domande in un quarto d’ora con una sicurezza disarmante e consegno. Esco col sorriso, dai cavolo sono entrata, era troppo facile per sbagliare! I giorni a seguire sono gioia e riposo in attesa che arrivino i risultati e che sia confermato che sono veramente una studentessa di CTF. E’ il giorno del mio 19esimo compleanno e sono sul treno di ritorno da una giornata di shopping a Milano con le amiche. ‘Sono usciti i risultati’ mi dice una di loro. L’ansia c’è ma sono sicura di essere entrata. Dai, 100 posti, io ho risposto bene. 129. 129. 129. Con errori segnati che non sono i miei, perchè ricordo bene che quelle risposte non sono le mie. 129. Non è possibile. Non ricordo nemmeno come sono arrivata a casa, mi sono chiusa un camera e ho pianto. La sera e la notte del mio compleanno sul letto a piangere. E anche il giorno dopo. Se sono nata per questo perchè non posso farlo? Chi mi ha cambiato la scheda? E se è vero che gli amici si vedono nel momento del bisogno, io più che mai l’ho scoperto lì. Le amiche sono riuscite a tirarmi fuori dalla mia camera e dalla mia cucina e a farmi rivedere il mondo come un posto dove posso ancora lottare per avere quello che voglio. Infatti c’è posto per me a chimica. Bene, mi tolgo qualche esame e l’anno prossimo si riprova a CTF. L’ho presa con filosofia. Vado al mio primo giorno di università, conosco un po’ di gente e ma si dai si può fare. E poi di nuovo lo stesso meteorite che mi ha colpito in montagna torna. Mi chiama un’amica al telefono ‘sei entrata a CTF, ti hanno ripescata, sei entrata!’. E di nuovo lacrime, ma stavolta di gioia. Stavolta si fa sul serio. Secondo giorno di università. Nuovo edificio, nuove persone (che diventeranno nuovi amici!) e nuovi professori. E’ il mio ambiente, mi piace, è quello che voglio fare. Ah, la gioia del primo semestre! Da lì in poi un buco nero. Non per le persone, ho trovato dei compagni di viaggio che sono fantastici. Ma diavolo tutto il resto. Orari improponibili dalla mattina all’alba alla sera dopo il tramonto, alcuni professori che lasciamo perdere, per carità. Fatiche per passare gli esami che neanche l’Everest, perchè non è che fanno le differenze, è che proprio te lo sputano in faccia che preferiscono uno invece che l’altro. L’ansia. La mia maledetta fottutissima ansia. Che mi prende, mi strapazza, mi ipnotizza, mi uccide mangiandomi da dentro. E l’insonnia. Arrivi a casa la sera, se riesci a muovere un muscolo, lo usi per copiare gli appunti, altrimenti rimani a sguardo fisso nel vuoto. Vai in camera e le due sorelline, ansia e insonnia, sono lì, che ti aspettano sedute sul letto. Ti tormentano fino a notte inoltrata. Non fai in tempo a chiudere gli occhi che suona la stramaledetta sveglia. Devi mettere a posto casa, portare fuori il cane, dare da mangiare al cane e al gatto, mangiare, prepararti il pranzo, vestirti, truccarti per far in modo che i tuoi compagni non si sentano sul set di The Walking Dead e attraversare il traffico immane che ti separa dall’università. Lezioni, lezioni, lezioni, palestra, casa. Repeat. Non c’è spazio per niente. Non puoi uscire tutte le sere come tutti gli universitari, tra cui i tuoi amici, non c’è spazio per una vita sociale, per niente. Solo per questo piccolo blog-sfogo, che riesce a darti le uniche soddisfazioni. Arrivi al weekend con la voglia di uscire ancora di casa sotto i piedi, ma esci, anche perchè se no i tuoi ti buttano fuori a calci. Ma arrivi al punto che uscire la sera = andare a letto più tardi, andare a letto più tardi = stare fino ad ancora più tardi in compagnia delle sorelline malefiche sopra citate e quindi uscire la sera = tortura. Ora, sfido chiunque di voi a 21 anni a scegliere di fare questa vita. Beh, non per vantarmi, ma io l’ho fatto. E l’unica cosa che mi spinge a farlo sono quei meteoriti là che continuano a cadermi addosso. A volte sono belle notizie: è stato scoperto un nuovo farmaco, ci sono nuovi fondi per la ricerca e così via. Altre volte sono grossi, pesanti macigni, non riportabili su internet: cancro, cancro e cancro. Quel fottuto mostro del cancro, che continua a mangiarsi le persone, a distruggere le famiglie, sempre e solo lui. E ogni volta è come se Dio o chi per lui mi stesse dicendo ‘Samantha, c’è bisogno di te’ e allora io ritrovo la voglia di crederci, di studiare, di avere la faccia tosta di presentarmi a un esame e di passarlo in barba a tutti. Ero in un momento nero, e poi ho aperto un pacchetto che conteneva Colpa delle Stelle. E l’ho divorato. E ho pianto, perchè volevo aver già scoperto il farmaco giusto per ogni merdoso cancro (SPOILEEEEERRRRRRRRRRRR!!!!!!!), per salvare Gus, perchè lui se lo meritava, perchè tutti in quel libro meritano una cura. Perchè tutti a questo mondo meritano una cazzo di cura. E invece ho ancora tre anni di università davanti. E allora è il caso di studiare finchè non crolli e presentarti agli esami di gennaio, e passarli. Le stelle continuano a dirmelo, e io continuo ad ascoltarle.

P.S. Seguitemi su Bloglovin, Instagram e Twitter, se me lo farete sapere sarò felice di ricambiare!

 photo DSCN0004_zps330173c2.jpg

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...