Parole in circolo

 photo DSCN0009_zps6bf0d9c0.jpg

Anyone who has a favorite singer can’t wait for something new to came out whether it’s a single, an album, a concert or a project. It’s with this last world that my favorite singer calls Parole In Circolo, his brand new album that came out on January 13th. I’m not gonna tell you how many times I’ve listened to it, it’s on heavy rotation since I got it in my hands and if I’m not listening to it it’s because a) I’m sleeping or b) I’m following him in his tour de force of interviews from a radio to another. And if you think that it’s 1one/of2two so in months the second part will come out, my neighbours would kill me. Or kill him, the important that it stops playing from now to forever. Samantha stay focus on the subject, please tell me this now and then. Or better don’t or I’ll be thinking I’m back to high school.

We were saying, Marco Mengoni. I remember like it was yesterday when I was sitten in front of a different computer, in a different studio, just shy of two years ago, and I was talking to you about #Prontoacorrere, the album before Parole In Circolo and The Queen Of Dreaming was just little poppet of some months old. Well, how could I forget that moment as much as was the day after I met him. I was only able to say a few words, a thank almost whispered, DAMN SHYNESS! Well actually I’m shy only in important situations, when I should open myself more to people, I have to learn how to fight this feelings. Samantha stay focus on the theme. Thanks we were saying. You probably think thanks for the autograph, thanks for the amazing concerts (next one 21st of may yay!), thanks for that amazing voice and talent you have. But actually there’s a secret challenge between the two of us, so secret that he doesn’t know it, if I wasn’t that shy probably I’d have been able to tell him that, but everytime I act like he knows. Tell us about this challenge. Ok. Everyone of us sooner or later heard a song and thought that represent us in some ways, that maybe we share these emotions we are feeling with the singer. With Marco this happens everytime. And when I say everytime I mean everytime. But it’s not like ‘same emotions’ felling. The words and the way how they are sung that tell about me, my life, about what I’m living in a specific moment, like no singer have done before. It’s seems like that when Marco Mengoni writes and sing is possessed by Samantha Campanini without me and him knowing it. To make it clearer: if I had a millionth of his talent I would write very similar things, which I’ll never be able to do because for this I’ve zero talent. Therefore every time I have a brand new Marco CD in my hands, since the first one, I look at it and I’m like ‘let’s if you made it again this time’.  And guys he does it every time. Every time I see my story in his songs, I see the moment I’m living. It’s like we are growing up together, it’s like our emotions meet every time unconsciously. The CD starts with Guerriero, the first single who had already cleverly passed this phase.

Then it comes Esseri Umani, hell seriously? I was actually crying since the beginning of the day, hoping to stop listening to the project and he hit me in the face with a

Credo negli esseri umani                              (I believe in human beings
che hanno coraggio,                                     who have the courage,
coraggio di essere umani.                           Courage of being human being.)

Tell me Marco, were you hidden at the tattooist when I let him write courage on my skin indelibly, telling him why? And were you there when I was proposing myself that from that exact moment till the end of days I’ll only need to look at myself in the mirror to realize how brave I am? And you saw that I forgot about that promise and you decide to sing it to me? This is just the refrain, but actually the entire lyrics talks about the brave Samantha that seemed to be lost and immediately came back listening this song.

To follow Invincibile

Guardo le finestre illuminate                     (I look to illuminated windows

Ognuna che racchiude tante storie           everyone of them holds many stories

Chissà se si fa guerra o si fa pace             who knows if there’s war or peace

Intanto io continuo a camminare            in the meantime I keep walking)

And again. The song talks again about my bad days and these exact words I wrote remind me when it’s twilight and to get over I jump in the car and zip through the streets looking at houses and people. It’s in these exact moments when I realize that I’m not the only one having pain and if people get over it why can’t I? And Io Ti Aspetto starts palying

Io ti aspetto e nel frattempo vivo           (I wait for you and in the meantime I live

Finché il cuore abita da solo                   till the heart lives alone

Questo cielo non è poi leggero               this sky is not so light

Affiderò                                                       I’ll entrust

Queste parole ad un libro già scritto  this words to an already written book

Che poi rileggerò                                    which I’ll read again

Vivo così                                                   I live like that

Coi sogni piegati in valigia                with dreams bended in my bags)

Really Marco you have to stop. Or at least tell me if you keep peeking at me. Again this song talks about these moments when I decide I can do this, that I actually love my life, and if something go wrong today can actually go right tomorrow. If someone can’t see that, can’t see who I am or just wants mess things up, who cares, I wait for him to open his eyes, but in the meantime I keep living

Pugni chiusi che                      (closed fist that

Questo cuore ha                       this heart has

È vulnerabile, lo sai,              it’s vulnerable, you know that,

Anche se il duro fa                 even if it plays the hardass)

In the songs before I didn’t talk about love sentences, but actually they were true for me too. I never talk about that because, exactly like La Neve Prima Che Cada says, my heart love playing the hardass, it always has closed fist and only who really knows me knows how much it’s actually vulnerable. And after the nth song I’m asking: Are you one of these rare people that knows me so well, Marco? How?

io non ho mai smesso di crederci                 (I’ve never stopped believing

tutto adesso cambierà                                     everything will change now

il nostro tempo, l’amore vissuto                   our times, the past love

tu lo riabbraccerai                                          you’ll embrace it again

è come un attimo fa, come un attimo fa   like a moment ago, like a moment ago)

Like the song before, Come Un Attimo Fa slips into the bowels of my feelings and put in mouth words I’m able to say only with big efforts, but that are exactly what I think when I’m on the limbo deciding in which side I have to throw myself.

E invece io volevo te,                                   (And in reality I wanted just you,

Sempre cercato solo te                                 I’ve always looked for you

Ed è per questo che continuerò                 And that’s way I’ll keep

A cercarti ancora                                         looking for you again)

My relationship status comes again on general public with Ed è Per Questo. Even If I never talk about this side of me, I surely think about it. Listening to this lyrics I found myself: I don’t know who I want, but I definitely know what I want in a person and even if the meantime I live, like I said before, I know what I’m looking for and I’m gonna stop doing it.

Dentro la mia testa                                       (Inside my head

Vivono le ombre di qualcosa                       live the shadows of something

Che non mi fa bene,                                       that don’t allow me to do well

Non mi fa stare bene                                     don’t allow me to do well

Ho bisogno di cambiare                               I need to change

Per non essere costretto                              To not be forced

Ad ammettere che                                        To admit that

Il meglio di me                                              The best of me

Nessuno lo ha mai chiesto                          Has never been asked by anyone)

Who knows me or follow me, or simply as read this post since the beginning doesn’t need a comment about this words from Se Sei Come Sei.

Soundtrack of my life since 19th of september 1993.

Si lo so è una pazzia                   (Yes I know it’s something crazy

Ma di credere sai                         But believing

A questa favola mia                    To this fairytale of mine

Io non smetterò mai                   I’ll never stop)

Words in Se Io Fossi Te. As if he wanted to mark again my ideas, my way of living, with words so perfect, so ‘Sam-style’ that I’m closet o be scared to see them coming out o fan head that is not mine. And the final song, Mai E Per Sempre, is surely the best way to conclude leaving me completely speechless.

Se vivi la vita                                      (If you live the life

In punta di piedi,                                On tiptoe,

D’accordo, non corri,                        Okay, you don’t run,

Però quasi voli.                                  But you almost fly.)

And like you can clearly understand, even this time the challenge is completely passed. The richness is completely new, avant-garde, refined and pretty different from the Mengoni of early times. And again unbelievably this richness are really close to a music that I’ve started to listen not so long ago and that I was loving everyday more. Now we don’t have many possibilities: or me and Marco had very similar experience in our lives, or everything is a huge coincidence, or clearly he is peeling me.  The fact is that this songs added themself strongly in the soundtrack of my life and tha only thing I can do is love them, be moved and invite you to buy this album and listen to it.

Chiunque abbia un cantante preferito aspetta con ansia che esca qualcosa di nuovo, che sia un singolo, che sia un album, che sia un concerto o che sia un progetto. E’ così che il mio, di cantanti preferiti, definisce Parole In Circolo, nuovo album uscito il 13 gennaio. Non sto a dirvi ormai quante volte l’ho ascoltato, è in rotazione continua da giorni e se non lo ascolto è perchè a) dormo o b) lo sto seguendo in questa suo tour de force di interviste da una radio all’altra. Se poi pensate che è un 1uno/di2due e che a mesi ne uscirà una seconda parte, i miei vicini potrebbero venire a uccidermi. O uccidere lui, basta che smetta di suonare 24 ore al giorno da qui a per sempre. Samantha resta nel tema, ditemelo ogni tanto vi prego. Anzi no se no mi sembra di essere tornata a scuola. 

Dicevamo, Marco Mengoni. Ricordo come ieri mentre mi sedevo davanti a un computer diverso, in uno studio diverso, poco meno di due anni fa e vi raccontavo di #Prontoacorrere, l’album di inediti di Marco prima di Parole In Circolo, quando The Queen Of Dreaming era ancora un cucciolotto di qualche mese. Anche perchè sinceramente come posso dimenticare quel momento dato che era esattamente un giorno dopo in cui avevo incontrato lui. E ero riuscita a dirgli due parole in croce, un grazie con un filo di voce quasi, DANNATA TIMIDEZZA! Che poi alla fine sono timida solo quando dovrei aprirmi di più, nelle occasioni importanti, devo imparare a combattere questi momenti. Samantha resta nel tema. Grazie dicevamo. Dite certo grazie per l’autografo, grazie per i bellissimi concerti (il prossimo il 21 maggio yeah!), grazie per avere quella gran bella voce e stile che ti ritrovi. Ma in realtà c’è una sfida silenziosa tra noi due, ovvio lui non lo sa, magari se non fossi così timida gliel’avrei anche detto, ma ogni volta mi sento come se lui in realtà lo sapesse. Qual’è questa sfida? Ora vi spiego. A tutti noi è capitato di ascoltare una canzone e pensare che ci rappresentasse in qualche modo, che raccontasse qualcosa che avevamo in comune con chi l’ha scritta. Marco lo fa sempre. E quando dico sempre intendo sempre. Ma non è come quel sentirsi rappresentati a livello di ‘stessa emozione’. Sono le parole e il modo in cui sono cantate che insieme raccontano di me, della mia vita, di quello che sto vivendo in un determinato momento, come nessun altro cantante è riuscito a fare prima d’ora. E’ come se Marco Mengoni quando scrive e canta fosse posseduto da Samantha Campanini senza che in realtà ne io ne lui lo sappiamo. Per rendervela più chiara, se avessi anche un milionesimo del suo talento, probabilmente butterei giù parole se non uguali, ma molto simili, ma questo non lo posso fare, perchè non sono capace. Quindi ogni volta che ho in mano un suo cd nuovo, sin dal primo, lo guardo e penso ‘vediamo se ce l’hai fatta anche stavolta’. E ragazzi ce la fa. Ogni volta vedo la mia storia nelle sue canzoni, vedo il momento che sto passando. E’ come se crescessimo insieme, è come se le nostre emozioni si incontrassero ogni volta inconsapevolmente. Il CD parte con Guerriero, il primo singolo, per cui tutta questa fase era già stata vissuta e brillantemente superata dall’esaminato. Poi arriva Esseri Umani, diamine seriamente? Stavo passando la giornata a piangere sperando di risollevarmi con l’ascolto del progetto e mi colpisce in faccia un bel

Credo negli esseri umani
che hanno coraggio,
coraggio di essere umani.

Dimmi Marco, eri nascosto nella stanza del tatuatore quando imprimeva per sempre courage sulla mia pelle e gli raccontavo perchè? E eri lì quando mi ripromettevo che nei miei momenti bui d’ora in poi mi sarei guardata allo specchio per ricordarmi che ce l’avrei fatta? E hai visto che mi ero dimenticata della mia promessa e hai ben pensato di cantarmela? Questo è solo il ritornello, ma tutto il testo racchiude la Samantha coraggiosa che sembrava essere andata via per sempre e invece con che prepotenza è tornata indietro con queste parole. Segue Invincibile

Guardo le finestre illuminate

Ognuna che racchiude tante storie

Chissà se si fa guerra o si fa pace

Intanto io continuo a camminare

E ancora. La canzone continua a raccontare dei miei giorni bui e queste parole che vi riporto, mi ricordano esattamente quando per riprendermi mi infilo nella macchina e sfreccio per le strade durante il tramonto, guardando, palazzi e persone e pensando cosa stia passando per la loro testa e realizzo pian piano che devo continuare a perseverare perchè tutti hanno problemi e che se chi ce l’ha fatta, perchè non posso farcela anche io con i miei quintali di determinazione? E parte Io Ti Aspetto

Io ti aspetto e nel frattempo vivo

Finché il cuore abita da solo

Questo cielo non è poi leggero

Affiderò

Queste parole ad un libro già scritto

Che poi rileggerò

Vivo così

Coi sogni piegati in valigia

Davvero Marco basta. Almeno dimmelo se continui a spiarmi. Di nuovo, questa canzone sembra raccontare tutto quello che mi passa per la testa in quei momenti in cui mi ricordo che in realtà sono forte tra le lacrime, in cui decido che devo viverla questa vita, e che se stavolta non è andata intanto si va avanti e se c’è qualcuno o qualcosa che si mette in mezzo, cavolacci suoi, io aspetto che si svegli, ma intanto vivo.

Pugni chiusi che

Questo cuore ha

È vulnerabile, lo sai,

Anche se il duro fa

Nelle canzoni citate e descritte prima ho un po’ snobbato quelle che erano le strofe più d’amore, ma in realtà erano vere per me anche quelle, non ne parlo mai, semplicemente perchè come racconta magistralmente La Neve Prima Che Cada, al mio cuore piace tanto fare il duro, quello che non è interessato ai sentimenti, come dice esattamente la canzone sta sempre coi pugni chiusi, ma solo chi mi conosce bene sa esattamente quanto sia vulnerabile. E dopo l’ennesima canzone mi viene da chiedermi: ma non è Marco che anche tu mi conosci così bene? Come fai?

io non ho mai smesso di crederci

tutto adesso cambierà

il nostro tempo, l’amore vissuto

tu lo riabbraccerai

è come un attimo fa, come un attimo fa

Esattamente come la canzone prima, Come Un Attimo Fa si infila nelle viscere dei miei sentimenti e riesce a mettere in bocca quelle parole che non riesco mai a dire, che escono fuori solo dopo immani fatiche, ma sono esattamente quello che penso in quei momenti dove sono sul limbo, a decidere della mia vita, a decidere da che parte buttarmi.

E invece io volevo te,

Sempre cercato solo te

Ed è per questo che continuerò

A cercarti ancora

Ancora la mia situazione sentimentale sulla piazza arriva con Ed è per questo. Anche se non parlo mai di questo lato di me, sicuramente ci penso, e ascoltando questo testo ritrovo perfettamente me stessa. Non so chi voglio, ma sono benissimo cosa voglio in una persona e anche se nel frattempo vivo, come si diceva prima, so bene cosa sto cercando e anche se a volte rischio di illudermi, la meta è chiara, e continuerò a cercarla.

Dentro la mia testa

Vivono le ombre di qualcosa

Che non mi fa bene,

Non mi fa stare bene

Ho bisogno di cambiare

Per non essere costretto

Ad ammettere che

Il meglio di me

Nessuno lo ha mai chiesto

Chi mi segue e mi conosce, o semplicemente ha letto questo post dall’inizio non ha bisogno di un commento al pezzo che ho riportato di Se Sei Come Sei. Giratela al femminile, avete la colonna sonora della mia vita di tutti i giorni dal 19 settembre 1993.

Si lo so è una pazzia

Ma di credere sai

A questa favola mia

Io non smetterò mai

E ancora Se Io Fossi Te. Quasi a continuare a rimarcare costantemente la mie idee, il mio stile di vita, con delle parole così perfette, così ‘samanthose’ che quasi mi spavento a vederle uscire da una testa che non è la mia. E non c’era modo migliore di concludere lasciandomi il più possibile sbalordita che con Mai E Per Sempre

Se vivi la vita

In punta di piedi,

D’accordo, non corri,

Però quasi voli.

E come potete ben capire, anche stavolta la prova è stata superata. Le sonorità sono nuove, sperimentali, ricercate e molto diverse dal Mengoni degli inizi. Ancora una volta questi effetti vocali si avvicinano assurdamente a una musica che ho scoperto da poco e che ogni giorno amavo sempre di più. Ora le possibilità sono poche: o io e Marco abbiamo avuto esperienze così simili nella nostra vita, o è tutta un’enorme coincidenza, o chiaramente mi sta spiando. Sta di fatto che queste canzoni si sono aggiunte con prepotenza nella colonna sonora della mia esistenza e l’unica cosa che posso fare è amarle, commuovermi e invitare anche voi a comprare l’album e ascoltarle.

 photo DSCN0010_zps21a3b779.jpg

9 thoughts on “Parole in circolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...