Artichoke pie

DSCN0126 copia

Surprise, surprise: I’m here again. New day, new reportage from my small kitchen. If I’ve always dreamed of having a black table now I know that I don’t want it anymore. Let’s forget for a second that I’m an instagram maniac and that I love posting pictures of my food and dear lord Strasbourg is so foggy and grey and with a black table it’s impossible to take a good picture if you have no light, let’s forget it. The real thing is that it gets dirty in a second. You clean it, turn around, turn back, dirty again. After this experience I’ll forget that I wanted any black in my house, this for sure. But we’re here to talk about food and not furniture. What I’m cooking today is one of the most simple and at the same time more scenic recipes ever made. Everyone would think you’ve been working on it for ages, the real thing is that for most of the time you can take out your glass of wine, your book and wait while the things cook themselvs. This is artichokes’ magic, they make things look so pretty every time! It’s pretty healthy this time, just in case you can try to substitute the butter with olive oil, but even the butter is not that much!

So for 6 people you’ll need:

500 g of rice

1 kg of artichokes

butter

gated parmesan cheese

lemon juice

1 garlic slice

parsley

extravirgin olive oil

salt

pepper

Sorpresa, sorpresa: sono di nuovo qui. Nuovo giorno, nuovo reportage dalla mia piccola cucina. Se ho sempre sognato un tavolo nero, ora so di non volerlo più. Dimentichiamo per un secondo la mia mania per instagram e per postare foto di cibo e santo cielo Strasburgo è sempre così grigia e nebbiosa e con un tavolo nero è impossibile fare una bella foto se non hai nemmeno luce, dimentichiamolo. Il vero problema è che si sporca in un secondo. Lo pulisci, ti giri, ti rigiri, sporco di nuovo. Dopo quest’esperienza dimenticherò di aver mai voluto mobili neri nella mia casa, questo è certo. Ma siamo qui per parlare di cibo e non di mobili. Quello che vi preparo oggi è una delle più semplici e allo stesso tempo sceniche ricette mai fatte. Tutti penseranno che ci abbiate lavorato ore, in realtà per la maggior parte del tempo potete tirare fuori il vostro bicchiere di vino, il vostro libro e aspettare che le cose si cucinino da sole. E’ la magia dei carciofi che fa sembrare le cose così sofisticate ogni volta. Stavolta è piuttosto sana, al massimo potete sostituire il burro con olio d’oliva, ma vedrete che non sarà tantissimo!

Quindi per 6 persone avremo bisogno di:

500 g di riso

1 kg di carciofi

burro

parmigiano reggiano grattugiato

succo di limone

1 spicchio di aglio 

prezzemolo

olio extra vergine d’oliva

sale

pepe

Continua a leggere

Annunci

Scallop fagottini

DSCN0020

I’ve been a ghost in the past six months, I know. I will tell you a secret: it’s practically impossibile to properly run a blog when you have a job that takes you 10 hours per day and you are also a student. Sad, sad story. This anyway, didn’t stopped me from taking pictures now and then of my new city, my outfits and, as you see today, my fancy food. I just had no time to look at them, to talk about them or write about them. But hey, today I’m here, I call it progress! This recipe that I will explain to you today was born from the passion that Alsacians (and me) have for scallops. Another thing that I can tell you is that you and your friends and family will get passionate about them too from the exact moment they will get out of the oven. This is what happened with my roommates (oh yes, did I told you that I have roommates now?); my fagottini never had the chance to see the light of the day, too bad for them, too good for us 😉 I would love to say that I can give you tips for the healthy version, but as you will see this is pretty fatty, the triumph of french cookery, so my advice to keep it healthy is to invite a lot of friends for an aperitif, serve this and you will have no time to eat more than two, they will disappear 😀

So let’s see what you need to make this for 4 people:

1 package of frozen puff pastry

16 scallops

1 scallion

30 g of butter

500 g of béchamel

1 teaspoon of ketchup

1/2 glass of white wine

wild fennel

1 egg yolk

salt

pepper

Sono stata un fantasma negli ultimi sei mesi, lo so. Vi dirò un segreto: è praticamente impossibile curare adeguatamente un blog quando hai un lavoro che ti prende 10 ore al giorno e sei anche una studentessa. Triste, triste storia. Questo tuttavia non mi ha fermata dallo scattare ogni tanto foto della mia nuova città, dei miei outfit e del mio cibo fighissimo. Semplicemente non avevo tempo per guardarle, per parlarne o scriverne. Ma hey, oggi sono qui, quindi c’è un po’ di progresso! Questa ricetta di cui oggi vi racconterò ogni segreto nasce dalla passione degli Alsaziani (e mia) per le capesante. Un’altra cosa che posso dirvi è che anche voi, la vostra famiglia e i vostri amici ve ne appassionerete non appena usciranno dal forno. Questo è quello che è successo con i miei coinquilini (oh sì, vi ho detto che ho dei coinquilini?); i miei fagottini non hanno mai visto la luce del giorno, peccato per loro, molto bene per noi 😉 Mi piacerebbe come al solito darvi qualche consiglio per una versione dietetica, ma stavolta proprio non posso, è piuttosto ‘grassa’ come scoprirete. Il mio consiglio quindi per rimanere a dieta è invitare un sacco di amici per l’aperitivo, servire questi e non avrete tempo di mangiarne più di due, spariranno 😀

Andiamo allora a vedere cosa ci serve per 4 persone:

1 confezione di pasta sfoglia surgelata

16 capesante

1 scalogno

30 g di burro

500 g di besciamella

1 cucchiaino di ketchup

1/2 bicchiere di vino bianco

finocchietto selvatico

1 tuorlo

sale

pepe  Continua a leggere