Graduation: the party

AKUR6429

You know, after the graduation comes the party. Same people, a more festive look, a lot of wonderful food thanks to Antica Grancia Benedettina (a place I know since I was like 6 years old), jokes and games organized by my friends and family and a lot of wine too. The best party I’ve ever had. At the end presents came: a custom made Montblanc pen by my parents, a limited edition Harry Potter bag by my friends, a pair of Chanel earrings by my high school science teacher and by family and friends also a trip of 15 days in Asia. They are surely the best people in the universe!

Lo sapete, dopo la laurea c’è la festa. Stesse persone, vestiti più festaioli, un sacco di cibo fantstico grazie all’Antica Grancia Benedettina (un posto che conosco da quando avevo 6 anni), giochi e scherzi organizzati dai miei amici e famiglia e un sacco di vino. La miglior festa di sempre. Alla fine è arrivato il momento dei regali: una penna Montblanc fatta apposta per me dai miei genitori, una borsa di Harry Potter in edizione limitata dai miei amici, un paio di orecchini di Chanel dalla mia insegnante di scienze del liceo e di nuovo amici e famiglia mi hanno regalato un viaggio di 15 giorni in Asia. Le migliori persone dell’universo!

Continua a leggere

Annunci

Berlin: day 3

Berlino_341_mia

Like it has to be our morning started with breakfast. Since the one we had at our hotel the day before we decided to go out to do it. Precisely at Spitteleck and it was better and cheaper! We then moved to Charlottenburg; a place that surprised me positively. I’ve always been passionate with castles and palaces (guess why, I grew up in front of one the most beautiful ones we have in Italy!), and for me nothing in the world was better than Versailles. Well since the day we went visiting this complex of Palaces and gardens propriety of the Prussian Kings I have to re-think about that. Now I really think they can go side by side on my top 10 of best historical houses. I certainly advice you to go, but once there, don’t run from one place to another, take your audioguide and listen all the stories behind what you’re seeing. Now I’ll let the photos we took speak for themselvs, pay attention at rococo details, my favorite style in art and architecture that has is triumph in these buildings.

Come deve essere la nostra mattina è iniziata con la colazione. Vista l’esperienza del giorno precedente in hotel, abbiamo deciso di farla fuori. Precisamente da Spitteleck ed era migliore e meno cara! Ci siamo poi spostate a Charlottenburg: un posto che mi ha stupita positivamente. Sono sempre stata appasionata di castelli e palazzi (chissà perchè, sono cresciuta di fronte a uno dei più belli che abbiamo in Italia!), e per me non esisteva di meglio al mondo di Versailles. Beh, dal giorno in cui siamo state a visitare questo complesso di palazzi e giardini appartenuto ai re di Prussia ho ripensato a questa mia affermazione. Ora penso proprio possano stare fianco nella mia top 10 delle abitazioni storiche. Sicuramente vi consiglio di visitarlo, ma una volta lì non correte da una parte all’altra, prendete la vostra audioguida e ascoltate la storia dietro a quello che state vedendo. Ora lascio spazio alle foto, prestate attenzione ai dettagli rococò, il mio stile pittorico e architettonico preferito, che trova il suo trionfo in questi palazzi.

Continua a leggere

Strasbourg diary: Cathedral terrace, Le Moulin du Diable, Binchstub, Kronenbourg, Riesling and Bistrot et Chocolat

147

Third chapter of my guide to visit Strasbourg. Today we go back to the Cathedral, but not inside… upstairs! There’s not very much to explain, the pictures speaks for themselvs, from here you can see not only the entire city, but also Germany. Prepare yourself to climb the stairs and for the wind, but the exertion is completely worth it!

Terzo capitolo della mia guida per visitare Strasburgo. Oggi torniamo alla Cattedrale, ma non dentro… sopra! Nonc’è molto da spiegare, le foto parlano da sole, da qui potete vedere non solo la città intera, ma anche la Germania. Preparatevi a salire gli scalini e ad affrontare il vento, ma ne vale veramente la pena!

Continua a leggere

Strasbourg diary: Barrage Vauban, Petite France, Saint Thomas, Cathedrale de Notre Dame, Saint Paul, Botanic garden, Maison Kammerzel and Palais Rohan

DSCN0001

As I’ve already told you, in September I moved in Strasbourg for work. It was hard and thrilling at the same time and since my very first walk there, I’ve felt in love with the city. It’s small, but really characteristic. You walk in the city centre and you feel like you entered in a fairytale with the tipical alsacian houses, the river and the bridges. What I would like to do with you is creating a small guide, in different episodes, of the best I’ve tried here. Just in case you want to visit, which I hardly recommend.

Come vi ho raccontato, a settembre mi sono trasferita a Strasburgo per lavoro. E’ stato duro e elettrizzante allo stesso tempo e fin dalla prima passaggiata mi sono innamorata di questa città. E’ piccola, ma molto caratteristica. Camminate nel centro della città e vi sentite come catapultati in una fiaba grazie alle casette alsaziane, al fiume e ai ponti. Quello che vorrei creare con voi è una piccola guida, in diversi episodi, del meglio che ho provato qui, in caso vogliate farci una visita, cosa che raccomando fortemente.

Continua a leggere

Alors On Dance

DSCN0003

It happened guys: my summer session of exams is over and hopefully will be the last one! I’ve only imagined this moment in my happiest dreams: no more super hot days spent on my books! Now I have a week of relax where I’ll go around Italy just to relax a bit and next saturday I’ll start working (and studying for september, ouch!), but my mind is like renewed! No holidays this summer, but I’ll recover after my deegree with a month long USA coast to coast 😉 And what are you planning to do this summer? Tell me in the comments!

E’ successo ragazzi: la mia sessione estiva è finita e spero sia l’ultima! Ho immaginato questo momento solo nei miei sogni più splendenti: niente più giorni caldissimi passati sui libri! Ora ho una settimana di relax dove andrò in giro per l’Italia per rilassarmi un po’ e da sabato prossimo inizierò a lavorare (e a studiare per settembre, ouch!), ma la mia mente è come se fosse rinata! Niente vacanze quest’estate, ma recupererò dopo la mia laurea con un mese di coast to coast degli USA 😉 E voi cos’avete in mente per quest’estate? Raccontatemelo nei commenti!

Continua a leggere

All I Ever Wanted Was The World

DSCN0193

I was pretty silent at the beginning of the year. When I was back writing I wasn’t still able to tell you why and I’ve just kept being silent. Now I think it’s time. This January my beloved angel Lucy passed away. It was (and is) definetely the worst period of my life, the pain walks with me everyday and I’m not really able to say much more. It was like all my life moved to the background. I’ve lost the envy of doing anything from the smallest things to the big ones. I’ve started living again when Hunter became part of my life. I wasn’t ready for a new dog, the only idea made me angry with the world, she was my one and only and my heart was completely empty. But my parents borrowed me to this house where this pretty little face came out of a gate and started licking my hands. He was watching me directly in the eyes and it was like I was starting to breathe again. His mistress didn’t want him anymore as after one year and a a half she discovered that he has a little dysplasia and so he couldn’t start a life of beauty contests. In my mind the only thing that came out was ‘are you really giving away this super sweet dog just because he can’t compete? Even if he clearly loves you?’ the thing was done, he’ll come home with me, not one more second where they are not ready to love him as he deserves. I’m not going to say it was easy, the separation was really hard for him. We’re still helped by a canine reeducator and we’re making progress. After he understood that we’ve not kidnapped him, but we love him he became like our shadow and he stays always with us. I have my dark moments, but he tries his best to make me feel loved and I’m supergrateful.

Sono stata abbastanza silenziosa all’inizio dell’anno. Quando sono tornata a scrivere non ero pronta a dirvi perchè, perciò in qualche modo ho continuato a essere silenziosa. Ora penso sia arrivato il momento. Questo gennaio il mio piccolo angelo Lucy è venuta a mancare. E’ stato (ed è) sicuramente il periodo peggiore della mia vita, il dolore è con me tutti i giorni e non sono veramente in grado di spiegarvi cosa voglia dire. E’ stato come se tutta la mia vita passasse in secondo piano. Ho perso la voglia di fare qualsiasi cosa, dalle più piccole alle più importanti. Sono tornata a vivere quando Hunter è diventato parte della mia vita. Non ero pronta ad un nuovo cane, la sola idea mi faceva arrabbiare con il mondo intero, lei era l’unica e il mio cuore era completamente vuoto. Ma i miei genitori mi hanno portata in questa casa dove questo bel musetto è uscito da un cancello e ha iniziato a leccarmi le mani. Mi guardava dritta negli occhi ed è stato come se imparassi a respirare di nuovo. La sua padrona non lo voleva più siccome dopo un anno e mezzo ha scoperto che ha una piccola displasia all’anca e perciò non era più possibile iniziare la sua vita da campione di concorsi di bellezza. L’unica cosa che mi è passata per la testa in quel momento è stata ‘stai davvero dando via questo dolcissimo cane solo perchè non può gareggiare? Anche se è evidente l’amore che ha per te?’ la cosa era fatta, sarebbe venuto a casa con me, non un solo secondo di più in un posto dove non ti amano come meriti. Non vi dirò che è stata una passeggiata, la separazione è stata molto dura per lui. Stiamo tutt’ora lavorando con un rieducatore cinofilo e stiamo facendo progressi. Dopo che lui ha capito che non l’avevamo rapito, ma che lo amiamo è diventato la nostra ombra e sta sempre con noi. Ho i miei momenti bui, ma lui fa del suo meglio per farmi sentire amata e io non potrei essergli più grata.

Continua a leggere

C’mon be my baby c’mon

DSCN0014

Have you ever had the desire of having fun without any worry? Call your dearest friends when the weekend calls, go out without a destination just for one night? This is what we’ll do tonight, it’s forbidden to think about anything but ourselvs, to a beautiful evening that we know when it starts, but when it ends. If you don’t hear about me anymore it means that I didn’t came back ahah! Just kidding, tomorrow morning we go back to real life, but tonight I’m not here for anyone. We need more nights like this! I hate trite things: dining always at the same restaurant, taking drinks always at the same bar e go dancing always at the same disco. When I can release myself I spend those nights that are written in my story. In the pictures another of my work outfits, fresh, light and pink, a little crazy, like I love it! What are your programs for tonight guys?

Avete mai una voglia matta di divertirvi senza pensare a niente? Quando arriva il weekend chiamare i vostri amici più cari, uscire senza una meta precisa e dimenticare il resto della vostra vita solo per una sera? Stasera si fa così, non si pensa a niente se non a noi stessi, a una bella serata che ha un’orario di inizio ma non si sa quando finirà. Se non mi sentite più è perchè non sono più tornata ahah! Scherzo, domattina si ricomincia con la vita vera, ma stasera non ci sono per nessuno. Ci vorrebbero pi spesso serate così! Odio le cose trite e ritrite: le cene sempre nello stesso ristorante, i drink sempre nello stesso bar e a ballare sempre nello stesso posto. Quando posso slegarmene passo le serate che poi si scrivono nella storia. Nella foto un’altro dei miei outfit da lavoro, fresco, leggero e rosa, un po’ fuori dal comune, come piace a me! Quali sono i vostri programmi per stasera invece? 

I was wearing:

United Colors Of Benetton tank | Vila skirt from Zalando | Vegaoo panty hose

New York: day 3

514_DSCN0153_mia

September the 12th, our third day in New York. We woke up early to go having breakfast not exactly behind the corner, we actually took a train and went to another state! Precisely we went to Hoboken to take cupcakes at the well known Carlo’s Bakery, the one we always watch on tv with Buddy preparing majestic cakes.

12 settembre, terzo giorno a New York. Ci siamo alzate presto per andare a fare colazione non esattamente dietro l’angolo, abbiamo in effetti preso un treno e siamo andate in un altro stato! Precisamente ad Hoboken a comprare cupcake nella ben nota Carlo’s Bakery, quella che guardiamo sempre in tv con Buddy che prepara torte favolose.

Continua a leggere

We ain’t kids nomore

DSCN0594

I’ve finally ended up my summer session of exams at university, kinda productive even if I was hoping in a couple of exams more. Now I have a ‘free’ month and then I’ll be in New York and I litteraly can’t wait for it!! It’s also probably my penultimate summer as a student, it’s difficult to not think about the ‘after’ and it’s pretty easy to realize that kid days are over.

In these photos I’ve created a look with a summerish outfit and wintery accessories, cause I love mixing! What do you think? And what are you going to do this summer? Tell me in the comments!

Finalmente ho finito la sessione estiva all’università, abbastanza produttiva anche se speravo in un paio di esami in più. Ora mi aspetta un mese ‘libero’ e poi andrò a New York e proprio non vedo l’ora!! E’ anche probabilmente la mia ultima estate da studentessa, è abbastanza difficile perciò non pensare al ‘dopo’ e si fa presto a capire che i giorni da ‘ragazzina’ sono finiti.

In queste foto ho creato un look con abiti estivi e accessori invernali, percè adoro mescolare! Cosa ne pensate? E voi cosa farete quest’estate? Fatemelo sapere nei commenti!

Continua a leggere

Come sei

DSCN0001

This was supposed to be a simple outfit post, already written, edited and ready to be posted, but I’d feel numb without saying anything about Paris. My Paris. Who is following me probably knows my endless love for this city that I use to call home away from home. I’m writing now, on balance and with a clear mind. I discovered what happened yesterday morning when waking up I’ve read a message from a Parisian friend and I’ve fallen to pieces. I was reading the information on the internet and, I admit it, all I was feeling was anger. Like probably many of you, all I wanted to do was hurt those subjects, hit them in their ‘state’, as they call it. But after blowing off steam this initial anger I’ve realized that is exactly what they want from us, to have new excuses to hurt people and spread sorrow. The real way to destroy those ‘people’, if you can call them like that, is to keep living happily and in peace. On Thursaday I’ve posted a photo on instagram from my last trip to Paris where I was saying that I wanted to go back and this desire is not gone today, isn’t changed, I’m not afraid to go to Paris. As much as I’m not afraid to go to Rome, London, Washington and all the other places that these imbeciles will threaten to attack. I’ll stay myself, I’m not going to be the fearful or embittered version of me, I’ll stay like I am now. And you too, feel free to jump on the first plane to go to your favorite city, to go out in the streets, to be yourself with your dreams, your passions, the little things that make us different the one from the other, just like we are.

And now just a few words about the outfit, shooted by Ila just before sunset on brown tones, a color that I discovered I love to wear. I’ve also added a gold lipstick inspired by Prada’s Gold 001, do you like it? Hope you’re going to have a beautiful sunday 🙂

Questo doveva essere un semplice post di outfit, già scritto, editato e pronto da pubblicare, ma mi sarei sentita un’insensibile a non dire niente su Parigi. La mia Parigi. Chi mi segue da un po’ probabilmente conosce il mio amore infinito per questa città, che con un’espressione inglese bellissima, che non ha pari in italiano, chiamo ‘home away from home‘. Scrivo adesso, a conti fatti e con la mente lucida. Ho scoperto quello che era successo ieri mattina appena aperti gli occhi tramite il messaggio di un’amica parigina e il mondo mi è crollato addosso. Leggevo le informazioni su internet e, non ve lo nego, tutto quello che provavo era rabbia. Avrei voluto, come sarà sicuramente successo a molti di voi, fare del male a questi soggetti, colpirli in quello che loro chiamano ‘stato’. Ma dopo aver sbollito questa rabbia iniziale ho realizzato che questa è proprio la reazione che si aspettano da noi, per avere di nuovo scuse per fare del male e seminare dolore. Il vero modo per distruggere queste ‘persone’, se così vogliamo chiamarle, è fargli vedere che continuiamo a vivere felici e in pace. Giovedì avevo pubblicato una foto su instagram dal mio ultimo viaggio a Parigi dove dicevo di voler tornare e quella voglia oggi non mi è passata, non è mutata, io non ho paura di andare a Parigi. Così come non ho paura di andare a Roma, Londra, Washington e tutti gli altri posti che questi balordi vogliano minacciare di attaccare. Io rimarrò me stessa, non diventerò la versione impaurita o incattivita di me, rimarrò così come sono. E anche voi sentitevi liberi di prendere il primo aereo per andare nella vostra città preferita, di uscire per strada, di rimanere voi stessi coi vostri sogni, le vostre passioni, le piccole cose che ci rendono diversi gli uni dagli altri, così come siamo.

E ora due parole sull’outfit, scattato da Ila appena prima del tramonto, utilizzando diversi toni di marrone, un colore che ho scoperto di amare. Ho anche aggiunto un rossetto color oro ispirata dal Gold 001 dello show di Prada, vi piace? Vi auguro una buona domenica 🙂

Continua a leggere