Artichoke pie

DSCN0126 copia

Surprise, surprise: I’m here again. New day, new reportage from my small kitchen. If I’ve always dreamed of having a black table now I know that I don’t want it anymore. Let’s forget for a second that I’m an instagram maniac and that I love posting pictures of my food and dear lord Strasbourg is so foggy and grey and with a black table it’s impossible to take a good picture if you have no light, let’s forget it. The real thing is that it gets dirty in a second. You clean it, turn around, turn back, dirty again. After this experience I’ll forget that I wanted any black in my house, this for sure. But we’re here to talk about food and not furniture. What I’m cooking today is one of the most simple and at the same time more scenic recipes ever made. Everyone would think you’ve been working on it for ages, the real thing is that for most of the time you can take out your glass of wine, your book and wait while the things cook themselvs. This is artichokes’ magic, they make things look so pretty every time! It’s pretty healthy this time, just in case you can try to substitute the butter with olive oil, but even the butter is not that much!

So for 6 people you’ll need:

500 g of rice

1 kg of artichokes

butter

gated parmesan cheese

lemon juice

1 garlic slice

parsley

extravirgin olive oil

salt

pepper

Sorpresa, sorpresa: sono di nuovo qui. Nuovo giorno, nuovo reportage dalla mia piccola cucina. Se ho sempre sognato un tavolo nero, ora so di non volerlo più. Dimentichiamo per un secondo la mia mania per instagram e per postare foto di cibo e santo cielo Strasburgo è sempre così grigia e nebbiosa e con un tavolo nero è impossibile fare una bella foto se non hai nemmeno luce, dimentichiamolo. Il vero problema è che si sporca in un secondo. Lo pulisci, ti giri, ti rigiri, sporco di nuovo. Dopo quest’esperienza dimenticherò di aver mai voluto mobili neri nella mia casa, questo è certo. Ma siamo qui per parlare di cibo e non di mobili. Quello che vi preparo oggi è una delle più semplici e allo stesso tempo sceniche ricette mai fatte. Tutti penseranno che ci abbiate lavorato ore, in realtà per la maggior parte del tempo potete tirare fuori il vostro bicchiere di vino, il vostro libro e aspettare che le cose si cucinino da sole. E’ la magia dei carciofi che fa sembrare le cose così sofisticate ogni volta. Stavolta è piuttosto sana, al massimo potete sostituire il burro con olio d’oliva, ma vedrete che non sarà tantissimo!

Quindi per 6 persone avremo bisogno di:

500 g di riso

1 kg di carciofi

burro

parmigiano reggiano grattugiato

succo di limone

1 spicchio di aglio 

prezzemolo

olio extra vergine d’oliva

sale

pepe

Continua a leggere

Annunci

Scallop fagottini

DSCN0020

I’ve been a ghost in the past six months, I know. I will tell you a secret: it’s practically impossibile to properly run a blog when you have a job that takes you 10 hours per day and you are also a student. Sad, sad story. This anyway, didn’t stopped me from taking pictures now and then of my new city, my outfits and, as you see today, my fancy food. I just had no time to look at them, to talk about them or write about them. But hey, today I’m here, I call it progress! This recipe that I will explain to you today was born from the passion that Alsacians (and me) have for scallops. Another thing that I can tell you is that you and your friends and family will get passionate about them too from the exact moment they will get out of the oven. This is what happened with my roommates (oh yes, did I told you that I have roommates now?); my fagottini never had the chance to see the light of the day, too bad for them, too good for us 😉 I would love to say that I can give you tips for the healthy version, but as you will see this is pretty fatty, the triumph of french cookery, so my advice to keep it healthy is to invite a lot of friends for an aperitif, serve this and you will have no time to eat more than two, they will disappear 😀

So let’s see what you need to make this for 4 people:

1 package of frozen puff pastry

16 scallops

1 scallion

30 g of butter

500 g of béchamel

1 teaspoon of ketchup

1/2 glass of white wine

wild fennel

1 egg yolk

salt

pepper

Sono stata un fantasma negli ultimi sei mesi, lo so. Vi dirò un segreto: è praticamente impossibile curare adeguatamente un blog quando hai un lavoro che ti prende 10 ore al giorno e sei anche una studentessa. Triste, triste storia. Questo tuttavia non mi ha fermata dallo scattare ogni tanto foto della mia nuova città, dei miei outfit e del mio cibo fighissimo. Semplicemente non avevo tempo per guardarle, per parlarne o scriverne. Ma hey, oggi sono qui, quindi c’è un po’ di progresso! Questa ricetta di cui oggi vi racconterò ogni segreto nasce dalla passione degli Alsaziani (e mia) per le capesante. Un’altra cosa che posso dirvi è che anche voi, la vostra famiglia e i vostri amici ve ne appassionerete non appena usciranno dal forno. Questo è quello che è successo con i miei coinquilini (oh sì, vi ho detto che ho dei coinquilini?); i miei fagottini non hanno mai visto la luce del giorno, peccato per loro, molto bene per noi 😉 Mi piacerebbe come al solito darvi qualche consiglio per una versione dietetica, ma stavolta proprio non posso, è piuttosto ‘grassa’ come scoprirete. Il mio consiglio quindi per rimanere a dieta è invitare un sacco di amici per l’aperitivo, servire questi e non avrete tempo di mangiarne più di due, spariranno 😀

Andiamo allora a vedere cosa ci serve per 4 persone:

1 confezione di pasta sfoglia surgelata

16 capesante

1 scalogno

30 g di burro

500 g di besciamella

1 cucchiaino di ketchup

1/2 bicchiere di vino bianco

finocchietto selvatico

1 tuorlo

sale

pepe  Continua a leggere

Happy 5th birthday The Queen Of Dreaming!

38_IMG_3600_sara

Like every year, here I am celebrating the birth of this little space of mine. And like every year I think back at the past year and well, lucky me it ended. It was probably the worst year of my life. In fact it was the year in which I forgot that I have a life, that I’m alive, I wasn’t interested anymore, I was just waiting to die. It was hars af, but I came out of that, I went living abroad all alone and I restarted from a new beginning. Speaking of which, we haven’t actually talk a lot since I moved, I will do a dedicated post soon, I promise, for now I’ll just let you know that probably I’m living the time of my life, and I’m so damn happy I took this decision! As you probably understood, this time I’m not superhappy to talk about my past year because it was full of darkness, the light came back just around september, so I’m just gonna leave here pictures from 2017 blog posts, thanking you for being the cutest followers and my friends (old and new!) and family for always being there for me, something easy to do when I’m happy and very difficult when the only thing I wanted to do was cry. Cheers to a better 2018 for all of us!!

Come ogni anno, eccomi qui a celebrare la nascita di questo mio piccolo spazietto online. E come ogni anno guardo indietro all’anno passato e grazie al cielo che è finita. E’ stato probabilmente l’anno più brutto della mia vita. Per meglio dire l’anno in cui ho dimenticato di averla una vita, in cui ho dimenticato di essere viva, non mi interessava più, aspettavo solo di morire. E’ stata terribilmente dura, ma ne sono uscita, mi sono trasferita da sola all’estero e ricomoinciato da un nuovo inizio. A proposito, non abbiamo parlato molto da quando sono partita, farò un post dedicato presto, promesso, per ora vi dico solo che sto vivendo un momento magico e sono così felice di aver preso questa decisione! Come probabilmente avrete capito, stavolta non sono molto lanciata a parlare del mio anno passato perchè si tratterebbe di parlare del buio che avevo dentro, la luce è tornata solo intorno a settembre, perciò vi lascerò qui una carrellata di foto dai post del 2017 ringranziando voi per essere dei follower fantastici e la mia famiglia e i miei amici (vecchi e nuovi!) per essermi sempre stati accanto, cosa facile da fare quando sono felice, terribilmente difficile quando l’unica cosa che mi interessava fare era piangere. Auguri di un migliore 2018 a tutti noi!!

Continua a leggere

Juniper guinea-fowl

1

I write this post while I’m surrounded by boxes, luggages, documents and so on and so forth. Yes, as I’ve told you some time ago I’m going to live alone! In Strasbourg to be precise (but if you follow me on Instagram you already know that), to write my dismission and so if you know places I can’t miss not only in the city, but all around Alsace let me know ;). Yesterday morning I’ve finished this session of exams and tonight it’s time to go! But I don’t want to bore you more with the story of my departure, I think I’ll tell you more on a dedicated post when I’ll be settled down, I have many things to tell you and advice to give you! But here we talk about din-dins and the good ones! I’ll be really honest with you, I’m not a big meat-eater, I do prefer fish, but I’m also pretty anemic so I have to eat it now and then, not always luscious like I’ll teach you to do today (actually mostly never, I’ll be sincere), but there’s no denaying it, this is all another story. If you’re looking for a recipe for your diet go read another post, the guinea-fowl, as we’re going to discover, needs to be cuddled a lot to be good and by cuddle I mean rolling it over in the fat. For this reason today I can’t give you an ‘healthy’ version like a I usually do. Right, that’s enough talk, let’s go on with the ingredients: a few, simple, economic, but if well combined make such an effect!!

Serving 4:

1 big guines-fowl

1 spoon of juniper berries

half glass of white wine

1 spoon of tomato paste

olive oil to taste

butter to taste

salt to taste

pepper to taste

Vi scrivo mentre sono sommersa da scatoloni, valigie, documenti e chi più ne ha, più ne metta. Ebbene sì, come vi avevo anticipato tempo fa vado a vivere da sola! A Strasburgo per la precisione (ma se mi seguite su Instagram lo sapete già), per scrivere la mia tesi di laurea e a proposito se avete dei posti da consigliarmi non solo in città, ma in tutta l’Alsazia fatevi sentire ;). Ieri stamattina ho terminato gli esami di questa sessione e stanotte si parte! Ma non voglio tediarvi oltre con la storia della mia partenza, penso vi parlerò meglio di tutto in un post dedicato una volta che mi sarò sistemata, ne ho di cose da dire e consigli da darvi! Qui invece si parla di pappa e di quella buona! Sarò molto onesta con voi, non sono una gran carnivora, preferisco di gran lunga il pesce, ma sono anche terribilmente anemica per cui ogni tanto mi tocca mangiarla, non sempre loffa come vi insegnerò (anzi quasi mai, sarò sincera), ma non c’è che dire, così è tutta un’altra storia. Se cercavate una ricetta dietetica cambiate post, la faraona, come scopriremo, va tanto coccolata perchè sia buona e per coccolarla intendo rotolarla nel grasso. Per questo oggi non posso proporvi una variante ‘healthy’ come mi piace fare di solito. Bando alle ciance e iniziamo con gli ingredienti: pochi, semplici, economici, ma se ben combinati decisamente di grande effetto!!

Per 4 persone:

1 grossa faraona

1 cucchiaio di bacche di ginepro

mezzo bicchiere di vino bianco

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

olio di oliva q.b.

burro q.b.

sale q.b.

pepe q.b.

Continua a leggere

Reversis Angel

DSCN0001

Today I’m going to show you two products I’ve received lately. One is a cream the other a night-gown. At first sight they have not very much in common, but there’s a thing: you are supposed to use them at the same time of the day! We put night-gowns on in the morning, when we wake up and in the night before going to bed. Same things with Prodigy Reversis cream by Helena Rubinstein. It’s a skin global ageing antidote for your under-eye. Don’t look at me like that! Nearly 24 and already working on wrinkles? First of all it’s a anti-aging not a wrinkle cream. What?! You don’t see the difference? Very bad! Anti aging products don’t focus only on wrinkles like a wrinkle cream, but also on dehydratation, tonicity and marks. Starting to understand a bit more? I work in a pharmacy that is also a perfumery so I had the chance to follow courses made by the brands we sell (not gonna tell you which ones now, as we are talking about HR) where I’ve learned that if you really want to fight against aging you have to start cure your skin from your 20s. This is why I’ve decided to try this product. I keep my face skin hydratated everyday, but it’s under my eyes where I’m beginnig to see less tonicity and sometimes dehydratation too. So with products like Prodigy Reversis I can start fighting against my future wrinkles. It’s actually a little early to say if this will work, call me when I’m 40, but there’s a thing I can easily say: after I put that cream on I feel like my under-eye zone is extremely relaxed and that’s definitely what I’m looking for now!

For what concerne the night-gown: I’ve received it from Ilfashionup, an ebay shop that sells really fashionable things. I like it a lot, the color and the shape make me feel like a Victoria’s Secret angel 😉

Oggi vi parlerò di due prodotti che ho ricevuto recentemente. Uno è una crema, l’altro è una vestaglia. Ad un primo sguardo non sembrano avere molto in comune, ma c’è una cosa: dovreste usarle entrambe nello stesso momento della giornata! Indossiamo la vestaglia la mattina, quando ci alziamo e la sera prima di andare a dormire. La stessa cosa vale per la crema Prodigy Reversis di Helena Rubinstein. E’ un antidoto globale antietà per il contorno occhi. Non guardatemi così! Neanche 24 anni e già fissata con le rughe? Prima di tutto ho detto antietà non antirughe. Cosa?! Non conoscete la differenza? Molto male! Gli antietà non sono mirati solo sulle rughe, come fanno appunto gli antirughe, ma anche sulla disidratazione, sulla tonicità e sulle macchie. Iniziate a capirci un po’ di più? Lavoro in una farmacia che è anche profumeria, così ho avuto modo di seguire corsi dei brand che vendiamo (non vi dirò quali ora, siccome parliamo di HR) dove ho imparato che se vuoi davvero combattere l’invecchiamento devi iniziare ad agire sulla tua pelle a partire dai 20 anni. Proprio per questo motivo ho deciso di provare questo prodotto. Tengo la mia pelle del viso idratata ogni giorno, ma è intorno agli occhi che inizio a vedere le prime perdite di tonicità e a volte anche disidratazione. Quindi grazie a un prodotto come Prodigy Reversis posso iniziare a lottare contro le mie future rughe. E’ un po’ prestino per dirvi se funzionerà, chiamatemi a 40 anni, ma c’è una cosa che posso dirvi: quando metto questa crema nel contorno occhi sento la pelle rilassarsi distendersi ed è esattamente quello che sto cercando adesso!

Per quanto riguarda invece la vestaglia: l’ho ricevuta da Ilfashionup, uno shop di ebay che vende cose davvero modaiole. Mi piace molto, il colore e la forma mi fanno sentire un po’ come un angelo di Victoria’s Secret 😉

Continua a leggere

Shine you’re a star

Senza titolo-2

A friend of mine, Brenda, some time ago sent me this drawing she saw on facebook, if anyone of you knows who’s the artist or where I can find the original one please tell me as I’d really like to post the original, not my cropped and instagrammed version and most of all credit him or her. Anyway she sent me this saying she was seeing me in it. And that’s exactly what I’ve thought too. But the funny thing is that she knows me just from the beginning of university but this paint remind me of middle school where I’ve played Saint Fina in the school play named by the Saint herself. I used to wear long hair, and by long I mean till half my thights. This and a natural beauty (I refused make up in any way possible even if my classmates use to wear it everyday) made me be chosen for that role. I resume you the story very quickly: Saint Fina was the most beautiful girl living in San Gimignano, Tuscany. One day she went taking some water at the well and a prince that was there to drink tell her ‘You’re really beautiful’. This made Fina feel really guilty so she went back and laid down on a table without drinking or eating till she died. When she passed away from the table, all over her body, down her window and all over the town everything became covered on pansies. Pretty sad right? Yes, I agree with you, but I remember clearly a couple of photo we made before the representation one was me with the prince (as my professors said: the hottest guy in school) and in the other one I was in the exact same position, dressed like a princess and with pansies all over me and my hair. This is why when I saw this I was really speachless. After the first emotion of being portraited by someone that I don’t even know, I recalled the story of Fina. After the representation I totally forgot it, but I don’t blame myself that much, we are all pretty stupid in middle school years. Fina decided to punish herself in front of God because she was beautiful. I don’t really think it’s a good example, forgive me Fina really. I’ve always been pretty sure that everyone of us is beautiful in its own special way, it only depends on us to find which are our strong points. Standards of beauty change every year and this already shows how actually are important in real life: less than nothing. Everyone of us in this world has his own marks and these are the ones that used in the right way can make us shine. We don’t have to be shy and most of all we don’t have to be scared to shine. Much more easy to say than do, right? I know it, I’m like you believe me. To explain what I say I’ll tell you a couple of things of my real life experience and I know there are situation that are really worse in the world, but believe me it’s always so frustrating. The first one is the constant fear I have when I go running. I usually go running in the countryside for a simple reason: I need to put my earphones really loud to have my best performance and in the city this would mean be in serious danger because of the cars that you can’t actually ear. Since countryside is not really far from my home I’ve found this compromise. But there I’m alone, but really alone. The only people I meet scary me so much, I can see how they look at me and the comments they make just because (like every normal girl doing sport) I wear a top and a pair of shorts. If it was just for the words and the looks I’ll be on the ‘who cares’ side, but honestly how do I know if it won’t become something more? I’m a girl, alone, in the middle of nowhere, do you think that someone could really ear me? Come and help me? Hell to the no. I don’t want to ask my dad or my best friend to come have a run with me beacuse I need to be with a male someone to feel safe. I was grown up as an indipendent woman and I’ll always be, I won’t let them win. But it’s also true that I’m never relaxed when I go running and this is really sad in 2017. Other thing is when I go out in the city by night. When I’m with boys I’m completely relaxed, but when me and my girls decide for a GNO and we park our cars distant we are all scared to reach the meeting point. So we wait till everyone of us has parked and then we all go out and call each other on the phone during all the walk so in any case of danger we do know it immediately. Again, 2017. If you’re asking me for a solution I don’t really have an answer. Many things come to my mind, like a compulsory self-defence class for all the women, but really do we want to answer to violence with other violence? I’m not really on that side even if sometimes I wish I knew some of those moves. I think it would be really better a new type of education based on respect. I do respect the other women, but also I do respect men. I’m not generalizing, I know many respectuful boys and men, but I can’t deny that there are also ones that still look at as women as object. Also the more we are ‘beautiful’ or better said self-confident the more we are seen in the worst way. Maybe starting to teach the importance of equality since very early years could make the real difference. This is surely what I’ll do with my children when I’ll be a mommy. I cannot imagine a world where my daughters have to be scared to go out alone or my sons will be disrespectful. So I think back at Fina, maybe the comment of the Prince was like a violence to her and she felt really guilty for it, as much as she decided to die. No Fina, we have to fight, not to die, we are beautiful creatures in any way possible and we’ll never ever be ashamed of it.

La mia amica Brenda, tempo fa, mi ha inviato questo disegno trovato su facebook, se qualcuno di voi conosce l’autore o sa dove posso trovare l’originale per favore me lo dica siccome vorrei mettere quello, non la mia versione tagliata e instagrammata, ma soprattutto vorrei metterne I credits. In ogni caso, lei me l’ha inviato dicendo che mi ci rivedeva. Ed è esattamente la stessa cosa che ho pensato io. La cosa divertente però è che lei mi conosce solo dall’inizio dell’università ma a me ha ricordato immediatamente la scuola media, in particolare quando interpretai Santa Fina in una produzione scolastica che portava il nome della santa stessa. Avevo i capelli lunghi e per lunghi intendo fino a metà coscia. Questo e la mia bellezza al naturale (rifiutavo qualsiasi tipo di trucco anche se le mie compagne lo indossavano tutti i giorni) mi fecero scegliere per quel ruolo. Vi racconto brevemente la storia: Santa Fina era la ragazza più bella di San Gimignano, paese della Toscana. Un giorno andò a prendere l’acqua al pozzo e un principe fermatosi lì per bere le disse ‘Sei bellissima’. Questo fece sentire Fina molto colpevole e perciò tornò a casa e si sdraio su una tavola senza bere ne mangiare finchè morì. Una volta spirata dal tavolo, poi su tutto il suo corpo, giù dalla sua finestra e per le vie del paese, tutto si coprì di viole. Abbastanza triste vero? Sì, sono d’accordo con voi, ma ricordo chiaramente un paio di foto scattate prima della rappresentazione: una di me col principe (come i miei professori dicevano: il ragazzo più bello della scuola) e nell’altra invece ero nella stessa identica posizione, vestita come una principessa e ricoperta di viole. Per questo motivo quando ho visto questo disegno sono rimasta senza parole. Dopo il primo momento di emozione per essere stata ritratta da qualcuno che non conosco, mi sono ricordata della storia di Fina. Dopo la rappresentazione infatti me ne ero completamente scordata, ma non me ne incolpo più di tanto, siamo tutti abbastanza stupidi nel periodo delle medie. Fina decise di punirsi di fronte a Dio per la sua bellezza. Non credo fosse un buon esempio, perdonami Fina davvero. Sono sempre stata piuttosto sicura del fatto che ognuno di noi sia bello in un modo speciale, sta solo a noi riuscire a trovare i nostri punti di forza. I canoni di bellezza cambiano ogni anno e questo ci dimostra quanto siano davvero importanti nella vita vera: meno di niente. Ognuno di noi ha i suoi segni particolari e sono proprio quelli che, utilizzati correttamente, ci possono far brillare. Non dobbiamo essere timidi e soprattutto non dobbiamo avere paura di splendere. Molto più facile a dirsi che a farsi, vero? Lo so, sono esattamente come voi, credetemi. Per spiegarmi meglio vi racconterò un paio di esperienze di vita vera e lo so che ci sono situazioni molto peggiori nel mondo, ma è comunque molto frustrate. La prima è la paura costante che ho quando vado a correre. Di solito vado a correre in campagna per una semplice ragione: devo mettere il volume delle cuffie molto alto per avere il massimo dalla mia prestazione e in città questo si tradurrebbe in un grosso pericolo per via delle macchine che non si riescono a sentire. Siccome la campagna non è poi così lontana da casa mia ho trovato questo compromesso. Ma lì sono sola, ma davvero sola. Le uniche persone che incontro mi spaventano da morire, vedo come mi guardano e i commenti che fanno solo perché (come qualsiasi ragazza che fa sport) indosso un top e dei pantaloncini. Se fosse solo per sguardi e commenti sarei molto sul ‘chissenefrega’, ma onestamente come posso sapere che non diventerà qualcosa di più? Sono una ragazza, da sola, in mezzo al nulla, pensate che qualcuno possa davvero sentirmi? Venire ad aiutarmi? Ovviamente no. Non voglio chiedere a mio papa o al mio migliore amico di venire a farsi una corsa con me solo perchè devo essere accompagnata da qualcuno di sesso maschile per sentirmi al sicuro. Sono stata cresciuta come una donna indipendente e sempre la sarò, non li lascerò vincere. Ma è anche vero che non sono mai rilassata quando vado a correre ed è piuttosto triste nel 2017. Un altro esempio è quando esco in città la sera. Quando sono coi ragazzi sono completamente rilassata, ma quando io e le mie amiche decidiamo per un’uscita tra ragazze e parcheggiamo le macchine distanti siamo tutte spaventate dall’arrivare da sole al punto di ritrovo. Quindi aspettiamo che abbiano tutte parcheggiato, usciamo dalla macchina e ci telefoniamo lungo tutto il tratto così se succede qualcosa lo sappiamo immediatamente. Di nuovo, 2017. Se mi chiedete se ho una soluzione non ho veramente una risposta. Mi vengono in mente tante idee, come un corso di autodifesa obbligatorio per le donne, ma davvero vogliamo rispondere alla violenza con altra violenza? Non sono molto per questo tipo di idea, anche se a volte spero di conoscere qualcuna di quelle mosse. Penso sarebbe meglio un nuovo tipo di educazione basato sul rispetto. Rispetto le altre donne, ma sicuramente rispetto anche gli uomini. Non sto generalizzando, conosco un sacco di ragazzi e uomini rispettosi, ma non posso negare che ce ne siamo altri che vedono ancora la donna come un oggetto. Per di più, più siamo ‘belle’ o per meglio dire sicure di noi più siamo considerate nel peggiore dei modi. Magari iniziare ad insegnare l’importanza della parità sin da quando si è molto piccoli potrebbe fare la differenza. Questo è sicuramente ciò che farò con i miei bambini quando sarò una mamma. Non posso immaginare un mondo dove le mie figlie devono aver paura ad uscire da sole o i miei figli siano maleducati. Perciò ripenso a Fina, magari il commento del principe era stata come una violenza per lei e perciò si è sentita colpevole, a tal punto da lasciarsi morire. No Fina, dobbiamo lottare, non morire, siamo bellissime creature in ogni modo possibile e mai dovremo vergognarcene.

Everyday uniform

The-Highlighted-Hair-Idea-for-Very-Long-Brown-Wavy-Hair

Ok, it wasn’t just a one-day-thing, I’m really obsessed with highlights and there’s nothing I can do about it. Look at this girl’s hair, aren’t they perfect? I do think they are!

Ok, non era la fissa di un giorno, sono proprio ossessionata dai colpi di sole e non ci posso più fare nulla. Guardate i capelli di questa ragazza, non sono perfetti? Io penso proprio di si!

Continua a leggere

Misunderstood

DSCN0004

A couple of photos taken by mom. I’ve always thought that behind every portrait there’s a special way the photographer sees his or her model. It’s unique how a mommy see her little girl, as I’ll always be for her. One day I’ll be the mommy of someone and I’ll take my camera and shoot his or her portrait and it will be super special, because it will be full of my love. This is what I see in my mother’s ones. Even if we have many fights, even if we don’t see each other so much, there’ll always be something so very magical that connects us.

Un paio di foto scattate dalla mia mamma. Ho sempre pensato che dietro ogni ritratto ci sia un modo speciale in cui il fotografo vede il suo o la sua modella. E’ unico come una mamma vede la sua bambina, cosa che sarò sempre per lei. Un giorno anche io sarò la mamma di qualcuno e prenderò la mia fotocamera e gli o le scatterò un ritratto e sarà superspeciale, perchè sarà pieno del mio amore. Questo è quello che vedo in quelli di mia mamma. Anche se litighiamo spesso, anche se non ci vediamo molto, ci sarà sempre qualcosa di magico che ci unisce.

Continua a leggere

Everiday uniform

dc2a72f9220c4dcf9f53c177d6d9a74f--heavy-highlights-strong-weave-highlights

Here it is my favorite column 😉 It all started yesterday night, while I was very bored at home as a storm blocked me from going out and I was scrolling down my facebook dashboard. I saw those hair and I stared at the photo for a few minutes thinking about the fact that a few days ago I’ve said to myself ‘we’re done with blonde, no way we are gonna be back to blonde in our life’. And then a photo changes everything, my hairdresser is going to hate me, believe me!

Eccola qua la mia rubrica preferita 😉 E’ iniziato tutto ieri sera, mentre ero molto annoiata a casa dato che un temporale mi ha impedito di uscire e scorrevo la bacheca di facebook. Ho visto questi capelli e ho continuato a guardare la foto per qualche minuto pensando al fatto che qualche giorno fa mi ero detto ‘basta col biondo, per nessun motivo torneremo bionde nella nostra vita’. E poi una foto cambia tutto, la mia parrucchiera mi odierà, credetemi!

Continua a leggere

Alors On Dance

DSCN0003

It happened guys: my summer session of exams is over and hopefully will be the last one! I’ve only imagined this moment in my happiest dreams: no more super hot days spent on my books! Now I have a week of relax where I’ll go around Italy just to relax a bit and next saturday I’ll start working (and studying for september, ouch!), but my mind is like renewed! No holidays this summer, but I’ll recover after my deegree with a month long USA coast to coast 😉 And what are you planning to do this summer? Tell me in the comments!

E’ successo ragazzi: la mia sessione estiva è finita e spero sia l’ultima! Ho immaginato questo momento solo nei miei sogni più splendenti: niente più giorni caldissimi passati sui libri! Ora ho una settimana di relax dove andrò in giro per l’Italia per rilassarmi un po’ e da sabato prossimo inizierò a lavorare (e a studiare per settembre, ouch!), ma la mia mente è come se fosse rinata! Niente vacanze quest’estate, ma recupererò dopo la mia laurea con un mese di coast to coast degli USA 😉 E voi cos’avete in mente per quest’estate? Raccontatemelo nei commenti!

Continua a leggere