Non me lo posso permettere

 photo DSCN0050_zpspefdzdfk.jpg

 

Spring is here! We say goodbye to our parkas and we start wearing blazers and trenches and, you probably say, colors. You know I play in the total-black team, but I admit that with this purple jacket it’s all different, I like wearing it even if I’m visible also in the complete dark ahah! Just a couple of photos for you as I’m in the middle of the spring exam session. Hope you like them!

La primavera è arrivata! Diciamo arrivederci ai parka e iniziamo ad indossare blazer e trench e, direte voi probabilmente, i colori. Sapete che però io gioco nella squadra dei total-black, ma ammetto che con questa giacca viola è tutto diverso, amo indossarla anche se sarei visibile probabilmente anche al buio ahah! Solo un paio di foto veloci dato che sono nel pieno della sessione d’esami primaverile. Spero vi piacciano!

Continua a leggere

Potatoes and pumpkin cream (Taleggio version)

 photo DSCN0047_zps6ibjhrfe.jpg

 

Spring is finally here and we have to say goodbye to all these hot sweet fatty winter meals, but let’s do it with style! I did with a new version of my pumpkin and potatoes cream I showed you some time ago adding Taleggio, a tipical creamy italian cheese. So let’s explore the little variations of this recipe together and let’s try it out! ;-P

Ingredients for 5 people:

2 medium potatoes (mine were one big and one small, they were around 425 g, but consider you have to peel them)

700 g of pumpkin

1 sprig of parsley

1 small leek

1 chili pepper

250 ml of milk

84 g of parmesan cheese

1 bay leaf

50 g of butter

salt to taste

pepper to taste

taleggio

Wash and peel the potatoes. Cut them into cubes. Cut into pieces the pumpkin too. Wash and mince the parsley. Clean and wash the leek then cut it into washers. Now put the leek in a big pot with 30 g of butter and the bay leaf. Make it sear for a few minutes always blending. Now put in the pot potatoes and pumpkin and make them sear too while you keep blending. Add the chili pepper and cover all with water (I’ve also added a some spoon of broth, cause I prepare broth every week, if you have broth at home try it too!). Salt and season. Make it boil and when it does cook it for 40 minutes. After that turn off the fire and remove the chili pepper and the bay leaf. Whip it all with a hand blender. Warm up the milk aside. Then add the milk to your cream and make it boil again. Once it starts boiling turn off the fire. Add the remaining butter and amalgamate it. Add the parsley and the parmesan cheese and amalgamate them too.

La primavera è finalmente è arrivata e con lei l’ora di salutare tutti i caldi, gustosi, cicciosi cibi invernali, ma facciamolo con stile! Io l’ho fatto con una nuova versione della crema di patate e zucca che vi avevo proposto un po’ di tempo fa, aggiungendoci il Taleggio. Vediamo quindi insieme le piccole variazioni di questa ricetta e proviamola a preparare! ;-P

Ingredienti per 5 persone:

2 patate medie (le mie erano una grande e una piccola, intorno ai 425 g, ma considerate che dovete anche pelarle)

700 g di zucca

1 mazzetto di prezzemolo

1 porro piccolo

1 peperoncino

250 ml di latte

84 g di parmigiamo reggiano

1 foglia di alloro

50 g di burro

sale q.b.

pepe q.b.

taleggio

Lavate e pelate le patate. Tagliatele a cubetti. Tagliate a pezzetti anche la zucca. Lavate e tritate il prezzemolo. Pulite e lavate il porro e tagliatelo poi a rondelle. Ora mettete il porro in una pentola abbastanza capiente con 30 g di burro e la foglia di alloro. Fatelo rosolare per qualche minuto sempre mescolando. Ora mettete nella pentola anche patate e zucca e fatele rosolare mentre continuate a mescolare. Aggiungete il peperoncino e coprite tutto con acqua (io ho aggiunto anche un po’ di brodo, siccome preparo il brodo ogni settimana, se avete del brodo in casa provate!). Salate e pepate. Portate a bollore e poi cuocetelo per 40 minuti. Dopodichè spegnete la fiamma e togliete il peperoncino e la foglia di alloro. Frullate tutto con un frullatore a immersione. Scaldate il latte a parte. Aggiungete quindi il latte alla vostra crema e fatela bollire di nuovo. Quando bolle spegnete il fuoco. Aggiungete il burro restante e amalgamatelo. Aggiungete prezzemolo e parmigiano e amalgamate anche questi. 

Continua a leggere

Torino: day 2

 photo DSCN0016_zpsityn19rs.jpg

 

Sunday morning was supposed to be all dedicated to the spa. But we love to change plans and we had fallen in love with the city so we decided to leave the thermal baths and go touring Torino and visit at least the Egyptian museum. First stop reaching the museum was Piazza CLN with this two majestic fountins that represent river Po and river Dora.

Domenica mattina doveva teoricamente essere del tutto dedicata alle terme. Ma noi amiamo stravolgere i piani e d’altronde c’eravamo innamorate della città quindi abbiamo deciso di girare Torino e visitare almeno il museo egizio. Il primo stop arrivando al museo è stata Piazza CLN dove si trovano queste due maestose fontane rappresentanti il Po e la Dora.

Continua a leggere

Don’t Be Afraid To Make A Move

Don’t Be Afraid To Make A Move. This is how I decided to entitle this post in collaboration with Mieroglyphs, this is what I’ve made carve in my bangle. I’ve been contacted by this brand and I swear, I’ve never been so happy to collaborate with someone before. I admit I didn’t know them before they wrote me, but I couldn’t have done anything but accept immediately because they totally represent me. The brand is based on a extended collection of bangles in leather, in some cases covered in woven, key loops and necklaces with a hidden jem, chosen by nothing else but you. A sentence to motivate you, a word charged of relevance, a writing important to you. For you and only for you. Effectively the writing is inside, like an hidden tattoo. If you’re learning to knowing me, you know how much I love motivating sentences, insomuch as I tattooed ‘Courage’ on my collarbone to see it everytime I look at myself in the mirror. Could I not accept? I’ve jus told how personal is what you write inside the bangle, but I decided to share my story with you, to let you understand how important a writing on a jewel could be.

I’ve told you different times about my softball player past, but I’ve never really talked in detail about it and now is the momento to do it. Softball for many years was my one and only interest, I trained everyday looking for perfection, looking for the perfect strike that only a pitcher with hours and hours of training on the shoulders can hope to achieve. And I tell you this without modesty: at workout those strikes where there. Then, after months of training the championship started, and the day before the first match I started feeling sick. The pitcher has all the eyes in her, the pitcher has the match in his hands. The hours that separate me from the beginning of the matches looked like months, I warmed up and not a pitching was in the right place, my mind was blur and the grit gone. The hour came and I used to get on the hill not with the happines of someone who wants to show how much has perfected to viewers and rivals but with heavy heart and the desire that it started raining cats and dogs so the match will be forced to stop. Al this because I was afraid to make a move, to make the wrong move and everytime I seemed to forget all the matches and championships I did.The first pitching were a disaster, the view dimmed in front of my catcher, the one that mostly knew my potential. Samantha breathe, I said to myself, but it didn’t work. At the third batter sent in base ball, my trainer used to understand and after asking a break he looked me in the eyes saiyng ‘Samantha don’t be afraid to make a move, you know you can do this’.

And dang, the fog used to disappear , I remembered that mine was just the fear of getting wrong and that fear was the one stopping me. I started pitching as God commands and matches, me and my team seemed completely different. After years I’ve learned that that same fear was stopping me in oh so many things, not only in my sport and I’ve defeat it. Now I know how to beat the fog inside me, but now and then I still need someone that can understand me like my trainer use to and what’s better than a writing inside my bangle? If you need to be motivated in difficult moments, or simply you have a sentence that is beloved to you and you want to carry it with you all the time, Mieroglyphs can’t wait to tattoo it on your bangle ;)

I also have a discount code for you my dear readers, just do copy and past at checkout: TQODMIEROFS

Don’t Be Afraid To Make A Move, non abbiate paura di iniziare, di sbagliare. Così ho deciso di intitalare questo post in collaborazione con Mieroglyphs, così ho deciso di far incidere nel mio bracciale. Sono stata contattata da questo brand e vi posso giurare, non sono mai stata così contenta di collaborare con qualcuno. Ammetto, prima che mi scrivessero non li conoscevo, ma quando li ho scoperti non ho potuto che accettare immediatamente perchè come mai nessun altro mi rispecchiano. Il brand si basa infatti su una vasta serie di bracciali in pelle più o meno rivestiti in tessuto, portachiavi e collane che hanno però al loro interno una gemma segreta, scelta da nessun altro se non da voi. Una frase per motivarvi, una parola carica di significato, una scritta per voi importante. Per voi e solo per voi, la scritta si trova infatti all’interno, come un tatuaggio nascosto. Ora se un po’ avete imparato a conoscermi sapete quanto ami le frasi ‘motivatrici’, tanto da essere arrivata a tatuarmi ‘Courage’ sulla clavicola per vederlo ogni volta che mi specchio, potevo forse non accettare? Vi ho appena detto che quello che scrivete all’interno è molto personale e sta all’interno per essere solo vostro, ma io ho deciso comunque di condividere con voi questa mia scelta, proprio per farvi capire come in realtà possa essere importante anche una semplice scritta su un gioiello.

Vi ho buttato lì più volte il mio passato da giocatrice di softball, ma non sono mai entrata davvero nel merito e credo sia arrivato il momento di farlo. Il softball per molti anni è stato il mio vero e unico interesse, mi allenavo ogni giorno alla ricerca della perfezione, di quello strike perfetto che solo una lanciatrice con ore e ore di allenamento alle spalle può sperare di ottenere. E ve lo dico senza modestia: in allenamento quei lanci c’erano. Poi dopo mesi di allenamenti iniziava finalmente il campionato, e il giorno prima della prima partita iniziavo a stare male. Il lanciatore ha tutti gli occhi addosso, il lanciatore ha in mano la partita. Le ore che mi separavano dalle partite sembravano durare mesi, mi scaldavo e non un lancio andava dove doveva andare, la mente era offuscata e la grinta scomparsa. Arrivava l’ora e salivo sul monte non felice di far vedere quanto ero migliorata a spettatori e avversari, ma con la morte nel cuore e il desiderio che iniziasse a diluviare e che la partita finisse. Tutto questo perchè avevo paura di sbagliare, di fare la mossa sbagliata e ogni volta sembravo dimenticare tutte le altre partite e campionati alle spalle. I primi lanci erano sempre un disastro, la visione mi si annebbiava davanti al mio ricevitore che meglio di ogni altro conosceva le mie potenzialità. Samantha respira, provavo a dirmi, ma non funzionava. Al terzo battitore mandato in base, il mio allenatore capiva, chiamava tempo, mi guardava negli occhi e mi diceva ‘Samantha non aver paura di sbagliare, tu sai che lo sai fare‘. E dang, tutta la nebbia spariva, ricordavo che la mia era solo paura di sbagliare e che era quella stessa paura a bloccarmi. Iniziavo finalmente a lanciare come Dio comanda e le partite, io e le mie compagne prendevano una piega completamente diversa. Col passare degli anni ho capito che quella stessa paura di sbagliare mi aveva bloccata non solo nello sport, ma in molte altre cose, dalle più semplici alle più complesse e l’ho combattuta. Adesso so difendermi dalla nebbia che sta dentro di me, ma ogni tanto ho ancora bisogno di qualcuno che riesca a guardarmi dentro come il mio allenatore e chi meglio di qualcosa che ho sempre al polso che me lo ricorda? Se anche voi avete bisogno di essere motivati nei momenti difficili, o semplicemente avete una frase che vi sta cara e volete portarla sempre con voi, Mieroglyphs non vede l’ora di tatuarla al vostro bracciale per voi ;)

Inoltre per voi miei carissimi lettori ho un codice che vi permetterà uno sconto sul vostro acquisto, vi basterà fare copia incolla al momento del checkout: TQODMIEROFS

Continua a leggere

Blue Deep

 photo 1_zps56lvhvdh.jpg

 

You probably remember my previous adventures with Hairtrade extensions (if you don’t go here and here!) where I showed you different sides of my personality related to the colors in my hair. This is the third and last chapter of this adventure where you meet blue extensions and the darkest side of me. I love wearing black clothes ans dark make-up, it’s really something I can completely fit in everytime. Leather, fishnet stockings are always in my wardrobe or in my travel bag. So this time you see me on the rail, close to an old ruined station exploring the dark Sam with a great photographer. Hope you like it!

Probabilmente vi ricordate le mie precedenti avventure con le extension Hairtrade (altrimenti guardate qui e qui!) dove vi ho mostrato diversi lati della mia personalità collegate ai colori nei miei capelli. Questo è il terzo ed ultimo capitolo dove incontrate le extension blu e la parte più dark di me. Amo indossare capi neri e make-up scuro, sono cose con cui mi sento sempre a mio agio. La pelle e le calze a rete sono sempre nel mio armadio o nella mia valigia. Quindi stavolta mi vedere sulle rotaie, vicina ad una vecchia stazione diroccata, esplorando la Sam dark con una grande fotografa. Spero vi piaccia!

Continua a leggere

Torino: day 1

 photo InstagramCapture_628544af-d399-4105-ac97-46dafd705a87_jpg_zps1mqcjmsp.jpg

 

A weekend at the end of february, two girls that need to relax after exams, lessons, business and so on. This the recap of how it all started. It was february 16th when me and Ludo decided to go at the end of that week for two days in Torino. It all started because we wanted to spend two days at QC Terme Torino, but in the end we changed it all. I’ll tell you about it during the post. Let’s say that most of the photos were taken with our smatphones beacuse it rained (or snowed! but I’ll tell you later) almost all the time and I was afraid of spilling my camera and also was damn cold out there and of course I hadn’t bring my gloves with me.

The trip started saturday morning in Reggio Emilia where we’ve taken a Frecciarossa for Torino but was also time for #trainstationkindalook (my personal version of the famous Chiara Ferragni’s #airportkindalooks ahah!) and a selfie. Obviously Ludo had fallen asleep on the train so I’ve put my headphones on and enjoyed the ride.

Un weekend di fine febbraio, due ragazze che hanno bisogno di riposarsi dopo gli esami, le lezioni, il lavoro e compagnia bella. Questo il riassunto di come tutto è cominciato. Era il 16 febbraio quando io e Ludo abbiamo deciso che quel fine settimana saremmo andate a Torino. E’ iniziato tutto perchè volevamo passare un paio di giorni alle QC Terme Torino, ma alla fine i nostri piani si sono capovolti. Vi racconterò meglio nel post. Vi dirò chiaramente che le foto non sono delle migliori essendo che sono state fatte con i nostri smartphone perchè è piovuto (o nevicato! Poi vi dirò) la maggior parte del tempo e avevo paura di bagnare la mia fotocamera e per di più faceva freddissimo e ovviamente avevo ben pensato di non portarmi i guanti.

Il viaggio è iniziato sabato mattina a Reggio Emilia dove abbiamo preso la Frecciarossa per Torino e dov’è stato anche tempo per un #trainstationkindalook (la mia personalissima versione dei famosi #airportkindalook di Chiara Ferragni ahah!) e un selfie. Ovviamente Ludo si è addormentata sul treno quindi mi sono messa le cuffiette e goduta il viaggio.

Continua a leggere

If I love

 photo 2_zps6cd2fbdf.jpg

 

I’m here again with a wishlist, while there’s still a lot of snow outside and I really need some day off. This time I’ve chosen six items from Persunmall, the first shop ever offering me a collaboration when I opened my blog! First of all these red studded lace up shoes: oxford style, red that is my color and studs, the reunion of my fashion needs in just one item (well, two).

Eccomi di nuovo con una wishlist, mentre c’è un sacco di neve fuori e ho davvero bisogno di qualche giorno di pausa. Questa volta ho scelto sei capi da Persunmall, il primo shop che mi ha offerto una collaborazione quando ho aperto il blog! Prime tra tutti queste stringate rosse e borchiate, praticamente i miei ‘must’ nella moda in un solo pezzo (beh si, due).

Continua a leggere

Are you my clarity?

 photo Senzatitolo-2_zpsb40fd2cb.jpg

 

I’m stucked at home, with a lot of snow outside, they said it didn’t snow like this here since 1954. Not even my parents were born! If the majority of people hates snow, it’s actually my favourite weather. I love the atmosphere and the fact that we’re all together (yes, even my parents are in Colorno since friday and they won’t go away till tuesday!) and we chat a lot, we drink hot chocolate and we build snowmen. Also I’m in those days between two exam, when you’ve already studyed everything almost perfectly and you don’t know what else to do, you just wait. And is these days of waiting that I realized I didn’t go shopping since… december!!!! Not even online!!!! Crazy!! So I needed a tour on my first choice e-shop: Zalando. I still haven’t decide what to buy right now, but here’s a list of my favorites that I really want to share with you.

Topshop western jeans jacket: I’ve always had a jeans jacket in my wardrobe, it’s one of these must-haves that sooner or later we all buy. I’ve always had Levi’s ones, currently I have two: one really tight and one super oversize with some orange details. I was actually realizing that I don’t have a cosy middle size when I saw this wonderful superbasic model even on sale. Also the style is that simple that I think it will last till the end of days.

Gabriele oxford shoes: I’m gonna say a really unpopular thing right now, just don’t panic. I don’t like shoes. The majority of the time I hate buying shoes. Right now there’s this sneakers madness, where girls wear the sneakers they use for running with almost everything, I’m not into it. And I’m never gonna be. I don’t like sneakers if they are not really special and different and if they haven’t lace is better. I wear boots with everything. Better in leather and the higher they are, the better I feel. Also I like wearing sandals, but not under 7cm of heels. I mostly never wear flats cause I think they aren’t for me. Saying this I have an Achille’s heel: oxfords. God if all the shoes were oxfords I would have zero shoes-problems. I’ve always been in love with them, and I wear them since ages before they were ‘in’. If someone will force me to spend all my money for the rest of my life in just one type of thing I would do it for oxford shoes. These ones I picked on Zalando are flawless with a bunch of color but still classy and wearable with everything.

Sono bloccata in casa, con un sacco di neve fuori, dicono che non nevicava così qui dal 1954. Neanche i miei genitori erano nati! Se la maggior parte delle persone odia la neve, per me è il meteo migliore di tutti. Mi piace l’atmosfera e il fatto che siamo tutti insieme (sì, anche i miei sono a Colorno e non se ne andranno prima di martedì!), chiaccheriamo tanto, beviamo cioccolate calde e facciamo pupazzi di neve. Oltretutto mi trovo in quel momento tra due esami in cui hai già studiato tutto più che bene e non sai cos’altro fare, aspetti e basta. E in questi giorni di attesa ho realizzato una cosa: non faccio shopping da… dicembre!!!! Neanche online!!!! Assurdo!! Per questo avevo bisogno di un giro nel mio e-shop di prima scelta: Zalando. Non ho ancora deciso cosa comprare, ma eccovi una selezione dei miei preferiti che ci tengo a condividere con voi. 

Topshop western giacca di jeans: Ho sempre avuto una giacca di jeans nel mio armadio, è uno di quei must have che prima o poi tutti compriamo. Le ho sempre avute di Levi’s, al momento ne ho due: una molto attillata e una molto oversize con alcuni dettagli in arancione. Stavo giusto pensando che non avevo una comoda via di mezzo quando ho visto questo modello veramente basic e anche in saldo. Inoltre il taglio è così semplice che credo potrebbe andare bene da oggi fino alla notte dei tempi.

Gabriele oxford: Sto per dire una cosa molto impopolare, solo non impazzite. Non mi piacciono le scarpe. La maggior parte delle volte odio comprarle. In questo momento sono tutti pazzi per le sneakers, le ragazze indossano le scarpe che usano per correre con praticamente qualsiasi cosa, un trend in cui non mi adatto. E in cui probabilmente mai mi adatterò. Non amo particolarmente le sneakers se non sono diverse dal solito e molto particolari e se non hanno i lacci è meglio. Indosso gli stivali con tutto. Meglio se sono di pelle, e più alti sono, meglio sto. Mi piace anche mettere i sandali, ma non sotto i 7cm di tacco. Non indosso quasi mai le ballerine perchè penso non siano per me. Detto questo, ho il mio tallone d’Achille: le oxford (francesine, stringate, o come volete chiamarle). Se tutte le scarpe fossero oxford avrei zero problemi. Dio se le adoro, le indosso da milleni prima che fossero di moda. Se qualcuno mi obbligasse a spendere tutti i soldi che guadagnerò nella mia vita per un solo tipo di cosa senza dubbio li spenderei nelle oxford. Il paio che ho trovato su Zalando è perfetto, con un tocco di colore ma allo stesso tempo davvero basico e portabile con tutto.

Continua a leggere

Potatoes and pumpkin cream

 photo DSCN0001_zps69a5d250.jpg

 

As much as I don’t go outside my studio that much since the beginning of the year (Organic Chemistry 2 vs Sam, who’s gonna win? I did my exam yesterday and I have to wait 9 days to know if I made it or not!) the place where I express myself more is in the kitchen, which is really close to my studio ;-P. Also there’s a lot of chemistry too when you cook so I kinda consider it an extension of my studies. I still live my healthy life, but let’s be honest: is in these two ‘extra’ meals that I can make my fantasy work, as much as I have much more ingredients to work with. I also admit that I’m a vegetables-junkie so even in these meals I try to use vegetables as much as possible. Some people think that eating vegetables means ‘eating clean’, well it really depends on what you eat with these vegetables! Today’s recipe is an example of that: potatoes and pumpkin cream. Of course there are potatoes and pumpkin but there are also butter and milk! So this is definitely an extra meal for cold days in the winter when you need something really warm and damn good to eat, maybe with the ones you love. So let’s get started! ;) Oh, and I like to say, that even this time I took inspiration from a cooking-genius: Sergio Barzetti.

Ingredients for 5 people:

2 medium potatoes (mine were one big and one small, they were around 425 g, but consider you have to peel them)

700 g of pumpkin

1 sprig of parsley

1 small leek

1 chili pepper

250 ml of milk

84 g of parmesan cheese

1 bay leaf

50 g of butter

salt to taste

pepper to taste

Siccome non vado molto fuori dal mio studio dall’inizio dell’anno (Chimica Organica 2 vs Sam, chi vincerà? Ho appena fatto l’esame e solo l’11 saprò se sarà andata o meno!) il posto in cui mi esprimo di più è la cucina, che neanche a dirlo è molto vicina al mio studio ;-P. E poi c’è molta chimica in cucina quindi posso quasi considerarlo un’estensione dei miei studi. Continuo sempre con la mia vita sana, ma siamo onesti: è in quei due pasti ‘extra’ che posso davvero far lavorare la mia fantasia, anche perchè ho molti più ingredienti con cui lavorare. Ammetto anche di essere una drogata di verdura e quindi cerco sempre di includere la verdura in questi miei ‘extra’. Molte persone pensano che basti mangiare verdura per mangiare sano, ma cambia molto da cosa mangi con la verdura! La ricetta di oggi ne è un esempio: crema di patate e zucca. Certo ci sono appunto le patate e la zucca, ma ci sono anche burro e latte! Quindi è decisamente da considerare un extra per i giorni freddi quando avete bisogno di mangiare qualcosa di caldo e dannatamente buono, magari in compagnia delle persone che amate. Quindi iniziamo! ;) Ah, ci tengo a dirlo, ho preso ispirazione ancora una volta da quello che per me è un genio in cucina: Sergio Barzetti.

Ingredienti per 5 persone:

2 patate medie (le mie erano una grande e una piccola, intorno ai 425 g, ma considerate che dovete anche pelarle)

700 g di zucca

1 mazzetto di prezzemolo

1 porro piccolo

1 peperoncino

250 ml di latte

84 g di parmigiamo reggiano

1 foglia di alloro

50 g di burro

sale q.b.

pepe q.b.

Continua a leggere