Notino: All the products I’ve tested.

IMG_2303

My collab with Notino is still going on, this time I’ve tested a face cream: Blue Therapy Multi Defence by Biotherm.

The idea that gave birth to this cream is that protecting the skin, it will be able to fix itself and so to look young. This way Biotherm patented the Broad Outdoor Defense Complex, that thanks to the Baicalin extract and Furcellaria Seaweed that are inside it, protects the skin from UVB and UVA rays and pollution. Furthermore a 25 sunscreen is added to the formulation.

Baicalin is a plant rich in flavonoids who are strong anti-oxidants. What is the effect of an anti-oxidant on the skin? To slow skin aging caused by free radicals that form when it’s exposed without protection to UVs.

Furcellaria Seaweed on the other side is able to fight skin dehydratation caused by pollution.

I have ti admit that when I read what it’s inside this cream I was so excited and I couldn’t wait to try it, out ot curiosity I read some reviews on the web and they were very conflicting.

I’ve applied it on face and neck morning and night till I’ve finished it, this is what I’ve observed:

Since the first application I’ve confermed what I’ve read in many reviews: it was difficult to apply. Applying it with my beloved Silkn, at the end both on it and on my skin there were some hard white clumps left of product. They are definitely unaesthetic and a problem if you want to put make up on the top of it. By the way for the first days my skin looked in good conditions and really relaxed. In the long term it started looking quite dry, still looking relaxed. I think that it’s a huge formulation problem for a cream that costs more than 50€ to the public. It’s true that we are not all the same and in fact I’ve also read some good reviews, but since I have studied how to prepare a cream and I’ve also made a lot of them both at university and at work I can easily say that the ratio between fat and watery component and their relationship with the solid part should be inspected. I, anyway, see that it can do its primary functions, so if you want to give this cream a try, my advice is to try it first asking for a tester.

Continua la mia collaborazione con Notino, questa volta ho provato una crema viso: Blue Therapy Multi Defence di Biotherm.

L’idea su cui è stata creata questa crema è quella per cui proteggendo la pelle questa sia poi in grado di ripararsi e quindi di mantenersi giovane. Così facendo Biotherm ha brevettato il Broad Outdoor Defense Complex che grazie alle proprietà dell’estratto di Baicalina e dell’Alga Furcellaria in esso contenute protegge contro raggi UVB, UVA e inquinamento. Alla formulazione è inoltre stato aggiunto uno schermo 25.

La Baicalina è una pianta ricca in flavonoidi i quali sono potenti antiossidanti. Che effetto ha un antissodante sulla pelle? Quello di rallentare l’invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi che si formano proprio quando questa è esposta non protetta ai raggi UV.

L’Alga Furcellaria invece è in grado di combattere la disidratazione della pelle che è causata dall’inquinamento.

Devo ammettere che quando ho letto cosa conteneva questa crema ero esaltatissima e non vedevo l’ora di provarla, per curiosità avevo letto in giro qualche recensione e vedevo opinioni molto contrastanti.

L’ho applicata mattina e sera su viso e collo fino all’esaurimento, questo è quello che ho riscontrato:

Sin dalla prima applicazione ho confermato ciò che avevo letto in svariate recensioni: difficoltà nell’applicazione. Applicandola col mio solito Silkn, alla fine del massaggio su questo e sul mio viso rimanevano dei piccoli grumi bianchi di prodotto duro. Decisamente antiestetici e problematici per poi applicarvi sopra il trucco. Tuttavia per i primi giorni la mia pelle mi è parsa in buono stato e molto distesa. A lungo andare invece ha iniziato a seccarsi visibilmente, mantenendo comunque l’aspetto disteso. Credo che questo sia un problema di formulazione importante per una crema che costa oltre 50€ al pubblico. E’ anche vero che non siamo tutti uguali e infatti ho trovato anche alcune recensioni positive, ma avendo studiato come si prepari una crema e avendone preparate in università e per lavoro molte io stessa mi vien da dire che il rapporto tra componenti grasse e acquose con le componenti solide andrebbe rivisto. Credo comunque che svolga le funzioni che si propone, perciò se volete utilizzarla vi consiglio come primo step di testarla richiedendo un campione.

Continua a leggere

Gratinéed oysters

IMG_2279

Well it’s been a while since I’ve posted a recipe over here! Today we’re going to learn how to cook oysters with a twist! Oysters are a thing you love or hate, there’s no middle way, they are extragood eaten natural or with a spray of lemon juice. But since we use to eat a lot of oysters like that during the holidays here in Italy, I wanted to try something different. You can call this gratinéed oyster or oysters carbonara. They are easy to make and makes a fancy serving at your banquet or dinner. Or even all by yourself on the sofa watching Emily in Paris, I won’t judge. Let’s see all the ingredients:

For 4 people:

12 oysters

2 shallots

2 egg yolks

2 tablespoons of almond filets

Butter

6 slices of smoked bacon

Vodka

Dry spumante

White wine vinegar

Chervil

Coarse salt

Pepper

Beh è da un bel po’ che non vi posto una ricetta qui! Oggi vediamo come preparare delle ostriche con un tocco speciale! Le ostriche sono qualcosa che o si ama o si odia, non ci sono vie di mezzo. Sono buonissime al naturale o con giusta una spruzzata di succo di limone. Siccome ne mangiamo molte in questo modo durante le feste, ho voluto provare qualcosa di diverso. Potete chiamarle ostriche gratinate o ostriche alla carbonara. Sono facili da preparare e saranno una portata ad effetto ai vostri ricevimenti e cene. Ma anche da mangiarvi da soli sul divano mentre guardate Emily in Paris, non vi giudico. Vediamo tutti gli ingredienti:

Per 4 persone:

12 ostriche

2 scalogni

2 tuorli

2 cucchiai di filetti di mandorla

Burro

6 fette di pancetta affumicata

Vodka

Spumante secco

Aceto di vino bianco

Cerfoglio

Sale grosso

Pepe

Continua a leggere

Kunsthaus Zurich

IMG_2108 (2)

Flagship of Zurich’s artistic scene is the museum Kunsthaus Zurich who opened in 1910. On three floors it encloses masterpieces that you cannot miss if you are in the city.

Fiore all’occhiello della scena artistica di Zurigo è il museo Kunsthaus Zurich che, aperto nel 1910, su tre piani racchiude opere d’arte che non potete mancare di vedere se siete in città.

Continua a leggere

Zurich: visit, eat, sleep.

IMG_0621

And here we are at the last stop of my Swiss itinerary. I admit I’ve decided last minute to get there and I’ve stayed for a very short time, you have much more to see and do in Zurich than what I wrote here, anyway this spurs me to go back and use Zurich as base for a new trip around Switzerland.

Continua a leggere

Zurigo: visitare, mangiare, dormire.

Hello my non-italian-speaking readers! As you can see this article is written only in italian, but I haven’t forget you! While writing it down in double language it became extrimely confusing and this is not how a guide should be. So just give me some days more and this exact same article will be posted translated in english. If you urge to know stuff about Zurich in those days reach me on my instagram DMs, as it’s where I replay faster. See you soon! 😉

IMG_0621

Ed eccoci arrivati all’ultima tappa del mio itinerario svizzero. Ammetto ho deciso all’ultimo di andarci e mi sono fermata troppo poco, ci sarebbe molto di più da fare e da vedere di quello che vi scrivo qui, tuttavia, questo mi sprona a tornarci e ad utilizzare Zurigo come base per un prossimo viaggio.

Continua a leggere

Zug: visit, eat, sleep.

IMG_0590

Third stop of my Switzerland trip and also third of these guides, is the small city of Zug, famous for its cake and for being so rich. If you choose to come here, get ready to open your wallet, but you’ll be surely rewarded, cause you’ll be fascinated. For how long you should stay? Well I’d say three days to see the city entirely, otherwise take what you like here, calculate your times, and go!

Continua a leggere

Happy 9th Birthday The Queen Of Dreaming!

IMG_1557

Here we are! Another year has gone by and the blog is turning 9! Nine! If I look back to who I was 9 years ago it doesn’t even look real! As always I dedicate this post to take stock of these past 365 days for the blog and for me.

Talking about the blog I have to say mea culpa, this year I wrote very little. Mostly collaborations, but those are very long posts challenging to write and not exactly something you do in a day. I worked on them with attention, doing everything on my own. It was a new and interesting adventure, also if you see it in the complete painting of my life this year. I was certanly more active on instagram, where moreover the collabs you’ve seen here, there rained collaborations with the beauty world, interior decorations and something more about trips, but you’ll see these last ones here too. The trend now for the people who started in more or less at the same time as me creating a personal space online where to write is to leave the blogs and get busy on social networks, where you have more views and more immediately, with a better income. This is far from me, it’s true that I love working on instagram, sometimes I put some contents also on facebook and youtube, even if rarely, but I haven’t even created an account on the most popular social networks, like Tik Tok. This all, for me, never started to become richer. It was born to write throughout my lens about things or experiences that represents me, who cares if the bring income or not, but to be interesting or useful for the people reading. Last post of 2021 for example, is the Zug guide. Next post for 2022 will be its adapted version in english, that I’m already working on when I can. Both of these will nver be payed, I wrote them for the pleasure of telling how good where the two days I’ve spent in this beautiful small town and also because it’s what I would have loved to find online before my travel and didn’t existed. Even if I have a huge collab almost ready to be published, I swear that posts like these ones, won’t stop to be published. Ok now I also want to tell you who is the first one I’m collaborating here this year: Zurich Kunsthaus! I can’t wait for you to read what I wrote and see what I photographed!

Looking at my life outside the web, many things have changed! Two the most important: in April I became aunt of a beautiful baby girl named Sofia and that jus a few hours ago started crawling! It’s my biggest joy to know that we’ll bonded forever. Becoming an aunt somehow changed me, I’ve felt new responsibilities that I never thought I could develop. Furthermore I’ve moved out, alone this time. Or like Nicolò Fabi says, with my hair. It’s a penthouse of 110 m2 in a new built condominium, we are 5 families (families? Weren’t you alone? Well a thing I’ve learned this year that when you exit your parents nuclear family you are considered family even on your own!) and one has to come, than we’ll be full! There were different types of flats here, I chose the biggest and with the planimetry that more resembled what I’ve imagined. I’ve furnished it marvelously, following my taste and my style, combining low cost and high end brands, and I’ve obtained something really nice. Now that I’ve been living here for more than 9 months, I’ve understood that maybe I need something bigger, but for now I will adapt. My job as a pharmacist is still here, and this year I don’t hide to you that it has been terrible. I won’t explain you the reasons, I think you can easily imagine. I’ve been in charge of the swabs, big responsibility, big boredom and big scare to get infected by this monster from someone of the positives. Luckily it hasn’t happened for now, or at least that I could track it, and with my three doses of vaccine, that hopefully soon will become four and an always careful behaviour, I’m quite safe. In the new year surely there will be changes in my job, I hope in a good way.

For obvious reasons I didn’t travel a lot this year, but I went back flying. And when I was worried that I wouldn’t cross the italian borders this year, I’ve flew to Spain in late autumn. My destinations have been: a long weekend in Milan, city that I’ve missed so much since I used to go quite often before Covid, I’ve been to Naples, Procida (capital of culture for this year!), Ischia, Gabicce, Gradara and finally Barcelona. I’ve travelled alone, with family and friends to have a complete painting! Next trip coming? Rome, for my friend Francesca’s birthday, I can’t wait to be back! Can you believe it was 2019 the last time I was there?

For superstition I don’t want to say what I think 2022 has in store for me, we’ll see it together, here and on instagram, for now, dear readers, happy new year!

Eccoci qua! Un altro anno è passato e il blog compie 9 anni! Nove! Se mi volto indietro a guardare cos’ero 9 anni fa non mi sembra reale! Come sempre dedico questo post a tirare le somme di questi 365 giorni per il blog e per me.

Per quanto riguarda il blog devo fare un mea culpa, quest’anno qui ho scritto molto poco. Quasi solo cose in collaborazione, ma sono stati post impegnativi, che non si scrivono dalla sera alla mattina e su cui ho lavorato con attenzione, facendo tutto da sola. E’ stata un’avventura nuova e interessante, se poi la inseriamo nel contesto della mia vita di questo anno. Sono stata sicuramente più attiva su instagram, dove invece oltre le collaborazioni che avete visto qui, sono fioccate quello del mondo beauty, dell’arredamento di interni e qualcosa in più sui viaggi, ma che arriverà anche su questi schermi. La tendenza di chi ha iniziato come me creandosi un posto personale in cui scrivere è diventata quella di abbandonare i blog e darsi da fare sui social network, dove si hanno più visualizzazioni e più immediate, con un maggior ricavo. Per me questo non vale, è vero adoro instagram per lavorare, non lo nego, qualche contenuto lo posto anche su facebook o youtube, anche se di rado, ma non ho nemmeno creato l’account su altri social che spopolano, come Tik Tok. Perchè tutto questo per me non è nato per guadagnare. E’ nato per poter scrivere attraverso la mia lente di cose o esperienze che mi rappresentano, che questo porti guadagno o meno, sperando che facciano piacere o possano essere utili a chi li legge. L’ultimo post del 2021 ad esempio è quello della guida di Zug. Il prossimo post del 2022 sarà quello della sua versione adattata in inglese a cui sto lavorando quando posso. Entrambi questi non saranno minimamente retribuiti, li ho scritti per il puro gusto di raccontare i due giorni bellissimi passati in questa cittadina e perchè è quello che avrei voluto trovare io online prima di partire e che invece non esisteva. Anche se ho già una grossa collaborazione quasi pronta da pubblicare, vi assicuro che post come questi non smetteranno mai di arrivare. Ok voglio anche dirvi con chi è la prima collaborazione che vedrete qui: la Kunsthaus di Zurigo! Non vedo l’ora possiate leggere ciò che ho scritto o vedere ciò che ho fotografato!

Per quanto riguarda la mia vita al di fuori del mondo del web tante cose sono cambiate! Due le più importanti: ad aprile sono diventata zia di una bambina meravigliosa di nome Sofia e che proprio qualche ora fa ha iniziato a gattonare! E’ la mia gioia più grande sapere che saremo legate per sempre. Diventare zia mi ha cambiata, ho sentito responsabilità nuove e mai avrei pensato di poter sviluppare. Oltre questo sono andata a vivere da sola, ma da sola da sola stavolta. O come dice Nicolò Fabi, con i miei capelli. E’ un appartamentino di 110 m2 all’ultimo piano di un condominio di nuova costruzione, siamo in 5 famiglie ora ad abitarlo (famiglie? Ma se sei sola? Beh una cosa che ho imparato quest’anno è che quando ti stacchi dal nucleo famigliare dei tuoi genitori sei considerata famiglia anche da sola!) e ancora una deve arrivare, poi saremo al completo! C’erano diversi tipi di appartamento qui, io ho scelto quello più grande e con la planimetria che più rispecchiava ciò che mi ero immaginata e sono riuscita ad arredarlo meravigliosamente, rispettando i miei gusti e il mio stile, combinando brand low cost a high end, ho ottenuto qualcosa di veramente carino. Ora che ci vivo ormai da più di 9 mesi, ho capito che forse avrei avuto bisogno di qualcosa di appena più grande, ma per ora mi adatto. Il lavoro come farmacista continua, quest’anno non vi nego, che è stato tremendo. Le motivazioni non ve le sto nemmeno a spiegare, non penso sia difficile intendere. Mi sono occupata del comparto tamponi, grande responsabilità, grande noia, ma anche grande paura di prendere questa bestia da qualcuno dei positivi. Per fortuna così non è stato fino ad ora, o per lo meno che me ne sia accorta, e con le mie tre dosi di vaccino, che spero presto diventeranno quattro, e un comportamento sempre attento, sono abbastanza al sicuro. Nell’anno nuovo ci saranno dei cambiamenti sicuramente dal punto di vista lavorativo, spero in bene.

Per ovvi motivi ho viaggiato poco quest’anno, ma sono tornata a volare. E quando temevo che non avrei varcato i confini di stato sono volata in Spagna ad autunno inoltrato. Le mie mete sono state un weekend lungo a Milano, città di cui avevo sentito una forte mancanza frequentandola più spesso prima del covid, sono stata a Napoli, Procida (capitale della cutura di quest’anno!), Ischia, Gabicce, Gradara e infine, appunto, a Barcellona. Ho viaggiato in solitaria, con la famiglia e con gli amici, per avere un bel quadro completo! Prossimo viaggio in programma? Roma, per il compleanno della mia amica Francesca, non vedo l’ora di tornarci! Ci credete che è dal 2019 che non ci metto piede?

Per scaramanzia non voglio dire cos’altro credo che il 2022 abbia in serbo per me, lo scopriremo insieme, qui e su instagram, intanto, fidati lettori miei, buon anno!

Continua a leggere

Zug: visitare, mangiare, dormire.

Hello my non-italian-speaking readers! As you can see this article is written only in italian, but I haven’t forget you! While writing it down in double language it became extrimely confusing and this is not how a guide should be. So just give me some days more and this exact same article will be posted translated in english. If you urge to know stuff about Zug in those days reach me on my instagram DMs, as it’s where I replay faster. See you soon! 😉

IMG_0590 Continua a leggere

Mount Rigi: visit, eat, sleep.

AMBS1779

In Switzerland it’s called ‘the Queen of Mountains’, so I couldn’t choose a different place for my secon stopover. Alas, I wasn’t lucky at all! Despite being summer the weather was super cold (10°!) and a dense fog, blocking the view. Anyway I didn’t give up and I’ve tried to use my time at its best.

Continua a leggere

Monte Rigi: visitare, mangiare e dormire.

Hello my non-italian-speaking readers! As you can see this article is written only in italian, but I haven’t forget you! While writing it down in double language it became extrimely confusing and this is not how a guide should be. So just give me some days more and this exact same article will be posted translated in english. If you urge to know stuff about Mount Rigi in those days reach me on my instagram DMs, as it’s where I replay faster. See you soon! 😉

AMBS1779

In Svizzera la chiamano ‘la Regina delle Montagne’, e non potevo scegliere un posto diverso per la mia seconda tappa. Purtroppo non sono stata fortunatissima, ahimè! Nonostante fosse estate c’era freddissimo (10°!) e una nebbia fittissima che impediva la vista. Tuttavia non mi sono data per vinta e ho cercato di sfruttare al meglio il mio tempo.

Continua a leggere