Lentezza diary 2019

IMG_0862

Today’s post is about one of the best event you can go to in my provence, or I’d say in Italy. Festival della Lentezza, in Colorno, where I live, and believe me when I say that is not for this reason that I love it. Lentezza in italian means slowness. These because in these three days you’ll have the chance to slow down on your busy days and dedicate yourself to event and activities proposed by the festival. Important people comes from all over the country to speak during these days and tourists are coming from all over the world. The theme changes every year, but you can always find the right thing for you! I don’t want to take to long explaining every picture, what I wanted was capturing the emotions: the two girls that took us around the city telling us the story of our town (I had the chance to recite a poetry in our local dialect with them!), people from all over the world planting plants together to save the butterflies, farmers from all over Italy selling their products, writers and singer speaking about freedom with hundreds of people listening and so much more.

Il post di oggi riguarda uno dei migliori eventi a cui potete partecipare nella mia provincia, ma mi sento addirittura di dire in Italia. Il Festival della Lentezza, a Colorno, dove vivo, e credetemi quando vi dico che non è per questo che lo amo. Si chiama Lentezza perchè in questi tre giorni avrete la possibilità di rallentare dalle vostre giornate frenetiche e dedicarvi agli eventi e attività proposte dal festival. Persone importanti vengono da tutto il Bel Paese per parlare a questo festival e i turisti vengono da tutto il mondo. Il tema cambia ogni anno, ma troverete sempre qualcosa che va al caso vostro! Non voglio prenderla per le lunghe e spiegarvi ogni foto, quello che volevo catturare erano soprattutto le emozioni: le due ragazzine che ci hanno portato in giro per il paese raccontandoci la sua storia (ho avuto anche l’occasione di recitare con loro una poesia in dialetto!), persone di diverse nazionalità piantare insieme piante per salvare le farfalle, agricoltori da tutta Italia che vendevano i loro prodotti, scrittori e cantanti parlare di libertà con centinaia di persone ad ascoltarli e molto di più.

Continua a leggere

Asperessi: my shopping and honest opinion.

IMG_0795

Hello dear ones, while I cry on my bank account cause I couldn’t help myself from buying Calvin Klein apparel on Zalando for fall season I’ll talk with you about an item that I received for free and used all the summer and honestly I can’t get tired off. So you guessed it, another collab, that you may have noticed on instagram cause even after the number of post I was supposed to do I still wear it almost everyday. Today we’ll talk about Asperessi!

Shopping experience: The website is really simple and only sells sunglasses. There is no review and no category. (Warning: while I’m writing the website is down).

Shipping: Shipping took quite long, around 3 weeks, and I was lucky enough the item I got didn’t broke cause there was no protection for it.

What i got: Lamare sunglasses in blue. They are nice, confortable, with mirror lenses, similar to Rayban aviators in the style and I’m completely in love with them!

So my final vote it’s a 6/10, only because I’m obsessed with these sunglasses, otherwise it would have been quite lower. The website doesn’t give you back anything, if I were someone looking on a pair of sunglasses to buy on the internet I would have never bought anything there, and even worse the shipping, you cannot, for any reason, ship a pair of glasses with no protection.

Ciao carissimi, mentre piango sul mio conto in banca dopo non essere stata in grado di rinunciare ad abbigliamento di Calvin Klein per la stagione autunnale vi parlo di un prodotto che ho usato tutta l’estate e di cui sinceramente non riesco a stancarmi. Quindi si avete indovinato, una nuova collaborazione, che probabilmente avrete notato su instagram perchè anche dopo il numero di post che avrei dovuto fare continuo a indossarlo quasi ogni giorno. Oggi parliamo di Asperessi!

Esperienza di shopping: Il sito web è molto semplice e vende solo occhiali da sole. Non ci sono recensioni o categorie. (Attenzione: mentre vi scrivo il sito web è down).

Spedizione: La spedizione ci ha messo molto tempo, circa 3 settimane, e sono stata abbastanza fortunata che il prodotto non si sia rotto poichè non aveva nessuna protezione.

Cosa ho ricevuto: occhiali da sole Lamare in blu. Sono belli, comodi, con lenti a specchio, simili ai Rayban aviator nello stile e ne sono completamente innamorata!

Quindi il mio voto finale è un 6/10, solo perchè sono ossessionata da questi occhiali da sole, altrimenti sarebbe stato molto più basso. Il sito web non ti dà nulla, se fossi stata qualcuno in cerca di un paio di occhiali da sole su internet non avrei mai comprato nulla lì, e anche peggio la spedizione, non si può, per nessun motivo, spedire un paio di occhiali senza protezione.

Continua a leggere

Open Fish Ravioli

IMG_0817

Are you ready to fill you kitchen with the yummy smell of sea food pasta? Yes? Do you already feel your mouth watering? Yes? So I guess you’re ready to learn more about this oven-cooked recipe with pasta, that looks a lot like a fish lasagna but isn’t. Since it’s made with sea food you can already guess it won’t be healhty, it’s part of my sunday-with-the-family meals. Don’t worry, it’s not difficult, I’m here to make you learn that cooking fish is not that difficult thing that everyone talks about.

Let’s start with the ingredients:

For 4 servings:

8 lasagna sheets

12 prawns

4 glithead bream filets

8 scallops

1 fennel heart

135 g of tomato puree

Half tablespoon of corn flour

2 tablespoon of cognac

1 1/2 tablespoon of white wine

pre-made fish broth

1 1/2 tablespoon of cream

40 g of butter

extravirgin olive oil

salt

pepper

Siete pronti a riempire la vostra cucina col gustoso profumo di pasta al pesce? Sì? Sentite già l’acquolina in bocca? Sì? Quindi suppongo siate pronti per imparare di più riguardo questa ricetta di pasta al forno, che sembra molto una lasagna di pesce ma non la è. Siccome è a base di frutti di mare potete già immaginare che non sia dietetica, è uno dei miei piatti da pranzo in famiglia domenicale. Non preoccupatevi, non è difficile, sono qui per insegnarvi che cucinare il pesce non è quella cosa impossibile di cui tutti parlano.

Partiamo dagli ingredienti:

Per 4 persone:

8 sfoglie per lasgagna

12 scampi

4 filetti di orata

8 capesante

1 cuore di finocchio

135 g di passata di pomodoro

Mezzo cucchiaio di maizena

2 cucchiai di cognac

1 ½ cucchiai di vino bianco

Dado per brodo di pesce

1 ½ cucchiaio di panna

40 g di burro

Olio extravergine di oliva

Sale

pepe

Continua a leggere

Tourist at home: Battistero di Parma

IMG_0799

New episode and for this one we go back in Parma, exactly on the right of the Cattedrale actually. Where are we? At the Battistero di Parma, the building dedicated to the Baptism.

It has a style in between romanesque and gothic. And guess whose the architect behind it? Yes, him again: Benedetto Antelami, who started working at it in 1196. But he never saw the ending as the building was ready in 1270. This was because it is made of pink marble that came from Verona, but due to a conflict with the Lord of Verona, they stopped sending it for years.

The outside is octagonal, since the octagon is a symbol of eternity. The decoration of the building creates a chiaroscuro effect. All the bas relief are human life and redemption themed.

The inside is divided in 16 arches, each of them creates a recess with a painting that gives to the building the shape of a flower. All these frescos are from XIII and XIV centuries. The dome is divided in halo. The painting inside the dome can be divided in 6 horizontal strips: the first one represent the red sky of eternal love, the second the starry sky of Jerusalem, the third the twelve Apostles and four Evangelists, the fourth Christ on the throne, the Virgin Mary, John the Baptist and 13 other prophets, the fifth has 12 episodes of the life of John the Baptist and four saints and finally the sixth has episodes of the life of Abraham, the four elements, the four season and the Virgins. The altar is decorated with John the Baptist, nowadays is still used to celebrate two Baptism a month. Inside there’s also a cycle of high-reliefs that represent months and seasons made by the Antelami.

You’ll need a ticket to access the Battistero di Parma, of 8€ for adults and 6€ for students and over 65, that includes also the access to the Diocesiano museum (where the ticket shop is). You can access everyday from 9.30 to 18.30.

Nuovo episodio e stavolta torniamo a Parma, esattamente alla destra della Cattedrale per dirla tutta. Dove siamo? Al Battistero di Parma, l’edificio dedicato al Battesimo.

Ha uno stile tra il romanico e il gotico. E indovinate chi è l’architetto che ci sta dietro? Sì, di nuovo lui: Benedetto Antelami, che iniziò a lavorarci nel 1196. Non vide mai la fine però poiché l’edificio fu pronto nel 1270. Questo poiché è fatto di marmo rosa di Verona, ma per via di un contrasto col Signore di Verona, smisero di inviarlo per anni.

L’esterno è ottagonale, siccome l’ottagono è simbolo di eternità. La decorazione dell’edificio crea un effetto di chiaroscuro. Tutti i bassorilievi raccontano della vita umana e di redenzione.

L’interno è diviso in 16 archi, ognuno dei quali crea una nicchia con un dipinto che danno all’edificio la forma di un fiore. Tutti questi affreschi sono datati tra il XIII e il XIV secolo. La cupola è divisa a raggiera. Il dipinto all’interno può essere diviso in 6 strisce orizzontali: la prima rappresenta il solo rosso dell’amore eterno, la seconda il cielo stellato sopra Gerusalemme, la terza i dodici Apostoli e i quattro Evangelisti, la quarta Cristo in trono, la Madonna, Giovanni Battista e altri 13 profeti, la quinta ha 12 episodi della vita di Giovanni Battista e quattro santi, e infine la sesta ha episodi della vita di Abramo, i quattro elementi, le quattro stagioni e le Vergini. L’altare è decorato con Giovanni Battista, oggi è ancora utilizzato per celebrare due Battesimi al mese. All’interno è inoltre presente un ciclo di altorilievi che rappresenta i mesi e le stagioni, opera dell’Antelami.

Vi servirà un biglietto per accedere al Battistero di Parma, di 8€ per gli adulti e 6€ per studenti e over 65, che include anche l’ingresso al Museo Diocesiano (dove si trova anche la biglietteria). Potete visitarlo tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30.

Continua a leggere

Chic NYC: my shopping and honest opinion.

IMG_9763

Weekend is right behind the corner, and since we started the week with a collab, I thought we could end the work week with… a collab! Today it’s with Chic NYC and as always you’ve already seen it on my instagram. 1…2….3…LET’S GO! 

Shopping experience: website is nice, well curated and sells apparel for women and accessories. Anyway there’s no size guide and no reviews.

Shipping: the package took a little less than two weeks to get to me, still ok, but long time for me! It was well packed in a themed bag.

What I got: CHIC NYC Tee shirt in black. It’s a basic black tee with the label logo, made in thick cotton that can be easily used in many outfits. I really liked it!

My final vote for Chic NYC is 7/10, nice website, great product, but they could do more with website and shipping.

P.S. This time I have a discount code for you: CHICNYC let me know if you’ll give them a try!

Il weekend è dietro l’angolo, e siccome abbiamo iniziato la settimana con una collaborazione, ho pensato che potessimo chiudere la settimana lavorativa con… una collaborazione! Oggi è con Chic NYC e come sempre l’avrete già vista su instagram. 1…2…3…. VIA!

Esperienza di shopping: il sito web è carino, ben curato e vende abbigliamento da donna e accessori. Tuttavia non ci sono guide alle taglie o recensioni.

Spedizione: il pacchetto ci ha messo un po’ meno di due settimane ad arrivarmi, che è ancora ok, ma lo stesso molto per me! Era ben impacchettato in una busta a tema.

Cosa ho ricevuto: CHIC NYC Tee shirt in nero. E’ una tshirt basica nera con il logo del brand, fatta di cotone spesso che può essere facilmente inserita in molti outfit. Mi è piaciuta molto!

Il mio voto finale per Chic NYC è 7/10, sito carino, ottimo prodotto, ma possono fare di più sia col sito web che con la spedizione.

P.S. Questa volta ho per voi anche un codice sconto: CHICNYC fatemi sapere se proverete qualcosa!

 

Tourist at home: Duomo di Fidenza

IMG_0759

For this new episod we leave the city centre, we leave the city actually, we take back our car or we jump on a train and we go to Fidenza. A city in the provence of Parma that has an historical city centre that it’s nice to walk in. The thing that you don’t have to miss there anyway is not the outlet, but the Duomo di Fidenza (also known as Cattedrale di San Donnino).

As you can see from the picture the facade is again a romanesque one (the majority of our churches follow this style) and again was Benedetto Antelami the one behind it. The church was ready in 1117, rebuit after the one before collapsed during an heartquake. You have three doors to enter the church, all of them placed between two columns, the one in the centre has them sustained by two stone lions, the one in the sides by two rams (door of the life) and two telamons (door of the death). On the top of the central door there’s a bas relief with the story of Saint Donnino, patron saint of the city. There’s also a column with Apostle Simone pointing the way to Rome, since Fidenza is part of the Via Francigena. All around the cathedral there are bas relief with episodes from the Bible. (Fun fact: there’s also a groove used by merchant to measure cloth before selling it). Inside the church is divided in three naves, all of them with a cross vault. The altar is raised and you can access it through white marble rungs. Down the altar there’s the crypt, where relics of the saint are visible. Also inside the chruch there are bas relief, again made by the Antelami and his students.

The access to Duomo di Fidenza is free, 7.30-12/15-18 from Monday to Friday and 8-12/15-19 on Saturday and Sunday.

Per questo nuovo episodio lasciamo il centro città, lasciamo proprio la città in verità, prendiamo la nostra macchina o saltiamo su un treno e andiamo a Fidenza. Una città in provincia di Parma con un centro storico molto caratteristico in cui passeggiare. Quello che però non potete perdervi una volta lì non è l’outlet, ma il Duomo di Fidenza (anche conosciuto come Cattedrale di San Donnino). 

Come potete vedere dalla foto la facciata è nuovamente romanica (la maggior parte delle nostre chiese segue questo stile) e di nuovo l’architetto che l’ha creata fu Benedetto Antelami. La chiesa fu pronta nel 1117, ricostruita dopo che quella prima crollo durante un terremoto. Avete tre porte per accedere alla chiesa, tutte affiancate da due colonne, quelle centrali sono sostenute da due leoni di pietra, quelle laterali hanno due arieti (porta della vita) e due telamoni (porta della morte). Sopra la porta centrale c’è un bassorilievo raffigurante la vinta di San Donnino, patrono della città. C’è anche una colonna con l’apostolo Simone che indica la via per Roma, poichè Fidenza fa parte della Via Francigena. Tutto intorno alla Cattedrale ci sono bassorilievi raffiguranti episodi della Bibbia. (Fun fact: c’è anche una scanalatura in cui i mercanti misuravano le stoffe prima di venderle). All’interno la chiesa è divisa in tre navate, tutte con volta a crociera. L’altare è rialzato e potete raggiungerlo tramite scalini di marmo. Sotto l’altare si trova la cripta dove sono visibili le reliquie del santo. Anche all’interno della chiesa si trovano dei bassorilievi, anch’essi opera dell’Antelami e dei suoi studenti. 

L’accesso al Duomo di Fidenza è libero, dalle 7.30 alle 12 e dalle 15 alle 18 dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 19 il sabato e la domenica.

Continua a leggere

Tourist at home: Cattedrale di Parma

IMG_0745

New appointment with my newest column. Today we stay in the city. Actually we move by feet from Teatro Farnese to Cattedrale di Parma (also known as Cattedrale di Santa Maria Assunta) since it’s also in the city centre. The cathedral is the most important place of worship of our city. It’s located in Piazza Duomo.

During the XI century, after the ancient church of the city was destroyed by a fire, the cathedral was built. It was complete in 1178. Director of the project was Benedetto Antelami.

The style of the outside is romanesque with a gabled facade. The central door has a prothyrum sustained by two stone lions. On the facade right there’s the bell tower, 63 metres high. It was built in gothic style between 1284 and 1294. On the top of it there’s a golden statue of an angel with a cross (Fun fact: in 2009 during a storm it was strucked by a lightining and it went on fire, today the one on the top it’s a replica). Inside the tower there are 6 bells. Inside the romanesque style was enriched with renaissance and gothic intervention. The map is a latin cross with three naves. The central nave is two times bigger than the laterals. They all have a cross vault. The central nave is frescoed by the work of Lattanzio Gambara with scenes from Old and New Testament. He painted also the fresco on the counterfacade: Ascensione di Cristo. The church has an octagonal dome. The inside is painted with Assunzione della Vergine by Correggio. Another important work inside the cathedral is the bas relief by Benedetto Antelami: Deposizione dalla Croce. There are also three pipe organs.

The access to Cattedrale di Parma is free from 8 to 19 everyday.

Nuovo appuntamento con la mia ultima rubrica. Oggi rimaniamo in città. A dir la verità ci muoviamo a piedi dal Teatro Farnese alla Cattedrale di Parma (anche conosciuta come Cattedrale di Santa Maria Assunta) siccome anche questa è in centro città. La cattedrale è il più importante luogo di culto della nostra città. Si trova in Piazza Duomo.

Durante l’XI secolo, dopo la distruzione in un incendio della vecchia chiesa della città, fu costruita la cattedrale. Fu completata nel 1178. Direttore dei lavori fu Benedetto Antelami.

Lo stile dell’esterno è romanico con una facciata a capanna. La porta centrale presenta un protiro sostenuto da due leoni di pietra. Alla destra della facciata c’è la torre campanaria, alta 63 metri. Fu costruita in stile gotico tra il 1284 e il 1294. Sulla sua sommità c’è una statua d’oro di un angelo con la croce (Fun fact: nel 2009 durante un temporale fu colpita da un fulmine e si incendiò, quella che vediamo oggi è una replica). Dentro la torre si trovano 6 campane. All’interno lo stile romanico fu arricchito con interventi rinascimentali e gotici. La pianta è a croce latina con tre navate. La navata centrale è grande il doppio delle laterali. Tutte presentano una volta a croce. La navata centrale è affrescata dalle opere di Lattanzio Gambara con scene dal Vecchio e Nuovo Testamento. Dipinse anche l’affresco della controfacciata: Ascensione di Cristo. La chiesa ha una cupola ottagonale, il cui interno fu dipinto con l’Assunzione della Vergine del Correggio. Un’altra importante opera all’interno della cattedrale è il bassorilievo di Benedetto Antelami: Deposizione dalla Croce. Ci sono inoltre tre organi a canne.

L’accesso alla Cattedrale di Parma è libero tutti i giorni dalle 8 alle 19.

Continua a leggere

Veronique Collection: my shopping and honest opinion

IMG_0737

A new week, a new collab here on the blog, but, as always, it was on instagram before. The eshop that contacted me this time to work with them is Veronique Collection. Let’s start with my review!

Shopping experience: the website is nice and easy to follow, it sells both women apparel, accessories and a few cosmetics. Every item has a size guide and a review box.

Shipping: The item took a couple week to get to me, it wasn’t in the best package I’ve seen, I think I was lucky it didn’t broke.

What I got: I’ve chosen an Alexandria Watch in black. As you can see in picture it’s nice and classy and I’m super happy with it cause it matches with everything I wear!

So my final vote for Veronique Collection is 8/10, if I was satisfacted with what I got and the website, shipping was really bad and they should do more for that.

Una nuova settimana, una nuova collaborazione qui sul blog, ma, come sempre, è stata prima su instagram. L’eshop che mi ha contattata stavolta per lavorare con loro è Veronique Collection. Iniziamo con la mia recensione!

Shopping experience: Il sito è carino e facile da seguire, vende sia abbigliamento da donna, che accessori e qualche cosmetico. Ogni pezzo ha una guida alle taglie e un box per le recensioni.

Spedizione: Il prodotto ci ha messo due settimane ad arrivarmi, non era impacchettato nel miglior modo del mondo, penso di essere stata fortunata che non si sia rotto.

Cosa ho ricevuto: Ho scelto un Alexandria Watch in nero. Come potete vedere in foto è fine ed elegante e ne sono superfelice perchè sta bene con qualsiasi cosa io indossi!

Quindi il mio voto finale per Veronique Collection è di 8/10, se sono stata soddisfatta con ciò che ho ricevuto e il sito, non lo sono stata per nulla con la spedizione e dovrebbero sicuramente migliorarla.

Hot Miami Shades: my shopping and honest opinion

IMG_9473

Hey look, another collab! One of my summer one I’d say. As the other times instagram was the first one seeing Hot Miami Shades on me, but today we’re hear together to know more. Let’s start!

Shopping experience: The website is a seller of accessories and beachwear for women, with a good graphic and properly divided by categories. But there was no size guide or review box. (Warning: website is down at the moment).

Shipping: The package took a lifetime to get to me. Two month more or less. Many times I thought it will never came, but I could track it so I knew it exsisted. Luckily it was well packed also with a themed bag.

What I got: Three-piece Bikini With Long Sleeved Blouse in dark green. So it was composed of a bikini and a blouse. So I used them separately since to go to the beach/pool I normally wear a dress, and as you in the first photo the blouse will leave all you booty outside! Blouse material is quite cheap, very see through, but still nice to wear with something underneath. On the contrary the material of the bikini is what I’d see perfect: not see through at all and comfy. Anyway you have to be lucky with sizes cause since I have bigger boobs than belly, the bra was a little tight for me, not something I could dance into, if you know what I mean!

So my final vote for Hot Miami Shades is 6/10. For how much the bikini is beautiful, you cannot wait two months to receive and order without reasons or at least excuses from the seller.

Hey guardate, un’altra collaborazione! Una delle mie estive direi. Come le altre volte instagram è stato il primo a vedermi indossare Hot Miami Shades, ma oggi siamo qui tutti insieme per saperne di più. Cominciamo!

Esperienza di shopping: il sito è un negozio di accessori e costumi da donna, con una bella grafica e accuratamente diviso per categorie. Ma non c’è nessuna guida alle taglie o spazio per le recensioni. (Attenzione: il sito al momento è down).

Spedizione: Il pacchetto ci ha messo un’eternità ad arrivarmi. Circa due mesi. Diverse volte ho pensato che non mi arrivasse, ma potevo tracciarlo perciò ero certa della sua esistenza. Quantomeno era ben impacchettato e con una busta a tema.

Cosa ho ricevuto: Three-piece Bikini With Long Sleeved Blouse in verde scuro. Quindi era composto di un bikini e una blusa. Io li ho usati separatamente siccome per andare al mare o in piscina normalmente indosso un vestito, e come potete vedere dalla prima foto la blusa lascia il sedere completamente fuori! Il materiale della blusa è parecchio cheap, molto trasparente, ma comunque molto carino da indossare con qualcosa sotto. Al contrario il materiale del bikini è quello che direi perfetto: assolutamente coprente e comodo. Tuttavia dovete essere fortunate con le taglie poichè siccome ho il seno più grande dell’addome, il reggiseno è un po’ stretto per me, decisamente non qualcosa in cui potrei ballare, se capite cosa intendo!

Quindi il mio voto finale per Hot Miami Shades è 6/10. Per quanto sia bello il bikini, è inaccettabile aspettare due mesi per ricevere un ordine senza ragioni particolari o quanto meno delle scuse dal rivenditore.

Continua a leggere

Tourist at home: Teatro Farnese

IMG_0709

Let’s take a break from all the reviews and let’s go back to my biggest passion: travel. More than once I thought about starting this column on the blog, but every time something stopped me. But today finally I’m starting it with a giant smile on my face. What am I talking about? Posts about the most beautiful place around my provence, to visit, eat or play. Every post will be dedicated to just one thing so you can use them as a guide to visit my city and around it, with hints of history, where and how finding them. Hope you’re going to like it with all my heart.

Today’s star it’s the city jewel: Teatro Farnese. Teatro Farnese is located in the city centre of Parma inside Palazzo della Pilotta. You need a ticket to access to it (we’ll talk about it later) and once you reach the second floor a giant wood decorated door right in front of you will let you enter the theater. As you can guess from the name the theatre was created by the Farnese family, dukes of Parma and Piacenza. It was Ranuccio the I the one that commisioned its construction for Cosimo the II Medici visit to Parma. Ranuccio wanted to show him the pomp of Parma, but he had to build it in a really short time so it was made of wood and the stautes were made in gypsum than painted in marble. The architect behind the theatre is Giovan Battista Aleotti also known as ‘L’Argenta’. The theatre was ready in 1619, but since Cosimo cancelled his travel to Parma, it wasn’t used until 1628 to celebrate the wedding between Margherita de’ Medici and duke Odoardo. In that occasion after a play called Mercurio and Marte, followed by a joust, the stalls area was flooded and a ship show was played! You can imagine organizing such tinghs costed a lot of money so just a few other plays were played till 1732. After that year, with the Borbone family, the theatre was abandoned. Anyway artists and writers from all the world came to visit the theatre (also one of my favorites: Sir Dickens) and describe it in paints or writings. It was almost completely destroyed by the bombs that were thrown on the palace in 1944 and then rebuilt in 1953 with the original paints and material as much as possible. The theatre was finally reopened in 1965.

Nowadays with one ticket you can access to the theatre, to the National Gallery and the Archeological Museum, both inside Palazzo della Pilotta. The ticket is 10€ if you’re older than 25, between 18 and 25 it’s 2€ and for younger people it’s free. The palace is open from Tuesday to Saturday from 8.30 to 19.00 and on Sunday 13-19.

You can visit the theatre and a small museum around it that tells you a little about its history with original documents. Consider at least half an hour for it.

I hope you’re going to find this series interesting and that this will make you want to pay a visit in my city!

Prendiamoci una pausa da tutte le recensioni e torniamo alla mia passione più grande: il viaggio. Più di una volta ho pensato di iniziare questa rubrica sul blog, ma ogni volta qualcosa mi ha stoppata. Ma oggi finalmente il giorno è arrivato con un gigantesco sorriso sul mio viso. Di cosa sto parlando? Di post dedicati ai più bei posti nella mia provincia da visitare, per mangiare o divertirsi. Ogni post sarà dedicato a una singola cosa, di modo che possiate usarli come guida per visitare la mia città e i suoi dintorni, con cenni di storia, dove e quando trovarli. Spero con tutto il cuore che vi piaccia.

La star di oggi è il gioiello della città: il Teatro Farnese. Il Teatro Farnese si trova nel centro della città, all’interno del Palazzo della Pilotta. Vi servirà un biglietto per entrare (di questo ne parleremo più tardi) e una volta che raggiungerete il secondo piano, un gigantesco portone in legno decorato vi farà accedere al teatro. Come potete immaginare il teatro fu fatto costruire dalla famiglia Farnese, duchi di Parma e Piacenza. In particolare fu Ranuccio I colui che commissionò la sua costruzione per l’arrivo a Parma in visita di Cosimo II de’ Medici. Ranuccio voleva mostrargli lo sfarzo di Parma, ma allo stesso tempo doveva costruirlo in tempi brevi perciò fu utlizzato il legno e le statue furono scolpite nel gesso e poi dipinte effetto marmo. L’architetto dietro il teatro fu Giovan Battista Aleotti, detto ‘L’Argenta’. Il teatro fu pronto nel 1619, ma siccome fu cancellata la visita di Cosimo, non fu utilizzato fino al 1628 per il matrimionio di Margherita de’ Medici col duca Odoardo. In quell’occasione dopo uno spettacolo intitolato Mercurio e Marte, seguito da un torneo, la platea fu inondata e uno spettacolo con tanto di navi prese vita. Potete immaginare che organizzare questo tipo di spettacoli costasse molto quindi fu usato poche altre volte fino al 1732. Dopo quell’anno, con la famiglia Borbone, il teatro fu abbandonato. Tuttavia artisti e letterati da tutto il mondo continuarono a venire a Parma per visitarlo (tra cui uno dei miei preferiti: Sir Dickens) e descriverlo in dipinti e scritti. Fu quasi completamente distrutto dalle bombe lanciate sul palazzo nel 1944 e poi ricostruito nel 1953 con i dipinti originali e il più possibile con i matariali originali. Il teatro fu infine riaperto nel 1965.

Oggi con un unico biglietto potete visitare il teatro, la Galleria Nazionale e il Museo Archeologico, entrambi all’interno del Palazzo della Pilotta. Il biglietto costa 10€ se avete più di 25 anni, 2€ se siete tra i 18 e i 25 ed è gratuito per chi è più giovane. Il Palazzo è aperto dal martedì al sabato dalle 8.30 alle 19 e la domenica dalle 13 alle 19.

Potete visitare il teatro e un piccolo museo attorno che vi racconta un po’ della sua storia con documenti originali.

Spero troviate questa serie interessante e che vi invogli a far visita alla mia città!

Continua a leggere